A- A+
Affari Europei
Nato, boom di spese militari in Europa. Paura per la Brexit

Gli Stati Uniti si sono sempre lamentati del budget molto basso che gli Stati europei destinano alla difesa. Da dieci anni a questa parte i fondi destinati alle forze armate si sono contratti costantemente, ma il 2016 sarà l'anno della svolta. Per la prima volta nell'ultimo decennio il budget complessivo degli Stati appartenenti all'Alleanza atlantica in Europa sarà incrementato.

In Europa sale il budget per la difesa

Le regole interne alla Nato prescrivono infatti che tutti gli Stati membri investano almeno il 2% del proprio prodotto interno lordo nel settore della sicurezza. Ma in Europa solo la Gran Bretagna e la Grecia soddisfano questo requisito, mentre tutti gli altri sono ben al di sotto. Eppure le preoccupazioni per la crescente aggressività russa e la crisi dei migranti hanno convinto molti governi ad aumentare il budget per la difesa.

Gli Usa spendono tre volte l'Europa nella difesa

Nel 2015 gli alleati europei degli Usa hanno speso 253 miliardi di dollari contro i 618 degli Stati Uniti. Ma secondo le regole interne all'Alleanza atlantica l'Europa dovrebbe incrementare di circa cento miliardi il suo budget alla difesa (visto che ora sono sotto il 2%, precisamente all'1,43%).

I Paesi dell'est avranno gli incrementi maggiori

Ad aumentare percentualmente il budget in maniera piú marcata é stata la Lettonia che ha previsto un +60% al suo budget, seguita dalla Lituania con un +35% e dall'Estonia e Polonia con un +9%. In tutti questi casi é stata la minaccia russa a convincere i governi della necessità di aumentare la spesa. Ma anche Germania e Francia hanno in programma di aumentare gli stanziamenti.

Trump dá degli 'scrocconi' agli europei

Lo stesso Trump aveva dato degli 'scrocconi' agli europei accusandoli di non voler contribuire alla loro stessa sicurezza, ad esempio investendo nel sistema antimissile Usa dislocato nell'est europa per difendere gli alleati Nato dall'aggressività di Mosca.

Brexit minaccia per la sicurezza europea

Secondo Jens Stoltenberg tuttavia la minaccia piú grande al potere di deterrenza europeo sta nella Brexit. La Gran Bretagna é infatti il paese che spende di piú nella difesa ed é anche quello che ha le forze armate piú efficienti e ben equipaggiate (senza contare i sottomarini con testate nucleari Trident che pattugliano i mari del nord). Ma in caso di uscita della Gran Bretagna dall'Europa, sottolinea il segretario generale della Nato, sará piú difficile garantire la sicurezza dell'Europa in caso di una minaccia concreta.  

Tags:
nato salgono spese militari europaeffetti brexit su nato
in vetrina
Francesca Cipriani, esplosiva in piscina. Guendalina nuda, Belen e…FOTO VIP

Francesca Cipriani, esplosiva in piscina. Guendalina nuda, Belen e…FOTO VIP

i più visti
in evidenza
Matteo e Francesca al mare Non c'è crisi per la coppia. FOTO

Baci, abbracci e giochi in acqua

Matteo e Francesca al mare
Non c'è crisi per la coppia. FOTO


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Francoforte 2019 : Opel svela la prima un’auto da rally elettrica

Francoforte 2019 : Opel svela la prima un’auto da rally elettrica


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.