Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Comunione e separazione

di Sara Severini

Debiti contratti in regime di comunione legale

Hai problemi con il coniuge, vuoi separarti ma non conosci le normative? Devi affrontare un divorzio e non sai come fare? Su Affaritaliani.it c'è una rubrica per te. Scrivi all'avvocato matrimonialista Sara Severini alla e-mail comunione_separazione@affaritaliani.it

 

Domanda
 Buongiorno avvocato, vorrei avviare una separazione da mia moglie che secondo la volontà di entrambi, dovrebbe essere consensuale. Tuttavia la questione più spinosa sono i debiti contratti nell'arco del matrimonio. Io credo che al di là di chi fra noi ha avanzato l'eventuale richiesta o firmato i vari documenti per ottenere i vari prestiti, dato che vi è un regime di comunione legale, i debiti siano da suddividere equamente fra le parti. É così? Grazie mille

Risposta
Il regime patrimoniale della famiglia, in assenza di diversa convenzione tra i coniugi , è quello della comunione dei beni ex art. 159 codice civile . e, comporta la contitolarità e cogestione da parte dei coniugi dei beni acquistati, anche separatamente, in costanza di matrimonio I beni della comunione rispondono ai sensi dell'art. 186 cod. civ. dei debiti riguardanti: a. pesi e oneri gravanti sui beni comuni al momento dell’acquisto (mutui, ipoteche, ecc.). b. carichi dell’amministrazione dei beni stessi (per esempio le spese condominiali). c. spese per il mantenimento della famiglia e l’istruzione ed educazione dei figli ed ogni altra obbligazione contratta dai coniugi, anche separatamente, nell'interesse della famiglia d. ogni altra obbligazione contratta congiuntamente dai coniugi. In tali casi i creditori potranno rifarsi sui beni della comunione, anche qualora i debiti siano stati contratti da un solo coniuge. Tuttavia qualora il coniuge abbia contratto debiti personali, egli risponderà con il proprio patrimonio, e solo nel caso in cui si riveli insufficiente i creditori possono aggredire i beni appartenenti alla comunione, fino alla metà. In particolare, sono debiti personali di ciascun coniuge: a. obbligazioni assunte da ciascun coniuge prima del matrimonio, oppure successivamente ma prima della costituzione della comunione legale (nel caso i cui i coniugi scelgano la separazione dei beni, e solo in un secondo momento scelgano la comunione) (art. 187 cod. civ.) b. debiti che gravano su beni donati o ricevuti per successione dal coniuge che non siano stati attribuiti alla comunione (art. 188 cod. civ.) c. debiti assunti dopo il matrimonio da uno dei coniugi per compiere atti di straordinaria amministrazione della comunione, senza il consenso dell’altro coniuge (art. 189 cod.civ.) d. debiti assunti nell’esercizio della professione o dell’impresa del coniuge, o per l’acquisto di beni personali; e. obbligazioni risarcitorie che sorgono da un fatto illecito commesso dal coniuge. In conclusione, quindi , nonostante il regime di comunione legale può accadere che il coniuge si trovi a rispondere personalmente dei propri debiti, e solo in via sussidiaria essi graveranno sui beni della comunione. Occorrerà indagare la causa e la finalità per cui tale debito è stato contratto.




COSA PENSI DI QUESTO ARTICOLO:

Condividi su

aiTV

2014, un anno di immagini divertenti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

In vetrina

Elisabetta Gregoraci seduce Instagram... Foto

In evidenza

Libri & Editori

Markus Zusak torna in libreria
Io sono il messaggero

Dopo il grande successo di Storia di una ladra di libri con 450.000 copie vendute, per 12 settimane nella top ten delle classifiche italiane, torna Markus Zusak con un altro romanzo e un nuovo giovanissimo eroe, coraggioso e sognatore
L'opinione di Mediolanum
we chat

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it