Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Legge elettorale, Gentiloni verso la premiership anche nel 2018

A Bruxelles guardano con attenzione al voto italiano sulla legge elettorale. Nel 2018 sempre più probabile un governo Pd-Fi. E Gentiloni o Tajani...

Legge elettorale, Gentiloni verso la premiership anche nel 2018

 

L'Italia è condannata all'instabilità politica e a Bruxelles ormai ci hanno fatto il callo. Ed è per questo che dalle Istituzioni Ue si guarda con estrema attenzione al voto sulla legge elettorale che si sta consumando al Parlamento italiano. Già, perché se i voti di fiducia andranno in porto e se non ci saranno franchi tiratori negli scrutini segreti, fra pochi giorni il Paese potrebbe trovarsi finalmente con una nuova legge elettorale con cui andare a votare in primavera, il Rosatellum.

Legge elettorale ma nessun vincitore alle urne

Una legge che però non è fatta per assicurare la stabilità del futuro governo. E neppure definire coalizioni definite prima del voto. Il mix di proporzionale e maggioritario con collegi uninominali spingerà ognuno ad andare per sé è solo dopo il voto si formeranno coalizioni e alleanze.

Italia verso una grande coalizione

E a Bruxelles sono sicuri che lo scenario più probabile sarà una grande coalizione tra Forza Italia è Partito democratico. Uno scenario che esclude dal governo la Lega Nord, considerata dal Pd e Bruxelles un partito euroscettico e populista. Ma anche i movimenti a sinistra del Pd saranno esclusi, cosí come gli alfaniani. Ma cosa più importante sarà impedito al Movimento 5 Stelle di andare al governo, a meno che nelle urne non sbanchi superando il 40%.

Renzi e Berlusconi fuori dai giochi per la premiership

Chi teme che il prossimo presidente del Consiglio sia Matteo Renzi o perfino lo stesso Silvio Berlusconi può dormire sonni tranquilli. In una grande coalizione a governare deve essere una personalità inclusiva e non certo divisiva come i due ex premier. E così i bene informati dicono che i due nomi più probabili, stante la prematurità della situazione, sono quello di Paolo Gentiloni e Antonio Tajani.

Tajani e Gentiloni in pole per la premiership

L'attuale premier è infatti molto apprezzato per l'approccio conciliante, è rispettato a Bruxelles e dagli avversari in Forza Italia. Se invece nelle urne gli elettori dovessero premiare Forza Italia spetterà a Berlusconi indicare il presidente del Consiglio. E in molti ritengono che la mano calerà su Antonio Tajani. Il presidente del Parlamento europeo è uomo delle istituzioni, per molti versi super partes ed estraneo agli intrighi del palazzo romano. È una persona la cui statura politica è riconosciuta a livello internazionale e cosa più importante di tutte, come Gentiloni anche Tajani ha dimostrato con il suo lavoro al Parlamento europeo di saper lavorare con gli altri partiti, come il Pd appunto.


In Vetrina

Grande Fratello Vip 2, Cecilia in lacrime: il messaggio di Belen. GF VIP 2 NEWS

In evidenza

Slip "ergonomici" da uomo Sexy o ridicoli? Il dibattito 2.0
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

Lamborghini: a Sant’Agata Bolognese nasce la Factory 4.0

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.