A- A+
Comunione e separazione
Impresa familiare e separazione tra i coniugi

Hai problemi con il coniuge, vuoi separarti ma non conosci le normative? Devi affrontare un divorzio e non sai come fare? Su Affaritaliani.it c'è una rubrica per te. Scrivi all'avvocato matrimonialista Sara Severini alla e-mail comunione_separazione@affaritaliani.it

Domanda

Buongiorno,

sono sposato in separazione dei beni. Ho una figlia di due anni ed abbiamo creato con mia moglie un’impresa familiare alcuni anni fa . Ci separeremo sicuramente e volevo sapere in linea di massima quali sono i miei diritti in merito?

Grazie

Risposta

L'impresa familiare è disciplinata dall'art. 230 bis del codice civile e può definirsi come un' impresa in cui collaborano il coniuge, i parenti entro il terzo grado (figli o discendenti, fratelli, zii e nipoti, nonni e bisnonni) e gli affini entro il secondo grado (cognati, suoceri, generi e nuore), qualora non sia configurabile un diverso rapporto (es. lavoro subordinato). Essa prevede che, salvo che sia configurabile un diverso rapporto, il familiare che presti in modo continuativo la propria attività di lavoro nell'impresa abbia diritto al mantenimento secondo la condizione patrimoniale della famiglia (ovvero a a ricevere quanto occorra per soddisfare le esigenze di vita nei limiti delle condizioni patrimoniali dell’imprenditore) e il diritto di partecipare agli utili e/o agli incrementi dell'azienda in proporzione alla qualità e quantità del lavoro prestato. Si discute in merito agli effetti che la separazione tra coniugi produco sull’impresa familiare.

Nel silenzio normativo, la dottrina e la giurisprudenza hanno prospettato molteplici e contrastanti soluzioni. Tra le varie teorie, quella prevalente ritiene che “la separazione personale non produce di per sé la cessazione del rapporto di impresa familiare ove alla stessa non si accompagni pure il venir meno dell’attività lavorativa L' opinione maggioritaria esclude infatti che la separazione personale possa incidere sullo svolgimento del rapporto di impresa familiare, e questo perché essa non determina il venir meno dello status di coniuge; anche se non si nasconde che di frequente la separazione provochi il recesso del coniuge separato. Quindi, nel caso in cui il coniuge, a seguito di separazione, decida di recedere dall’impresa familiare questi, ai sensi e per gli effetti del 4° comma dell’art. 230 bis c.c., ha diritto di essere liquidato. Infatti, la citata norma prescrive che “il diritto si partecipazione può essere liquidato in denaro alla cessazione, per qualsiasi causa, della prestazione del lavoro.

Tags:
comunioneseparazione
in vetrina
Eurogames: su Canale 5 tornano i Giochi senza frontiere. Ilary Blasi: "La tv anni '80-'90 era stupenda"

Eurogames: su Canale 5 tornano i Giochi senza frontiere. Ilary Blasi: "La tv anni '80-'90 era stupenda"

i più visti
in evidenza
Ufo, l'ammissione della US Navy Video veri, oggetti non identificati

Cronache

Ufo, l'ammissione della US Navy
Video veri, oggetti non identificati


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Milano Monza Open-Air Motor Show, a giugno il salone dinamico e democratico

Milano Monza Open-Air Motor Show, a giugno il salone dinamico e democratico


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.