A- A+
Controvento
Renzi e il fallimento della rottamazione

La politica vive di slogan, da sempre. Nei tempi recenti le formule proposte ai cittadini sono spesso tratte dal repertorio della pubblicità. Ecco perché l’idea della rottamazione, lanciata da Renzi al tempo della sua scalata al PD e a Palazzo Chigi, per quanto scioccante e brutale (rottamare le persone non è troppo politically correct), colpiva nel segno.

L’assunto renziano era quasi uguale a quello di Grillo: i nostri predecessori alla guida del Paese hanno fallito; non hanno saputo riformare, rinnovare la società, far funzionare al meglio lo Stato. Serve dunque un taglio netto con il passato, affidando il compito di portare l’Italia fuori dalla palude ad una classe dirigente nuova, spregiudicata (nel senso di priva di pregiudizi e remore), brillante; quindi giovane in tutti i sensi.

Grillo e i suoi hanno però capito una cosa: che una proposta così radicale ha bisogno di risultati tangibili immediati, tali da raccogliere subito l’apprezzamento di un elettorato deluso, frustrato da promesse non mantenute, preoccupato per la crisi dell’economia e dell’occupazione. Di qui la scelta della solitudine: i 5 Stelle non si accordano con nessuno, non accettano nessun “inciucio”. Formula buona per arrivare primi, ma lasciando ad altri la responsabilità di governo. Quello che tutte le previsioni e i sondaggi finora prospettano (salvo verifica ad elezioni concluse).

Renzi non ha voluto (o potuto) fare altrettanto. Doveva puntare al governo ieri, oggi e domani, e scontarne le conseguenze. Compreso l’effetto boomerang della rottamazione, che infatti gli viene gettata in faccia con una notevole dose di scherno.

Rottamazione è una proposta commerciale che tutti gli italiani capiscono: consegna la tua Punto ad un demolitore, e così tra sconti e agevolazioni potrai avere una macchina nuova, che consuma meno, è più sicura, e varrà di più anche da usata. L'auto nuova l'avrai subito, nel giro di qualche giorno o settimana. Potrai misurare immediatamente il vantaggio di metterti al passo con le novità della tecnica e del mercato.

Qui sta il guaio. Ai tempi, ormai mitici, del 40% al PD nelle elezioni europee, la rottamazione aveva sedotto la maggioranza, per lo meno relativa, degli italiani. I quali poi però hanno visto che l’auto nuova, nettamente migliore della vecchia, non arrivava; o se era arrivata non funzionava gran che. Il consenso, le aperture di credito da parte degli elettori, in questi tempi di impazienza diffusa durano al massimo qualche mese. Vale per l’Italia, la Spagna, la Germania, la Francia e anche per gli Stati Uniti, dove Trump ha cominciato a perdere nelle votazioni locali.

Alla vigilia di un’elezione non si può promettere “lacrime, sangue e sudore”; ma anche prospettare svolte meravigliose, alla fine, non rende.

Tags:
rottamazionerenzirenzi rottamazionematteo renzi

in vetrina
Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

i più visti
in evidenza
Fashion Week, nuove tendenze Paillettes, biker shorts e...

Costume

Fashion Week, nuove tendenze
Paillettes, biker shorts e...

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Porsche: addio al Diesel

Porsche: addio al Diesel

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.