A- A+
Affari Europei
Scontro Weber-Renzi. Ma a rischiare é Juncker

Di Tommaso Cinquemani
@Tommaso5mani

Manfred Weber non ha resistito alla tentazione di caricare per l'ennesima volta il presidente del Consiglio italiano Renzi. Come ad ogni Plenaria del Parlamento europeo, il deputato leader dei popolari ha accusato l'Italia di avere già avuto tutta la flessibilità di cui aveva diritto.

“La Commissione europea negli ultimi anni ha dato massima flessibilità. Ma ora anche i commissari socialisti, penso a Moscovici, constatano che non ci sono più ulteriori margini per maggiore flessibilità", ha detto Weber in Aula.

Le parole dell'eurodeputato tedesco si inseriscono in un gioco più grande, che coinvolge oltre al premier italiano, Matteo Renzi, anche la Cancelliera tedesca, Angela Merkel, il leader del gruppo S&D, Gianni Pittella, e il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker.

Come ha ricordato bene la capodelegazione del Partito democratico a Strasburgo, Patrizia Toia, “Weber è il primo nemico della Commissione europea perché ne mette a rischio ogni giorno la tenuta con le sue dichiarazioni oltranziste, contrarie al patto di legislatura alla base della coalizione che ha dato la fiducia a Juncker”. 

Giá, perché non bisogna dimenticare (e Renzi lo ha ricordato più volte) che il presidente della Commissione Ue siede al vertice dell'esecutivo europeo grazie ad una grande coalizione, tenuta assieme da un patto post elettorale. Un accordo tra popolari e socialisti che prevedeva l'utilizzo di tutta la flessibilità contemplata dai trattati. Per Renzi di margini ce ne sono ancora, per Weber no.

Ma sbaglia chi pensa che dietro alle esternazioni del popolare tedesco ci sia Angela Merkel. Weber é considerato un falco, fedele sì alla Cancelliera, ma capace anche di colpi di testa. Dopo il faccia a faccia dello scorso venerdì a Berlino la Cancelliera non aveva alcuna intenzione di alzare i toni con l'Italia. Le parole pronunciate in Aula rispondono allora più ad un malumore interno all'area popolare tedesca, che contesta a Berlino una eccessiva apertura sul fronte migranti e una non sufficiente durezza lato austerity.

Ad andarci di mezzo potrebbe essere Jean Claude Juncker. Per i corridoi di Strasburgo il malumore dell'area socialista é alto e in molti vorrebbero impallinare il presidente della Commissione. Lo stesso Gianni Pittella, presidente del gruppo S&D ed espressione della delegazione socialista più corposa, quella italiana, in diverse occasioni ha ribadito che il futuro di Juncker dipenderà dalla sua capacita di dare risposte ai bisogni dell'Europa: crescita economica e agenda sociale in primis.

Le parole di Weber mettono dunque Juncker in una posizione scomoda e alzano i toni in un momento in cui a Berlino preferirebbero maggiore dialogo, anche perché la primavera si avvicina e la Cancelliera teme che con il bel tempo il flusso di migranti cresca nuovamente, rischiando di seppellire Schengen e di mettere a dura prova la tenuta interna della coalizione di governo.

Tags:
manfred weberrenzieuropajunckermerkel

in vetrina
Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

i più visti
in evidenza
Bonaventura rischia 5 mesi di stop Socio di Elliot: ecco due offerte

Milan News

Bonaventura rischia 5 mesi di stop
Socio di Elliot: ecco due offerte

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Dal 15 novembre scatta l’obbligo del montaggio di pneumatici invernali

Dal 15 novembre scatta l’obbligo del montaggio di pneumatici invernali

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.