A- A+
Affari Europei
Germania, la Corte Ue boccia il bollino per le autostrade: "Discriminatorio"

GERMANIA: CORTE UE BOCCIA IL 'BOLLO' PER LE AUTOSTRADE, 'E' DISCRIMINATORIO'

La Corte di Giustizia Ue del Lussemburgo ha bocciato il 'bollo' tedesco per l'uso delle strade federali da parte degli autoveicoli privati, giudicandolo contrario al diritto dell'Unione. Secondo la Corte, questo canone è discriminatorio dato che il suo onere economico grava, in pratica, sui soli proprietari e conducenti di veicoli immatricolati in altri Stati membri. Dal 2015, la Germania ha predisposto il contesto giuridico per l'introduzione di un canone per l'uso delle strade federali, comprese le autostrade, da parte degli autoveicoli privati: il cosiddetto "canone per l'uso delle infrastrutture".

BOCCIATURA UE PER LA GERMANIA

In base al provvedimento, non ancora introdotto, tutti i proprietari di veicoli immatricolati in Germania dovranno versare il canone, sotto forma di bollo annuo, per un importo massimo pari a 130 euro. Per quanto concerne i veicoli immatricolati all'estero, il canone dovrà essere pagato (dal proprietario o dal conducente) solo in caso di uso delle autostrade. Parallelamente, la Germania ha previsto che, a partire dalla raccolta del canone per l'uso delle infrastrutture, i proprietari di veicoli immatricolati in Germania beneficeranno di un'esenzione dalla tassa sugli autoveicoli per un importo almeno equivalente a quello del canone da essi versato.

TUTTO NASCE DA UN RICORSO DI AUSTRIA E OLANDA

La vicina Austria, che ha presentato il ricorso alla Corte del Lussemburgo col sostegno dell'Olanda, ritiene che l'effetto combinato del canone per l'uso delle infrastrutture e dell'esenzione dalla tassa sugli autoveicoli per i veicoli immatricolati in Germania nonché le modalità di configurazione e applicazione del canone per l'uso delle infrastrutture siano contrarie al diritto dell'Unione, segnatamente al divieto di discriminazioni basate sulla cittadinanza. Con la sentenza di oggi, la Corte constata che il canone per l'uso delle infrastrutture, combinato con l'esenzione dalla tassa sugli autoveicoli di cui beneficiano i proprietari di veicoli immatricolati in Germania, costituisce una discriminazione indiretta basata sulla cittadinanza e una violazione dei principi della libera circolazione delle merci e della libera prestazione dei servizi. 

Commenti
    Tags:
    germaniacorte ueautostrade
    in evidenza
    Vita in Diretta, caso in consiglio Lo show nel mirino di Laganà

    MediaTech

    Vita in Diretta, caso in consiglio
    Lo show nel mirino di Laganà

    i più visti
    in vetrina
    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO

    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Corsa-e: l’elettrica che si carica in modo veloce e semplice

    Opel Corsa-e: l’elettrica che si carica in modo veloce e semplice


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.