A- A+
Affari Europei
Bruxelles si schiera a fianco di Ankara. Migranti e Isis, Turchia testa di ponte Ue

Il primo vicepresidente della Commissione Ue Frans Timmermans ha fatto appena in tempo a tornare a Bruxelles da Ankara prima che l'esplosione ad Istanbul facesse una strage di turisti europei. E subito sono arrivati i messaggi di solidarietà dei vertici delle istituzioni Ue. A fianco della Turchia si sono schierati il presidente del Consiglio, Donald Tusk, il 'ministro degli esteri' Ue Federica Mogherini, così come il presidente della Commissione, Jean Claude Juncker.

La Turchia é la chiave di volta della strategia europea volta ad arginare il flusso dei migranti e a combattere la diffusione dell'Isis. Il rapporto é di amore e odio: Bruxelles ha bisogno di Ankara, ma non gli perdona la violazione di alcuni diritti fondamentali, come la libertà di stampa e le persecuzioni dei curdi. D'altro canto Ankara ha bisogno dell'Unione come partner politico e commerciale. Certo, poi ci sono i tre miliardi di euro promessi dal Vecchio Continente per la questione dei richiedenti asilo.

Soldi che tardano ad arrivare per la mancanza di un accordo su chi debba sborsare la cifra. E proprio Timmermans é stato ad Ankara per spingere il governo turco a rispettare i suoi impegni previsti dal piano di azione congiunto Ue-Turchia sulla gestione dell'emergenza profughi. Come ha detto lo stesso Timmermans: "siamo lontani dall'essere soddisfatti per quanto la Turchia sta facendo" sull'attuazione del piano. Infatti, si fa notare dall'esecutivo di Bruxelles, i profughi continuano a partire in gran numero dalle coste turche diretti in Grecia senza che le autorità locali facciano niente per trattenerli.

Ora però l'attenzione di tutti si é inevitabilmente concentrata sulla sicurezza. Nonostante alcune ambiguità il governo di Ankara é uno dei pochi dell'aria attivo nel contrasto all'Isis. Dopo le critiche piovute da più parti il ministro dell'Interno ha comunicato che ben 35mila combattenti dell'Isis sono stati fermati alle frontiere mentre molte centinaia di europei, che volevano arruolarsi, sono stati bloccati prima che diventassero foreign fighters. E se dietro agli attentati si dovesse confermare la presenza dell'Isis, e non quella curda, sarebbe la conferma che Ankara é entrato nella black list del Califfo.

Insomma, a Bruxelles e nelle altre cancellerie europee preferirebbero che Ankara seguisse le raccomandazioni per una amggiore attenzione verso lo 'stato di diritto'. C'é anche pero la consapevolezza che la Turchia é un Paese essenziale e che l'Unione dovrá sostenerlo politicamente e forse anche finanziariamente.

Tags:
turchiaeuropaattentatimigrantiisis
in vetrina
LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS

LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS

i più visti
in evidenza
Heidi Klum, Taylor Mega e poi... Tutti i topless da urlo (e non solo)

Belen, Diletta Leotta e... GALLERY

Heidi Klum, Taylor Mega e poi...
Tutti i topless da urlo (e non solo)


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Francoforte 2019: Volkswagen presenta la nuova immagine del brand

Francoforte 2019: Volkswagen presenta la nuova immagine del brand


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.