Rigoletto

di Angelo de' Cherubini

A- A+
Il rigoletto
Plastica, ogni anno 12,7 mln di tonnellate nell'oceano. Ecco come vivere senza

Circa 12,7 milioni di tonnellate di plastica stanno invadendo l’oceano ogni anno, uccidendo oltre un milione di uccelli e 100.000 mammiferi marini. Entro il 2050 potrebbe esserci più plastica nell’oceano che pesci, in termini di peso.

IMG 3463
 

Questo tipo di inquinamento è il flagello ambientale della nostra epoca, ma come possiamo NOI fare la differenza?

Questa guida accessibile, scritta dall’attivista in prima linea del movimento anti-plastica, ci insegna come mettere in pratica piccoli cambiamenti che fanno una grande differenza. I suggerimenti per rinunciare alla plastica, o quantomeno ridurne al minimo l’utilizzo, includono:

Lavare i vestiti all’interno di una sacca per raccogliere le microparticelle di plastica (causa del 30% dell’inquinamento nell’oceano);    Sostituire il normale shampoo con uno shampoo solido;    Insistere con il supermercato per rinunciare agli imballaggi non necessari;    Organizzare una festa di compleanno senza plastica;    Convincere gli altri a unirsi a noi nel rinunciare alla plastica.

IMG 3465
 

La plastica non si elimina senza combattere. Abbiamo bisogno di un movimento composto da miliardi di gesti individuali, che unisca persone provenienti da tutti gli ambienti e da tutte le culture, le cui voci si sentano dal più piccolo villaggio ai grattacieli più alti.

IMG 3466
 

L'autore

Will McCallum è alla guida della campagna globale di Greenpeace per istituire la più grande area protetta del mondo nell’Oceano Australe. Di recente ha trascorso con la sua squadra un mese in Antartide, per scoprire se la plastica avesse raggiunto anche la regione più remota del pianeta.

vivere senza plastica
La copertina del libro

Vivere sebza plastica, una  guida per cambiare il mondo, una bottiglia di plastica alla volta
Autore: Will McCallum
Prezzo: 15,00 euro
Edizione Harper Collins

Prefazione

L'emergenza dell'inquinamento da plastica negli oceani ha catturato l'attenzione pubblica come nessun altro problema ambientale nella storia recente. Decine di milioni di persone in tutto il mondo hanno visto Blue Planet II, la fortunata serie di David Attenborough, restando ammutolite e sconvolte di fronte alla scena di un albatros che dava da mangiare ai suoi pulcini piccoli frammenti di plastica, scambiandoli per cibo. A tutti noi è capitato di passeggiare in un posto meraviglioso e imbatterci in un pezzo di plastica che deturpa, l'ambiente circostante. Gli studi scientifici sugli effetti dell'inquinamento da plastica e la ricerca di soluzioni per arginarlo sono ancora agli inizi; ciononostante, quanto più comprendiamo le effettive proporzioni del problema, tanto più cresce il desiderio di agire.Negli anni che ho dedicato alla lotta contro la plastica, la domanda che più di frequente mi è statarivolta è: «Che cosa posso fare per contribuire?». In Vivere senza plastica troverete tutte le informazioni indispensabili per fare, con consapevolezza, quelle scelte necessarie a eliminare la plastica dalle vostre vite.

Raccogliere in queste pagine le soluzioni alternative a ogni singolo prodotto in plastica sarebbe stato impossibile, tanto più che, considerato il ritmo dei progressi nel campo della ricerca e dell'innovazione, il loro numero sarebbe comunque aumentato in pochi mesi dalla pubblicazione. Pertanto ho scelto di segnalare diverse fonti utili a reperire notizie sui prodotti di cui non parlo direttamente, oltre a fornire dati e statistiche sull'argomento e indicare gli strumenti necessari a organizzare una campagna con cui persuadere amici, parenti, colleghi, aziende e politici locali a unirsi a voi nel viaggio verso un mondo in cui l'inquinamento da plastica diventi un problema del passato.La plastica di cui parlo in questo libro è soprattutto quella usa e getta, che viene utilizzata una sola volta per poi essere buttata, e che spesso impiega secoli prima di decomporsi.

Sacchetti, cannucce, bicchieri e imballaggi: ho scelto di concentrarmi su questi oggetti perché, oltre a rappresentare un problema sempre più grave per gli oceani di tutto il mondo, costituiscono anche una categoria di prodotti su cui come individui possiamo avere un impatto maggiore, nelle nostre case come nelle nostre comunità. Inoltre, a mio parere, sono il simbolo dell'emergenza plastica. Non che questo materiale - economico, duttile e in molti casi imprescindibile quando impiegato in dispositivi medici - sia intrinsecamente dannoso. Ma abbiamo maturato una cultura dell'usa e getta nociva per la società e per gli oceani - e se il problema dell'inquinamento da plastica dei nostri mari ha un qualche effetto positivo, è proprio quello di fornire un catalizzatore capace di spronarci ad abbandonare a questo modello distruttivo.In conclusione, vorrei aggiungere qualche parola su quanto la plastica possa essere necessaria nella vita di alcune persone, ad esempio quanti hanno problemi di mobilità che li costringono a bere con una cannuccia, o chi vive dove l'acqua del rubinetto non è potabile - a volte esistono buone ragioni per ricorrere alla plastica monouso. Simili eccezioni alla regola dimostrano che l'obiettivo di eliminare la plastica non deve farci puntare il dito senza prima aver cercato di comprendere le specifiche circostanze. Circostanze che aziende e governi non dovrebbero tuttavia sfruttare come scusa per rinunciare all'azione e all'innovazione nella ricerca di soluzioni alternative, come spiega Jamie Szymkowiak, fondatore dell'organiz,zazione per i diritti dei disabili One in Fiye, nel capitolò 8. La plastica è diventata talmente onnipresente che, se vogliamo avere qualche possibilità di successo, eliminarla dalle nostre vite dev'essere un percorso capace di unire le persone, indipendentemente dalle loro situazioni e condizioni.

Commenti
    Tags:
    rigolettovivere senza plastica
    Loading...
    in evidenza
    Sanremo Young va in pensione Cancellato il talent della Clerici

    Rai

    Sanremo Young va in pensione
    Cancellato il talent della Clerici

    i più visti
    in vetrina
    BELEN, LA FARFALLINA TORNA PIU' BELLA CHE MAI... Le foto delle Vip

    BELEN, LA FARFALLINA TORNA PIU' BELLA CHE MAI... Le foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Transit connect, il leggero di casa Ford è un concentrato di tecnologia

    Transit connect, il leggero di casa Ford è un concentrato di tecnologia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.