A- A+
Comunione e separazione
Riduzione dell'assegno di mantenimento se l'ex coniuge lavora in nero

Domanda

Preg.ma avvocato,

mi sono separato alcuni di matrimonio ed ormai è trascorso molto tempo.

Da quella data verso mensilmente alla mia ex il mantenimento .

La mia domanda è la seguente: è mai possibile che un assegno di mantenimento debba essere interpretato come un vitalizio?

La mia ex moglie ha sempre e solo svolto  vari lavoretti in nero ha mantenuto sempre questo status. Posso fare qualcosa ?

La ringrazio anticipatamente e le invio i migliori saluti

 

Risposta

I provvedimenti adottati in materia di separazione sono sempre modificabili sia nel corso del giudizio di separazione sia successivamente alla sentenza o all'omologa, qualora intervengano nuove circostanze di fatto e di diritto, ai sensi dell' art. 710 c. p.c.

 

Giustifica la richiesta di revisione dei provvedimenti il sopravvenire di  circostanze non previste o non prevedibili dalle parti in sede di separazione che sono in grado di alterare l'equilibrio economico all'epoca accertato.

In altri termini, deve trattarsi di un mutamento sostanziale e stabile delle condizioni rispetto al momento della pronuncia di separazione che possa giustificare  ( ad esempio formazione di una nuova famiglia, anche di fatto, sopraggiungere di figli o accrescimento delle loro esigenze, svolgimento di una nuova attività lavorativa...)

Il coniuge che chiede la modifica dei provvedimenti adottati in sede di separazione, incluso quindi la revisione o sospensione dell'assegno di mantenimento dovuto al coniuge,  è tenuto a provare che vi è stato un peggioramento delle proprie condizioni economiche oppure un miglioramento di quelle dell'altro.

 

In tal senso, la giurisprudenza ha considerato legittima la richiesta di riduzione proporzionale dell'importo dell'assegno di mantenimento da parte del coniuge obbligato che abbia provato che il coniuge beneficiario abbia iniziato a svolgere una propria attività lavorativa percependo un proprio reddito, ovvero dimostrando che il coniuge avente diritto ha trovato impiego, anche se "in nero"

 

In conclusione quindi, il lavoro del coniuge, pure se in nero, costituisce un elemento della capacità lavorativa e quindi della capacità di guadagno e costituisce motivo di revisione dell'assegno di mantenimento corrisposto a suo favore.

Tags:
comunioneseparazione
in vetrina
Royal baby ma non solo. Meghan Markle e Harry: il video per l'anniversario. ROYAL BABY NEWS

Royal baby ma non solo. Meghan Markle e Harry: il video per l'anniversario. ROYAL BABY NEWS

i più visti
in evidenza
Grande Fratello 16, doppia bomba Due ingressi clamorosi in Casa

News e gallery

Grande Fratello 16, doppia bomba
Due ingressi clamorosi in Casa


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz Sprinter: con la giusta (at)trazione

Mercedes-Benz Sprinter: con la giusta (at)trazione


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.