A- A+
Affari Europei
Barcellona, l'attentato cancella le ambizioni di indipendenza della Catalogna

LE CONSEGUENZE POLITICHE DELL'ATTENTATO DI BARCELLONA

Tra le tante tragiche conseguenze dell'attentato di Barcellona ce n'è un'altra meno tragica ma potenzialmente molto forte sotto il profilo politico. Il terrore può infatti spegnere sul nascere le ambizioni di indipendenza della Catalogna, di cui Barcellona è la capitale.

PRIMO ATTACCO IN SPAGNA DOPO IL 2004

La Spagna è rimasta scioccata dall'attacco a Barcellona. Il paese era rimasto finora immune all'ondata di attacchi terroristici di matrice islamista che hanno insanguinato dal 2015, Francia, Belgio, Svezia, Russia, Turchia e Germania. L'ultimo episodio risaliva all'11 marzo 2004 quando 4 ordigni, piazzati da una cellula di Al Qaeda, esplosero contemporaneamente su altrettanti treni nella stazione madrilena di Atocha causando 192 morti ed oltre 1.800 feriti. Il tutto avvenne tre giorni prima delle elezioni politiche in cui vennero sconfitti i Popolari dell'attuale premier Mariano Rajoy perché ipotizzarono la pista del terrorismo basco dell'Eta subito smentita. Venne eletto il premier socialista José Luiz Rodriguez Zapatero.

LA CAMPAGNA PER IL REFERENDUM SULL'INDIPENDENZA 

Ora il nuovo attacco, a circa 6 settimane dal voto previsto sull'indipendenza. I partiti e i movimenti secessionisti catalani dovrebbero infatti iniziare il 15 settembre la campagna in favore del 'si'' al referendum sull'indipendenza annunciato dal presidente della Catalogna per il 1 ottobre nonostante il veto di Madrid. La campagna dovrebbe essere "unitaria" e "coordinata" con l'interesse dei tre partiti secessionisti che hanno la maggioranza assoluta nel parlamento di Barcellona, il PdeCat di Puigdemont, Erc del vicepresidente Oriol Junqueras e i radicali di sinistra della Cup. I partiti 'unionisti' spagnoli, che considerano il referendum anti-costituzionale, non prevedono di fare campagna istituzionale.

RAJOY E IL RE VOGLIONO IMPEDIRE IL VOTO

Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha sempre promesso di impedire lo svolgimento del referendum. E ora il suo compito potrebbe essere facilitato proprio dal sanguinoso attentato sulla Rambla. Nelle ore immediatamente successive all'attacco la Casa Reale ha diffuso un messaggio fortemente ispirato all'unità della Spagna. Il re Felipe VI ha condannato l'attentato di Barcellona definendo gli autori "assassini, semplicemente criminali che non riusciranno a terrorizzarci. Tuta la Spagna è Barcellona. Le Ramblas torneranno ad essere di tutti". 

IPOTESI ANNULLAMENTO O RINVIO

 

Il messaggio reale, insieme al sentimento di solidarietà che in queste ore attraversa il paese e alla paura, può davvero fare breccia. Difficile ora per gli indipendentisti catalani concentrarsi su un tema spinoso e dibattuto come quello del referendum di fronte al dramma di vite umane spezzate dal jihadismo. E difficile ancora di più sarebbe andare avanti da soli sotto il profilo della prevenzione e del contrasto al terrorismo. I servizi e le forze di polizia di Madrid sono ovviamente dispiegate in Catalogna e ora la gente inizia a chiedersi quali possono essere le conseguenze dell'indipendenza sotto il profilo della sicurezza. L'onda emotiva dell'attentato potrebbe ribaltare i pronostici in vista del referendum o addirittura i partiti catalani potrebbero decidere di rinviarlo. E stare, loro malgrado, ancora insieme a Madrid.

Tags:
barcellonacatalognaindipendenza

in vetrina
Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

i più visti
in evidenza
Da Picasso all'arte islamica in Iran Jaca Book, ecco i libri in uscita

Novità editoriali

Da Picasso all'arte islamica in Iran
Jaca Book, ecco i libri in uscita

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.