A- A+
Affari Europei
Trump alza la voce e scuote la Nato. I Paesi alleati sborseranno 33 mld in più

"Abbiamo fatto un grande progresso, tutti si sono detti d'accordo sulla necessità di aumentare la spesa per la difesa, 33 miliardi di dollari in più senza contare gli Stati Uniti. Tutti aumenteranno il loro impegno a livelli mai immaginati prima d'ora, grazie a me. Il nostro impegno nella Nato è molto forte". Dopo aver  minacciato di uscire dall'allenanza atlantica se gli alleati non faranno subito degli sforzi per aumentare le loro spese militari,  il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa ha Bruxelles ha annunciato il risultato del suo pressing nei confronti degli altri Paesi. Il presidente ha poi detto che si aspettava qualcosa in più, "circa 40 miliardi di dollari".

La decisione del gruppo è arrivata dopo una riunione straordinaria ristretta del Consiglio atlantico convocata dopo la minaccia del numero uno della Casa Bianca. "Ho detto agli alleati - ha proseguito Trump - che non ero contento delle spese della difesa. Gli Usa pagano il 90% e non è giusto, ma oggi abbiamo una Nato più forte di due giorni fa perché tutti si sono impegnati ad aumentare le spese della difesa. E anche velocemente".

La sessione avrebbe dovuto avere come focus l'Afghanistan, l'Ucraina e la Georgia. Ma Trump è ritornato sui temi a lui più cari, twittando in prima mattinata contro la Germania, l'Europa, le spese Nato e il nodo commercio. "I presidenti" americani, twitta, "hanno provato per anni senza successo a far pagare di più la Germania e le altre nazioni ricche della Nato per la loro protezione dalla Russia" ma questi "pagano solo una frazione del costo", invece "gli Usa pagano decine di miliardi di dollari in eccesso per sussidiare l'Europa, e perdono un sacco sul commercio!".

E prosegue: "Tutte le nazioni Nato devono rispettare il loro impegno del 2%, e questo deve alla fine salire al 4%!"", ribadendo quello che aveva già detto ieri. Nuovo attacco alla Germania anche sul Nord Stream 2: "E per di più, la Germania ha appena iniziato a pagare la Russia, il Paese da cui vuole protezione, miliardi di dollari per i suoi bisogni energetici che derivano da un nuovo gasdotto dalla Russia. Non è accettabile!".

Macron lo ha però smentito sostenendo che non c'è stato nessun accordo. Ieri il presidente americano aveva chiesto agli alleati di raddoppiare le spese militari portandole dal 2% al 4% del Pil. E' da inizio mandato che Trump accusa i la maggior parte degli europei di non arrivare neanche al 2%, concordato in Galles nel 2014.

 

Tags:
natotrumpue

in evidenza
Fashion Week, nuove tendenze Paillettes, biker shorts e...

Costume

Fashion Week, nuove tendenze
Paillettes, biker shorts e...

i più visti
in vetrina
Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Porsche: addio al Diesel

Porsche: addio al Diesel

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.