A- A+
Affari Europei
Ue, Garanzia giovani rischia il flop. Benifei: “Prendiamo a modello Francia e Germania”

Di Tommaso Cinquemani
@Tommaso5mani

Onorevole Benifei, partiamo dal principio, che cos'è la Garanzia giovani?
“E' un ambizioso programma dell'Unione europea che ha lo scopo di garantire ai ragazzi tra i 15 e i 29 anni un percorso di formazione, oppure un aiuto per entrare nel mondo del lavoro. E' stata la risposta di Bruxelles al tragico problema della disoccupazione giovanile. Non bisogna fraintendere però: la Garanzia giovani non ha lo scopo di creare occupazione”.

In Italia ci sono circa 2,3 milioni di ragazzi che non lavorano e non studiano. Secondo gli ultimi dati disponibili si sono iscritti alla Garanzia giovani in 305mila. Un po' poco, non le sembra?
“E' ancora poco e questi dati sottolineano uno dei problemi di fondo del programma: l'insufficiente comunicazione. Ancora pochi ragazzi sanno che cos'è la Garanzia giovani e sono quelli 'sbagliati'”.

In che senso?
“Rischiamo che aderiscano i ragazzi che ne hanno meno bisogno, quelli più istruiti e socialmente attivi. Mentre i meno scolarizzati, i delusi, i socialmente ghettizzati non conoscono questa opportunità che è rivolta principalmente a loro”.

C'è un problema di gestione territoriale del programma?
“In Italia l'attuazione e il 'taglio' dipende da ciascuna Regione. In Liguria si è dato molto spazio ai progetti di reinserimento scolastico. In Lombardia si è invece puntato di più sull'inserimento lavorativo. C'è però una disomogeneità regionale nell'attuazione e nel monitoraggio del programma, con il rischio che si perdano i soldi stanziati in rivoli burocratici o clientelari”.

Insomma, il pericolo è che i fondi europei siano spesi come al solito male?
“Il problema è che abbiamo degli uffici per il lavoro che non sono in grado di fornire ai ragazzi le opportunità che la Garanzia giovani prevede. Il nostro è un sistema obsoleto che andrebbe finanziato e riformato, prendendo a modello Francia e Germania”.

Bisognerebbe investire sugli operatori che devono aiutare i giovani?
“Assolutamente sì, altrimenti si rischia di immettere risorse in un sistema che non è efficiente. Un euro investito nella Garanzia giovani in Germania ha effetti maggiori rispetto all'Italia”.

Alcuni pensano che le politiche per il lavoro dovrebbero essere gestite a livello centrale, concorda?
“Ogni territorio ha le sue specificità e quindi è giusto che ci sia anche un coinvolgimento delle Regioni. Certamente servirebbe una regia nazionale più forte”.

La Lombardia è una delle regioni in cui la Garanzia giovani funziona meglio. Secondo alcuni è perché si è dato maggiore spazio agli operatori privati. E' un modello da seguire?
“La sinergia con il privato è fondamentale. Non dimentichiamo però che in molti Paesi europei il pubblico fa molto bene, lo Stato non deve rinunciare al suo ruolo”.

Non sarebbe stato meglio usare i soldi europei per introdurre sgravi alle aziende che assumono?
“Servono entrambe le cose. La Garanzia giovani fallirà clamorosamente se non cambieranno in maniera radicale le politiche economiche europee, perché non saremo in grado di convertire questo arricchimento di capitale umano in uno sbocco lavorativo stabile. Il rischio è che finita la Garanzia giovani i ragazzi si trovino peggio di prima”.

Secondo lei il Jobs Act favorirà la creazione di posti di lavoro?
“L'accanimento sull'articolo 18 l'ho trovato inutile, non credo che si creeranno più investimenti o più lavoro. Premesso questo, le misure che riguardano gli ammortizzatori universali o il sostegno tramite sconto fiscale alle partite Iva segnano un cambio di rotta che può portare alla creazione di lavoro. Ma serve anche un allentamento dei vincoli europei che permetta l'impiego di maggiori risorse pubbliche”.

 

Tags:
gara giovanibrando benifeidisoccupazione giovanile
in vetrina
Milan, sanzione Uefa: multa, rosa limitata e... IBRAHIMOVIC, SI RIAPRE

Milan, sanzione Uefa: multa, rosa limitata e... IBRAHIMOVIC, SI RIAPRE

i più visti
in evidenza
L'Alta Velocità festeggia 10 anni Ecco lo spot Saatchi&Saatchi

Costume

L'Alta Velocità festeggia 10 anni
Ecco lo spot Saatchi&Saatchi

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Kia presenta la Niro-E 100% elettrica

Kia presenta la Niro-E 100% elettrica

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.