Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Slovacchia, Fico verso il bis coi nazionalisti anti Ue e anti migranti

Si vota in Slovacchia: il socialdemocratico anti migranti Robert Fico favoritissimo per restare primo ministro. Ma c'è lo scontento dei dipendenti pubblici. Attenta l'Ue: da luglio Bratislava avrà la presidenza di turno al Consiglio

small 150923 223725 To230915est 0531

Si vota in Slovacchia: il socialdemocratico anti migranti Robert Fico favoritissimo per restare primo ministro. Ma c'è lo scontento dei dipendenti pubblici. Attenta l'Ue: da luglio Bratislava avrà la presidenza di turno al Consiglio.

Secondo tutti i sondaggi, comunque, i socialdemocratici di Smer-Sd, capeggiati dal primo ministro Robert Fico, appaiono i favoriti in Slovacchia in vista delle elezioni di rinnovo del Parlamento. Così come accaduto in molti altri Paesi dell'Est Europa come Polonia e Ungheria, Fico ha giocato tutta la sua campagna su toni anti migranti e anti Islam, facendo breccia nel clima di paura e tensione che serpeggia un po' ovunque in Europa, anche se in Slovacchia la percentuale di migranti è storicamente molto bassa.

Ma una serie di segnali lasciano però pensare che la vittoria non sarà schiacciante come nel 2012, quando i socialdemcratici si aggiudicarono il 44 percento dei voti e l'assoluta maggioranza dei seggi. Probabile dunque che Fico non potrà più governare indisturbato a capo di un governo monocolore come neglu ultimi quattro anni. I principali sondaggi danno infatti Smer-Sd in netto calo, dal 40 al 29 percento dei consensi negli ultimi tre mesi.

Allo stesso tempo pare impossibile che le forze di opposizione riescano a raggiungere i numeri per un'alternativa di governo e dunque l'ipotesi più concreta che Fico debba intavolare delle trattative post voto con le altre forze elettorali e la più consistente appare il neonato movimento Siet (Rete), guidato dal giurista Radoslav Prochazka, ex deputato cristiano democratico ed ex candiato presidenziale, accreditato di una percentuale del 17,2%. Ma sembra proprio che Fico possa indirizzarsi verso il Partito nazionale slovacco, un movimento populista con forti toni anti migranti e anti Ue.

A incidere negativamente sulla compagine guidata da Fico le vicende di corruzione e scarsa trasparenza che hanno riguardato la cosa pubblica. L'opposizione ha cercato di mettere in luce tutte le magagne dell'amministrazione socialdemocratica, soprattutto i lavori pubblici a prezzi gonfiati, la gestione opaca della sanità e i rapporti più o meno leciti con una serie di imprenditori privati, vicini al primo ministro e ai suoi fedelissimi.

Un ruolo importante nel calo socialdemocratico lo gioca anche lo scontento dei dipendenti pubblici, in primo luogo insegnanti e personale sanitario, i cui stipendi e tenore di vita non risultano per niente avvantaggiarsi della fase di crescita economica che il paese attraversa, con il Pil aumentato del 4,2% annuo nell'ultimo trimestre 2015.

Le elezioni slovacche saranno seguite con grande attenzione anche a Bruxelles. Infatti Bratislava nella seconda metà di quest'anno sarà titolare del semestre di presidenza del Consiglio Ue, dodici anni dopo l'ingresso nella Unione e a sette anni dall'adozione dell'euro. Sarà importante capire che compagine governativa arriverà a quell'appuntamento. Chiaramente l'ipotetico accordo tra Fico e nazionalisti non sarebbe visto con favore.


Condividi su

Il giornale fatto da voi

Error processing SSI file
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
Il video più apprezzato

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it