A- A+
Affari Europei
Contratto romeno ma lavoro in Italia. Cosí le imprese sfruttano le norme Ue
coda di tir in autostrada

Lavoravano in Italia come autisti di tir, ma lo stipendio lo percepivano in lea, la moneta romena. E' lo scandalo scoppiato a Stradella, in provincia di Pavia, dove 70 dipendenti di un colosso internazionale della logistica sono entrati in sciopero a causa del contratto che erano stati obbligati a firmare. Per lavorare, questo il ricatto, avevano dovuto accettare di risultare come dipendenti di una agenzia interinale romena da cui percepivano lo stipendio in valuta locale (appena 307 euro al mese) nonostante lavorassero in Italia.

La truffa: lavoro in Italia, contratto romeno

Lo sciopero ha fatto scoppiare il caso, ma non é la prima volta che le aziende sfruttano le norme europee (in questo caso illegalmente) per pagare meno i loro dipendenti. Giá, perché uno dei principi cardine dell'Unione europea é la libera circolazione delle persone e dei lavoratori. Un italiano puó essere assunto in Germania senza dover chiedere green card o passare attraverso procedure burocratiche particolari. Così come un avvocato o un dentista nostrani possono aprire uno studio in Danimarca o Polonia senza oneri aggiuntivi o fare richiesta per una concessione pubblica (la famigerata Direttiva Bolkestein).

La nuova frontiera dell'Europa: il dumping sociale

Capita peró che questi principi, sacrosanti, siano sfruttati dalle aziende per fare dumping sociale. Date le profonde differenze di retribuzione all'interno dell'Europa, basti pensare al gap tra un salario britannico e uno bulgaro, le aziende delocalizzano nell'Europa dell'est. E quando questo non é possibile assumono personale con contratti di Paesi dell'est. Questo tuttavia é illegale, come é accaduto a Stradella, visto che i dipendenti erano italiani e lavoravano in Italia per una ditta con sede italiana (anche se attraverso una agenzia interinale romena).

Il caso dei camionisti pagati in Polonia, ma italiani

Piú difficile invece accertare l'illegalità nel caso dell'autotrasporto all'interno dell'Unione. Capita infatti che per continuare a lavorare un guidatore sia costretto a farsi assumere da una impresa con sede magari in Polonia con contratto e stipendio polacco, anche se poi la famiglia rimane in Italia e il guidatore gira per l'Europa.

Bruxelles ora vuole anche una Europa dei servizi

Se le norme europee offrono in alcuni casi delle scappatoie alle imprese che cercano costantemente il massimo ribasso, a Bruxelles stanno tentando di incentivare anche la creazione di un mercato unico dei servizi bancari, assicurativi e delle telecomunicazioni. Se infatti in linea di principio un cittadino italiano puó farsi assumere in qualunque Paese europeo e una merce puó circolare liberamente, dovrebbe anche valere per i servizi. Un italiano dovrebbe poter stipulare un contratto telefonico con una impresa francese, una assicurazione con una polacca e un mutuo con una britannica. L'obiettivo é aumentare la concorrenza e abbattere i costi.

Tags:
dumping socialeautisti tir polonia
in vetrina
Zaniolo pace con le Iene. De Devitiis si scusa. Rose rosse per mamma Francesca

Zaniolo pace con le Iene. De Devitiis si scusa. Rose rosse per mamma Francesca

i più visti
in evidenza
Stalker perseguitava la Ferilli Ora ha il divieto d'avvicinamento

Cronache

Stalker perseguitava la Ferilli
Ora ha il divieto d'avvicinamento


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova Peugeot 508 si aggiudica il premio Stradivari 2018

Nuova Peugeot 508 si aggiudica il premio Stradivari 2018


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.