A- A+
Controvento
Terrorismo New York: macché paura e rabbia, certi terroristi fanno pena

Se il pomeriggio di martedì a Lower Manhattan un furgone guidato da un ubriaco o da un drogato avesse falciato 8 passanti ferendone parecchi altri la notizia avrebbe a mala pena varcato i confini degli Stati Uniti. La vita di tutti noi, nelle città o fuori, è seminata di pericoli e di fatalità. I morti sulle strade sono migliaia; gli incidenti accadono perché parecchi al volante non badano alla vita degli altri.


Questi terroristi da retrobottega si illudono se pensano di seminare la paura, cambiare la vita di popolazioni intere, diffondere un senso di impotenza e frustrazione, e alla lunga sconfiggere la civiltà occidentale.


Parigi, Londra, Berlino, Bruxelles, Barcellona, Nizza e altre città europee hanno subito attacchi gravi di fanatici esaltati. Nessuna ha cambiato stile di vita, di lavoro, di svago. New York, dopo la strage di Halloween, non ha rinunciato al proprio calendario, e domenica la maratona si svolgerà regolarmente.


Si scopre sempre che questi soggetti come l’uzbeko di Manhattan (non mi ricordo come diavolo si chiama, e poi perché dovrei ricordarmelo?) non sono diventati terroristi lungo un percorso religioso, non sono islamici radicalizzati; sono radicali islamizzati, maniaci con la voglia di uccidere che hanno trovato nel jihadismo una bandiera purchessia. Potevano aderire a qualche banda di hooligans o di ultras del tifo sportivo, ma lì la violenza non era così estrema.


La loro molla non è il fanatismo; è l’esibizionismo. La possibilità di vivere il famoso “quarto d’ora di celebrità”. I media gli corrono dietro con le non stop televisive; i politici tuonano, come Trump, invocando condanne a morte e abolizione delle green card per i permessi di soggiorno. Nel clamore e nel lutto è inevitabile che i governanti alzino la voce per mostrarsi reattivi.


Ma in definitiva quelle azioni omicide risulteranno irrilevanti, totalmente inutili a qualsiasi causa politica o religiosa che sia.


L’Occidente della società aperta e della liberaldemocrazia ha retto a ben altro: ha sopportato e poi sconfitto il fascismo e il nazismo, la shoah, lo stalinismo, il terrorismo politico che ha colpito nell’ultimo scorcio del Novecento in Italia, Germania, Spagna, Gran Bretagna. E ha tirato dritto.


Quattro mentecatti che cercano “gloria” investendo pedoni e ciclisti fanno chiasso e cronaca, e certo provocano lutti e dolore; ma e sicuro che non riusciranno a segnare la storia.

Tags:
terrorismo new yorknew york terrorismoterrorismoterroristi
in vetrina
Neve in pianura. Neve a Milano e Torino. Confermato. Ecco quando. Meteo neve

Neve in pianura. Neve a Milano e Torino. Confermato. Ecco quando. Meteo neve

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Cesare Battisti visto dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Cesare Battisti visto dall'artista


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nissan presenta l’innovativo Concept-van NV300

Nissan presenta l’innovativo Concept-van NV300


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.