A- A+
Home
3 Marzo: giornata mondiale  dell’udito non sentire isola e accelera il declino

‘Ben 8 milioni di italiani hanno problemi di udito (oltre il 12%) e il 70% di queste persone ad oggi non è curata a causa di stereotipi sociali e design obsoleti degli apparecchi acustici’ sono questi alcuni fra i dati, preoccupanti,rilevati dall’indagine EuroTrak Italia 2018.

 

Il sondaggio, a cui hanno partecipato oltre 15000 italiani, ha fatto emergere le più significative criticità legate ai disturbi uditivi, alla loro percezione psicologica e più in generale alle condizioni di  vita personale, professionale e relazionale di chi ne soffre. 

La sordità si puo' curare. Molti stereotipi falsi sulla malattia

Per contro l’utilizzo dei dispositivi di recupero sensoriale, nel nostro paese, è sotto il 30%. Questo sta a significare che il 70% delle persone con disturbi uditivi ad oggi non è trattata.

 

Il sondaggio ha rilevato le diverse motivazioni: dal disagio nel portare un apparecchio, sentito dal 59% degli interpellati, al 53% che non lo ha acquistato per il pessimo design, fino al 61% che non ha preso nemmeno in considerazione l’acquisto in quanto considera scomodo l’apparecchio.

 

Al contrario chi ha superato questi dubbi e ha comperato un dispositivo acustico sostiene di avere avuto un netto miglioramento della sua condizione ( ben il 97%).

Il livello di soddisfazione delle persone è dell’ 81% e il 72% rimpiange di non averlo acquistato prima.

 

Anche molti stereotipi legati alla sordità e alla vita sociale si sono dimostrati falsi : il 54% di chi porta apparecchi acustici non si è mai sentito rifiutato o deriso per il fatto di indossare i dispositivi, mentre sentimenti di rifiuto o derisione sono stati percepiti invece dal 77% di coloro che non hanno curato il problema.

La sordità si puo' curare. Il rischio dell'isolamento sociale

“La verità è che se non adeguatamente corretti i deficit uditivi portano all’isolamento sociale fino ad arrivare alla degenerazione cognitiva” ha affermato Barbara Zancan, Ceo di Sivantos Italia, azienda multinazionale leader nella produzione e distribuzione di apparecchi acustici.

 

Con il proprio brand Signia l’azienda ha appena presentato Styletto, un prodotto destinato a rivoluzionare l’immagine degli apparecchi acustici.

 

“A differenza della vista, il calo dell’udito è vissuto molto spesso come uno stigma, qualcosa di cui vergognarsi- prosegue la numero uno di Sivantos Italia- è un mondo in genere sconosciuto o ritenuto “deprimente” e simbolo di “vecchiaia”.

 

Le attività operative dell'ex divisione apparecchi acustici Siemens AG sono state riunite nel gruppo Sivantos dall'inizio del 2015.

 

Sivantos può contare su 140 anni di ingegneria tedesca e innumerevoli innovazioni globali.

 

Oggi è uno dei principali produttori di apparecchi acustici in tutto il mondo con i brand Signia, Audio Service, Rexton e altri.

 

Con i suoi circa 6.000 dipendenti, il gruppo ha ricavi registrati per 1100 milioni di euro nell'esercizio 2017/2018.

 

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    sorditàapparecchi acustici
    Loading...
    in evidenza
    Caos Salah-Alessandra Ambrosio "Atti osceni in luogo pubblico"

    Egitto, scoppia la polemica

    Caos Salah-Alessandra Ambrosio
    "Atti osceni in luogo pubblico"

    i più visti
    in vetrina
    Francesca Manzini nuda contro il body shaming. FOTO

    Francesca Manzini nuda contro il body shaming. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Leasys presenta CarCloud, il primo abbonamento alla mobilità

    Leasys presenta CarCloud, il primo abbonamento alla mobilità


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.