A- A+
Affari Europei
Macron e Conte siglano il disgelo. Fincantieri, Libia, migranti: i dossier
Foto LaPresse

Macron a Roma, le sfide comuni accelerano il disgelo

Oggi Emmanuel Macron è il primo leader europeo a fare visita a Giuseppe Conte, per un vertice bilaterale dopo la crisi di governo e la nomina del nuovo esecutivo. Il viaggio del titolare dell'Eliseo a Roma, dove incontra anche il presidente Sergio Mattarella, rappresenta un segnale della volontà di Parigi di rilanciare i rapporti tra i due Paesi dopo 14 mesi di tensioni diplomatiche con il precedente esecutivo gialloverde. Un'intenzione esplicitata anche dal ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian, secondo il quale il nuovo governo "appare più aperto nella sua dimensione europea, più determinato ad avere con la Francia relazioni più positive, più aperto anche all'attuazione di dispositivi migratori condivisi", ha assicurato nei giorni scorsi il capo della diplomazia francese.

STX-Fincantieri, Tav, Fiat-Reunault e geopolitica: i dossier sul tavolo

Sul tavolo negoziale tra Roma e Parigi permangono alcune questioni irrisolte di cui Macron e Conte parleranno sicuramente nella cena di lavoro a Palazzo Chigi: l'alleanza STX-Fincantieri, la Tav Torino-Lione, il dossier Fiat-Renault, data la possibile ripresa del negoziato fra i colossi dell'auto, e la situazione in Libia.  Tema molto caldo e non a caso Conte in giornata incontra anche il presidente di Tripoli Serraj, che negli scorsi mesi ha ripetutamente accusato di Parigi di appoggiare il generale Haftar.

Francia e Italia nuovo baricentro dell'Unione europea

Ufficialmente, recita una nota dell'Eliseo, Macron e Conte "si confronteranno su questioni bilaterali ed europee, in particolare questioni economiche e migratorie". Un primo gesto del presidente francese a sostegno del nuovo esecutivo italiano aera arrivato durante il G7 di Biarritz, lo scorso 24 agosto, quando Macron ha fatto capire dietro le quinte che la svolta politica a Roma era ben vista da Parigi. Dal clima di rinnovata fiducia e amicizia, l'Italia può trovare nella Francia un alleato di peso per portare a casa risultati da Bruxelles. Il primo è stato, secondo analisti politici sia francesi che italiani, la nomina di Paolo Gentiloni a commissario europeo agli Affari economici. E con una Merkel avviata verso il tramonto politico, il nuovo baricentro europeo potrebbe trovarsi a cavallo delle Alpi.

Commenti
    Tags:
    macroncontedossierfincantierilibiairanstxitaliafrancia
    in evidenza
    Lady Gaga cade giù dal palco Germanotta tonfo! FOTO-VIDEO

    Incidente allo show di Las Vegas

    Lady Gaga cade giù dal palco
    Germanotta tonfo! FOTO-VIDEO

    i più visti
    in vetrina
    BELEN IN LINGERIE, CECILIA RODRIGUEZ 'FUORI DI SENO'. E POI... Foto delle Vip

    BELEN IN LINGERIE, CECILIA RODRIGUEZ 'FUORI DI SENO'. E POI... Foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    On Air la nuova campagna a 360 gradi di Opel Grandland X Hybrid4

    On Air la nuova campagna a 360 gradi di Opel Grandland X Hybrid4


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.