A- A+
Affari Europei
L'Ue punta su Uber e la sharing economy: "Stop regole restrittive"

Uber, CouchSerfin, BlaBlaCar: la Commissione Europea propone nuove regole per i nuovi servizi che sempre piu' prendono piede in Europa e che rappresentano uno stimolo per l'economia. Si tratta di quelle attivita'-á che rientrano nella cosidetta 'economia collaborativa', quella che crea aggregazione di servizi nei settori specifici quali alloggio e viaggio e trasporti, con modelli di attivita'-á basati sull'integrazione di servizi tradizionali a nuove tecnologie. Un mercato "piccolo ma in rapida crescita", che solo nel 2015 ha generato affari per circa 28 miliardi di euro in tutta Europa, secondo i conti di Bruxelles. La Commissione europea ha presentato una comunicazione con l'obiettivo di regolamentare questo fiorire di nuove attivita'-á economiche a oggi non chiaramente disciplinate. Secondo le proposte della Commissione "i fornitori di servizi dovrebbero essere obbligati ad ottenere autorizzazioni o licenze dove strettamente necessario", e "solo come misura di ultima istanza" si dovrebbe prevedere il "divieto assoluto" per la loro attivita'. Infatti, "le piattaforme non dovrebbero essere obbligate a chiedere autorizzazioni o licenze quando si limitano ad essere intermediari fra consumatori e chi offre il servizio". Il ruolo dell'esecutivo comunitario, ha ricordato il commissario per la Crescita e gli investimenti, Jyrki Katainen, "e' quello di incoraggiare un quadro normativo che permetta lo sviluppo di nuovi modelli di business, proteggendo i consumatori e garantendo un'equa tassazione".

"Non voglio legare la comunicazione di oggi a una sola società, in quanto il testo non è fatto per una società X o Y, ma per tutte quelle che hanno adottato nuovi modelli di business", ha chiarito il commissario europeo per l'Industria e l'imprenditoria, Elzbieta Bienkowska. Pur senza nominare le singole attivita', l'iniziativa della Commissione riguarda marchi ormai diffusi in tutta Europa, e che realizzano fatturati crescenti nei rispettivi settori, come Uber, Airbnb, Blablacar: insieme, hanno realizzato un giro di affari lordo stimato in 28 miliardi l'anno scorso e creato preoccupazioni nei settori precedentemente protetti da regimi di "oligopolio", spesso corporativo, come sono quelli dei taxi o degli hotel. Gli orientamenti giuridici redatti dai servizi della Commissione europea "sono rivolti alle autorità pubbliche e agli operatori del mercato per lo sviluppo bilanciato e sostenibile di questi modelli imprenditoriali". In sostanza, ha sintetizzato Bienkowska, "invitiamo gli Stati membri a riesaminare le loro normative nazionali alla luce di tali orientamenti e siamo pronti a sostenerli in questo processo". Per la Commissione, dunque, le nuove iniziative non vanno ostacolate. L'importante, per Bruxelles, e' che siano rispettate le regole sull'imposizione fiscale, quelle per la tutela dei consumatori, e quelle relative alle condizioni di lavoro. Quanto agli aspetti fiscali si sottolinea che "anche i prestatori di servizi e le piattaforme dell'economia collaborativa sono tenuti a pagare le imposte pertinenti tra cui le imposte sul reddito delle persone fisiche, delle società e l'imposta sul valore aggiunto". Mentre sul lato della domanda, secondo l'esecutivo comunitario "gli Stati membri dovrebbero garantire che i consumatori godano di un livello di protezione elevato dalle pratiche commerciali sleali, senza pero' imporre obblighi sproporzionati ai privati che forniscono servizi solo occasionalmente".

"Uber aiuta a connettere milioni di persone in Europa mettendo a disposizione un modo veloce e sicuro per muoversi in città", lo afferma Uber in una nota di commento alla decisione di oggi di Bruxelles. "Nel mondo si stanno sviluppando delle nuove regole affinché autisti, passeggeri e città possano trarre pieni benefici da questi servizi". "Oggi, la Commissione europea, ha chiarito che le leggi dell'Unione Europea difendono i servizi dell'economia collaborativa contro restrizioni eccessive, richiamando gli Stati membri a rivedere le regolamentazioni troppo restrittive che ne stanno impedendo lo sviluppo".

Tags:
uber apertura uesharing economy

in vetrina
Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

i più visti
in evidenza
Si ferma anche Calhanoglu Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Milan News

Si ferma anche Calhanoglu
Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.