A- A+
Comunione e separazione
Infedeltà apparente ed addebito della separazione al coniuge

Domanda

Egregio avvocato,
vivo un momento molto difficile con mia moglie. Siamo sposati da alcuni anni e da qualche tempo chatta e  in palestra si lascia andare ad effusioni pubbliche ed atteggiamenti equivoci con un istruttore molto più giovane di lei. Può immaginare quando vado là ….vengo deriso da tutti e sono in notevole imbarazzo. Per ora vedo questo e non ho prove di rapporti sessuali tra di loro...basta per dargli la colpa della separazione?

Risposta
La fedeltà reciproca costituisce uno dei  doveri coniugali  contemplati all'art. 143 c.c. e consiste nell'impegno, ricadente su ciascun coniuge, di non tradire la fiducia reciproca, di non offendere irreparabilmente l'onore e la dignità dell' altro coniuge e non deve essere inteso soltanto come astensione da relazioni sessuali extraconiugali . Conseguentemente, rilevano anche dei comportamenti che pur non costituendo adulterio, sono gravemente ingiuriosi nei confronti dell'altro coniuge e possono giustificare l'addebito della separazione: la c.d. infedeltà apparente.

Essa si caratterizza per i seguenti aspetti:

-condotta che fa sorgere nell'altro coniuge e nei terzi il fondato sospetto del tradimento

-consapevolezza e volontà di commettere un fatto lesivo dell'altrui onore e dignità

-pregiudizio alla dignità personale dell'altro coniuge, tenuto conto della sua sensibilità e dell'ambiente in

cui vive.

Rileva per la giurisprudenza quale infedeltà apparente il comportamento di un coniuge, che  intrattiene una relazione platonica che dati gli aspetti esteriori ( ad esempio approcci pubblici e insistenti verso un'altra persona)e l'ambiente ristretto in cui i  coniugi vivono, fa supporre l'esistenza di una relazione extraconiugale, comportando offesa alla dignità e all'onore dell'altro coniuge, anche se in concreto una relazione non si è ancora stabilizzata.

Inoltre, la violazione del dovere di fedeltà coniugale, qualora determini la fine del matrimonio, è motivo di addebito della separazione: esso non è automatico ma il giudice dovrà accertare il nesso causale tra infedeltà e crisi coniugale.

In chiusura, colgo l'occasione per augurare a tutti i lettori di Affaritaliani delle serene festività natalizie e comunicare che la rubrica sarà sospesa in tale periodo.

Tags:
infedeltàaddebitoseparazioneconiuge

in vetrina
Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

i più visti
in evidenza
Si ferma anche Calhanoglu Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Milan News

Si ferma anche Calhanoglu
Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.