A- A+
Affari Europei
Migranti, l'Ue offre 6mila euro a migrante. Salvini: "Non vogliamo elemosine"

La proposta Ue sui centri: 6 mila euro a migrante

Ecco la proposta dell'Unione europea per i famosi centri per migranti che dovrebbero sorgere in alcuni paesi europei. "Centri controllati" nei Paesi Ue "su base volontaria" per migliorare le procedure di asilo e accelerare i rimpatri degli irregolari. E' la proposta della Commissione Ue inviata alle capitali, svelata dal Financial Times, e che prevede sostegno finanziario agli Stati che accettano di ospitare i centri. I Paesi che accettano il trasferimento dei migranti sbarcati in uno dei centri controllati riceveranno 6mila euro per ogni profugo.

Salvini: "L'Italia non ha bisogno di elemosina"

"Se vogliono dare soldi a qualcun altro lo facciano, l'Italia non ha bisogno di elemosina". Lo dice il ministro dell'Interno Matteo Salvini respingendo al mittente la proposta dell'Ue riportata dal Financial Times. "L'ipotesi non esiste - ha detto Salvini a margine della visita del sacrario dei Vigili del fuoco. - L'Italia non chiede l'elemosina, anche perché nel corso del tempo ogni richiedente asilo costa tra i 40mila e i 50mila euro". Dunque Bruxelles, ha aggiunto il ministro, "l'elemosina se la può tenere. Noi vogliamo chiudere i flussi in arrivo per smaltire l'arretrato di centinaia di migliaia di presenze. Non chiediamo soldi ma dignità e ce la stiamo riprendendo con le nostre mani". 

Tutti i dettagli della proposta dell'Ue: centri controllati e accordi per gli sbarchi

Da una parte, centri 'controllati' nell'Ue, per migliorare e velocizzare le procedure necessarie a distinguere chi ha bisogno di protezione internazionale, ed è quindi titolato a richiedere asilo, e chi invece non ne ha, ed è un 'semplice' migrante economico. Dall'altra, accordi regionali per gli sbarchi, in stretta collaborazione con l'Oim e l'Unhcr, non limitati ai Paesi dell'Ue ma anche ai Paesi terzi, specie quelli nordafricani. Esclusa la Libia, almeno per ora, visto che il Paese in questione dovrebbe anzitutto dare il suo assenso, poi dovrebbe essere "sicuro", cosa che che la Libia oggi non è, e dovrebbe anche consentire di rispettare l'obbligo di non-refoulement, cioè l'obbligo previsto dal diritto internazionale di non riconsegnare la vittima al suo carnefice. La Commissione Europea ha presentato oggi il suo approccio sul come dare seguito alle conclusioni del Consiglio Europeo del 28 e 29 giugno scorsi, cosa chiesta a più riprese dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Nel Coreper (il Comitato dei Rappresentanti Permanenti presso l'Ue) di domani, gli ambasciatori dei Paesi Ue dovrebbero discutere il concetto di 'centri controllati' sul territorio dell'Unione Europea, quei centri che la mattina del 29 giugno nessun leader europeo ha ammesso di essere intenzionato ad ospitare, e la "possibilità" di utilizzare "rapidamente" un quadro "temporaneo" per gli sbarchi di coloro che vengono salvati in mare. Seguirà, il 30 luglio a Ginevra, un incontro con Oim e Unhcr. Solo una volta che i Paesi dell'Ue avranno trovato un approccio comune, spiega la Commissione, si inizieranno i contatti in merito con i Paesi terzi interessati (che per ora non vengono nominati esplicitamente, per motivi di opportunità politica). I centri 'controllati' puntano ad accelerare le procedure, spesso lente, necessarie a distinguere chi ha diritto alla protezione internazionale e chi no, accelerando, nel contempo, le procedure di rimpatrio dei migranti economici irregolari. 

A gestire il centro sarebbe lo Stato Ue che lo ospita, "con il pieno sostegno dell'Ue e delle agenzie Ue". Al Paese che mette a disposizione i porti per lo sbarco, la Commissione potrà mettere a disposizione una squadra, "pronta ad aiutare nelle operazioni di sbarco da navi che contengono una media di 500 persone" ciascuna. In particolare, "il bilancio Ue coprirà tutti i costi operativi e per le infrastrutture" del centro. Ogni squadra sarà composta da 50 guardie di frontiera, 50 interpreti, 20-40 agenti di scorta per i rimpatri, 5-10 agenti dedicati ad organizzare i voli, tutti forniti da Frontex; 10-20 funzionari di Polizia per i controlli di sicurezza, forniti da Europol. Inoltre, nella squadra saranno presenti 25-35 esperti per l'esame della sussistenza dei requisiti per l'asilo, altrettanti dedicati alle procedure necessarie ad ottenere l'asilo, 10-25 esperti per i rimpatri volontari, 50 interpreti e mediatori culturali, tutti forniti dall'Easo; infine, ci saranno anche dei medici, forniti dagli Stati membri dell'Ue. Il sostegno dell'Unione "sarà mobilitato per qualsiasi Stato membro che accetti di esaminare una quota degli sbarcati", partecipando agli "sforzi di solidarietà", che si suppone saranno volontari. Per questo, ci saranno degli incentivi finanziari: il bilancio Ue sosterrà i Paesi che prenderanno parte agli sforzi di solidarietà con 6mila euro per ciascuna persona ricollocata e coprirà i costi di trasferimento. La Commissione "fornirà un punto centrale di contatto per svolgere una funzione di coordinamento tra gli Stati membri che prendono parte a sforzi di solidarietà, come misura temporanea fino a quando un sistema vero e proprio potrà essere messo in piedi, nel contesto delle riforme in corso del sistema comune europeo di asilo". 

Tags:
migrantisalvinielemosine

in evidenza
Tre stelle a Mauro Uliassi E' il decimo chef in Italia

Siamo il secondo paese al mondo

Tre stelle a Mauro Uliassi
E' il decimo chef in Italia

i più visti
in vetrina
Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.