A- A+
Affari Europei
Migranti, Italia ancora sola. Ma ora è svelata l'ipocrisia Francia e Germania

Migranti, l'Italia continua a essere lasciata sola

La verità è sempre la stessa. L'Italia è sola. Poco importano le parole e i buoni propositi, che rimangono solo sulla carta. La realtà non cambia, al di là di summit, vertici e bilaterali. Nessuno vuole aiutare il nostro Paese nella ricezione dei migranti. Non vuole farlo l'Ungheria di Orban e nemmeno l'Austria di Kurz, che hanno sì intenzione di sostenere la protezione delle frontiere ma non vogliono a nessun costo accettare le famose quote che le costringerebbero ad accettare almeno qualche profugo in arrivo in Italia. Ma non vogliono farlo nemmeno Francia e Germania, al di là delle tante belle parole.

Kurz e Orban non vogliono le quote

"Le regole di Dublino devono essere applicate fino a quando non avremo qualcosa di meglio", ha detto il cancelliere austriaco, Sebastian Kurz, a Bruxelles per il vertice Ue e in procinto di prendere il timone del Consiglio con il semestre a guida di Vienna.  Kurz ha ricordato che "le persone registrate in Italia o in Grecia come luogo di primo ingresso nell'Ue, non devono poter passare in altri Paesi". Quando accade "devono essere rimandate indietro nell'ambito delle procedure di Dublino". La stessa cosa che sostengono i paesi di Visegrad, Ungheria in primis seguita da Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia. 

Neppure Francia e Germania aiutano l'Italia

Ma la stessa cosa sta accadendo anche in Francia, Germania e Spagna. Così come è sempre accaduta, in particolare per Parigi e Madrid. Nessuna differenza sostanziale nell'atteggiamento di questi paesi e quelli vituperati dell'Est. Le azioni, tra chi chiude i confini a Ventimiglia o spara a Ceuta e Melilla, e chi costruisce un muro al confine con la Serbia nei dintorni di Budapest, sono più che simili. Nessuna differenza. L'unica cosa diversa sono, o almeno erano, le parole. Macron e Merkel, che si autoproclamano campioni dell'europeismo, hanno sempre sostenuto la necessità di un'Europa solidale e accogliente, con le buone intenzioni di non lasciare l'Italia sola.

Salvini ha svelato l'ipocrisia Ue

Cosa che però non è mai avvenuta. L'Italia è sempre rimasta sola nel doversi far carico della prima accoglienza dei migranti in arrivo dall'Africa attraverso il Mediterraneo. Ma sei nei fatti poco sembra cambiato, almeno per ora, i veli sono stati alzati su un'Unione europea divisa dove ognuno fa il proprio interesse. L'attivismo di Matteo Salvini da quando è arrivato al Viminale, con i casi Aquarius e Lifeline, ha fatto sì che le posizioni ambigue di Parigi e Berlino fossero svelate, con Macron soprattutto innervosito e aggressivo verso il nostro paese. Ora quantomeno è tutto chiaro: l'Italia è sola. Basta parole e frasi fatte. Ora devono tutti prendersi la propria responsabilità. O si cambia qualcosa e si aiutano i paesi di primo approdo come Italia e Grecia oppure sarà chiaro a tutti chi non è solidale.

 

Tags:
migrantiitaliafranciagermaniavertice ue

in evidenza
Gf Vip 3 cast, colpo di scena Annunciati 2 nuovi concorrenti

Spettacoli

Gf Vip 3 cast, colpo di scena
Annunciati 2 nuovi concorrenti

i più visti
in vetrina
Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Ferrari Monza SP1 e SP2, il nuovo concetto di serie speciale

Ferrari Monza SP1 e SP2, il nuovo concetto di serie speciale

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.