A- A+
Affari Europei
Elezioni, l'incubo dell'Europa: ingovernabilità e populisti al top
Il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker

Queste elezioni politiche italiane non potevano avere un risultato peggiore sotto il profilo europeo. Il boom del Movimento 5 Stelle che ha sfondato la quota del 30% e il flop di Forza Italia, sorpassato dalla Lega Nord a sfiorare quota 20%, rendono non solo l'Italia un Paese potenzialmente ingovernabile, ma lo mettono anche nelle mani dei partiti anti-sistema, populisti e anti-Europa.

I crucci di Juncker: Italia non più affidabile

E a Bruxelles, nel Palazzo della Commissione europea, Jean Claude Juncker ragiona ormai escludendo l'Italia dal piano di rilancio dell'Europa. Qualunque sia il governo che uscirà dalle geometrie parlamentari, difficilmente avrà le spalle abbastanza larghe da fare le riforme e impegnare l'Italia in un percorso di rilancio del sogno europeo propugnato da Macron in primis e sostenuto anche da Angela Merkel, che proprio questo week end ha ottenuto il via libera da parte della base della Spd alla grande coalizione.

Boom degli anti-sistema: che ne sarà dell'Europa

La domanda che ora tutti si fanno nelle cancellerie d'Europa é una sola: che ne sarà adesso del ruolo dell'Italia in Europa? Tutto dipende dal governo che si formerà, ma i due partiti vincitori, in termini relativi, di questa tornata elettorale, M5S e Lega Nord, hanno programmi variamente anti-europei. Beppe Grillo aveva fatto del referendum sulla moneta unica uno dei suoi punti del programma, salvo poi fare un parziale passo indietro derubricandolo a possibilità. E anche la Lega Nord ha fatto della retorica anti-europea il suo cavallo di battaglia, anche se dopo la sconfitta di Le Pen in Francia i toni si sono abbassati per non impensierire l'elettorato moderato. L'Italia dunque potrebbe fare le valigie e lasciare l'Unione come ha fatto la Gran Bretagna? Improbabile, ma le relazioni Roma-Bruxelles si faranno sicuramente più difficili.

Sfuma la presidenza di Tajani

Visti i numeri la possibilità che Antonio Tajani, attuale presidente del Parlamento europeo, possa diventare il nuovo premier é ora più lontana. Il Centrodestra ha la maggioranza relativa, ma non ha raggiunto il 40% dei voti. E il governo che ora si andrà a formare sarà ballerino e frutto di apparentamenti tutt'altro che naturali. Ergo, difficilmente verrà dato mandato ad un politico di lungo corso, come Tajani, che pure a Bruxelles é apprezzano molto.

Italia centro dell'instabilitá europea

Molto dipenderá dalle alleanze che si formeranno in Parlamento, ma per ora l'Italia rappresenta il centro dell'instabilitá in Europa. Archiviata l'incertezza tedesca, scongiurato il default di Atene e la secessione della Catalogna, l'unico Paese ad impensierire seriamente Bruxelles é l'Italia. Come reagiranno i mercati all'ingovernabilitá? Che misure prenderanno speculatori e fondi internazionali quando Mario Draghi metterá fine al quantitative easing (o arriverá a scadenza il suo mandato). Che ne sará delle riforme per rilanciare l'economia del Paese? Tutti temi ai quali a Bruxelles aspettano risposte.

 

Tags:
unione europea elezionielezioni reazioni ue

in vetrina
Elettra Lamborghini al Grande Fratello Vip 3? Macché: a Ex on the Beach Italia

Elettra Lamborghini al Grande Fratello Vip 3? Macché: a Ex on the Beach Italia

Advertisement
Advertisement
i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Ronaldo visto dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Ronaldo visto dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Il 24 giugno Alfa Romeo compie 108 anni

Il 24 giugno Alfa Romeo compie 108 anni

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.