A- A+
Affari Europei
Ue sempre più divisa tra Ovest ed Est: Ungheria e Polonia contro Bruxelles

Polonia e Ungheria, scontro aperto con l'Ue

"I soldi europei dovrebbero essere usati per sollevare le nostre economie nazionali e per aiutare i nostri cittadini, non per finire nelle tasche della famiglia del signor Orban o per finanziare uno stadio di calcio nel suo collegio elettorale, non è cosi che si spendono i soldi europei". Parola e firma di Guy Verhofstadt durante la plenaria di questa settimana in cui è stato presentato il piano di programmazione di bilancio europeo 2021-2027. Parole che sono il manifesto dello scontro ormai sempre più aperto in atto tra Bruxelles e alcuni paesi che fanno parte dell'Ue.

Divisione tra Est e Ovest sempre più netta

La divisione tra Ovest ed Est appare sempre più evidente. Le elezioni in Ungheria con la vittoria fragorosa di Viktor Orban, sempre più vicino a Vladimir Putin e sempre più lontano dall'Europa, erano state il primo inquietante segnale. Ora però anche la Polonia è entrata prepotentemente nel radar dell'Ue, con le pesanti modifiche alla Costituzione in cantiere. Modifiche che, ancora una volta, darebbero una svolta autoritaria e repressiva a un paese che invece era stato un interessante cardine di ripresa negli ultimi anni.

Bilancio Ue, Commissione: "Stop fondi per chi viola lo Stato di diritto"

Niente trasferimenti ai paesi Ue che violano lo regole democratiche: la Commissione propone di introdurre un nuovo meccanismo nell'ambito del prossimo bilancio dell'Unione Europea per sospendere i finanziamenti comunitari dei paesi che violano lo Stato di diritto. Secondo l'esecutivo comunitario, il rispetto dello Stato di diritto "è presupposto essenziale di una sana gestione finanziaria e dell'efficacia dei finanziamenti Ue", si legge nella proposta della Commissione. Secondo il nuovo meccanismo, la Commissione potrebbe "sospendere, ridurre o restringere l'accesso ai finanziamenti dell'Ue in modo proporzionale alla natura, alla gravità e alla portata delle carenze relative allo Stato di diritto" rilevate in uno Stato membro. Il presidente della Commissione, Jean Claude Juncker ha detto che si tratta di una misura "erga omnes, non contro nessuno stato in particolare", ma la proposta appare come una minaccia nei confronti di alcuni paesi dell'Est - come Polonia e Ungheria - accusati di non rispettare lo Stato di diritto. Solo una maggioranza qualificata di governi potrebbe respingere la richiesta della Commissione di tagliare i fondi Ue ai paesi che violano lo Stato di diritto. Su tutto ciò resta Putin sull fondo, convitato di pietra che attrae sempre più verso Est la parte orientale dell'Europa.

Tags:
uebruxellesungheriapolonia

in vetrina
Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

i più visti
in evidenza
Tre stelle a Mauro Uliassi E' il decimo chef in Italia

Siamo il secondo paese al mondo

Tre stelle a Mauro Uliassi
E' il decimo chef in Italia

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.