A- A+
Affari Europei
Copyright, Europarlamento spaccato: riforma rinviata a settembre

Il Parlamento Europeo ha deciso dinon approvare oggi il mandato per negoziare con il Consiglio la riforma delle regole Ue sul copyright nel mercato digitale. "La decisione della commissione Juri - ha annunciato il vicepresidente dell'Aula Pavel Telicka in Aula a Strasburgo - è stata respinta, pertanto la commissione non può iniziare i negoziati. Il rapporto della commissione verrà messo nell'agenda della prossima sessione plenaria", in settembre. I voti contrari sono stati 318, i favorevoli278 e 31 gli astenuti.

 La plenaria ha dunque respinto il mandato negoziale proposto dalla commissione Giuridica (Juri in gergo comunitario) il 20 giugno. Di conseguenza, la posizione del Parlamento sarà discussa, emendata e votata nel corso della prossima sessione plenaria del 10-14settembre, sempre a Strasburgo.  

Dopo la votazione il relatore Axel Voss (Germania, Ppe) si è detto dispiaciuto per il fatto "che la maggioranza dei deputati non abbia sostenuto la posizione che io e la commissione giuridica abbiamo preparato. Ma ciò fa parte del processo democratico. Torneremo sul tema a settembre con un'ulteriore valutazione per cercare di rispondere alle preoccupazioni dei cittadini, aggiornando nel contempo le norme sul diritto d'autore per il moderno ambiente digitale".  

 Il Regolamento del Parlamento Europeo prevede che se almeno il 10% dei deputati si oppone all'avvio di negoziati con il Consiglio sulla base del testo votato in commissione, si procede a una votazione in plenaria. Martedì, entro la mezzanotte, il numero di deputati necessario ha presentato le proprie obiezioni e la plenaria oggi ha respinto la proposta di avviare i negoziati.

"Perché dovremmo essere contrari a prevenire leviolazioni del copyright? - ha detto Voss prima del voto - perché dovremmo essere contrari alla giusta remunerazione dei creativi e dei giornalisti e a costringere queste grandi piattaforme a prendersi maggiori responsabilità?"

Una "campagna" contro la riforma del copyright "è stata fatta da Google, Facebook, Amazon, che hanno persino incontrato i figli degli eurodeputati: campagne basate su menzogne, perché non c'è alcuna violazione del diritto degli utenti individuali. Tutti continueranno a postare link, tutti potranno scaricare e caricare contenuti concertezza giuridica", ha aggiunto Voss.

Su Twitter la Ccia, l'associazione che fa lobbying per l'industriahi-tech americana, iscritta all'apposito registro Ue e accusata ieridall'eurodeputata francese Virginie Rozière (S&D) di esserel'ispiratrice della campagna scatenata contro la riforma del copyright(l'associazione ieri non ha risposto alla richiesta di un commentoalle accuse), limita la propria soddisfazione al retweet di JimmyWales, fondatore di Wikipedia ("We did it. You did it. Thank you"). Leenciclopedie online sono esplicitamente esentate dagli obblighi, neltesto emendato della direttiva.

In aula, prima del voto, ha parlato anche la relatriceper la commissione Imco (Mercato interno e consumatori), CatherineStihler (S&D, Regno Unito): "Nella nostra commissione - ha detto -siamo riusciti a raggiungere un ampio compromesso che mette insieme unprogresso significativo sul value gap (così viene definita ladifficoltà che hanno i produttori di contenuti a monetizzare e agestire la distribuzione on line dei loro contenuti, ndr),salvaguardando nel contempo i diritti degli utilizzatori di Internet,delle pmi e delle start up".

"Mi rammarico profondamente - ha aggiunto l'europarlamentare scozzese- per il fatto che la posizione della commissione Imco non sia statapresa in considerazione e che il testo della commissione Juri nonraggiunge l'equilibrio di cui ci sarebbe bisogno. Ci sono realipreoccupazioni circa l'effetto dell'articolo 13 sulla libertà diespressione, sollevate da esperti che vanno dal relatore specialedelle Nazioni Unite all'inventore del World Wide Web, Sir Tim BernersLee. Ci sono preoccupazioni dei nostri cittadini: giusto ieri horicevuto una petizione firmata da quasi un milione di persone controil mandato".

"Sebbene ci sia consenso sugli obiettivi che sottendono questa legge,enormi controversie esistono ancora sui metodi proposti. Qualcosa nonva qui. Serve un ampio dibattito. Vi chiedo di rifiutare di dare aquesta legge un percorso rapido, per permettere un dibattito ampio ebasato sui fatti in settembre. Per favore, rifiutate il mandato evotate contro la proposta della commissione Juri", ha concluso laStihler. Gli eurodeputati l'hanno ascoltata e le decisioni vengonorinviate a settembre.

Tags:
copyrightwikipedia

in evidenza
Fashion Week, nuove tendenze Paillettes, biker shorts e...

Costume

Fashion Week, nuove tendenze
Paillettes, biker shorts e...

i più visti
in vetrina
Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Porsche: addio al Diesel

Porsche: addio al Diesel

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.