A- A+
Affari Europei
Von der Leyen, FdI voterà no. M5s mani libere. Il dilemma della Lega

Ue: Von der Leyen tesse tela del voto, dilemma Lega

La settimana più lunga di Ursula von der Leyen è iniziata. La presidente designata della Commissione e' da ieri a Bruxelles per tessere la tela politica che la porterà al voto della plenaria del Parlamento europeo martedi' prossimo, quando l'assemblea di Strasburgo si esprimerà a maggioranza e con voto segreto per approvare o respingere la nomina decisa dai leader nella lunga maratona negoziale della settimana scorsa. Il voto non e' scontato, in una partita in cui la politica europea si intreccia con gli equilibri interni dei vari governi. Italia compresa. Formalmente la ministra tedesca ha bisogno di 375 voti per succedere a Jean Claude Juncker alla guida dell'esecutivo Ue. Ma politicamente quella soglia è troppo risicata e il rischio è quello di partire con una legittimazione troppo fragile.

La costellazione del voto per Von der Leyen

Il voto dei Popolari, seppur con qualche mal di pancia, appare scontato. I socialisti invece sono spaccati: i socialdemocratici tedeschi, almeno per il momento, voteranno quasi certamente contro, cosi' come altre delegazioni socialiste soprattutto del nord Europa. No anche dai laburisti britannici, mentre gli olandesi, seppur bruciati dallo stop a Frans Timmermans, sono piu' dialoganti. Un via libera dovrebbe arrivare anche dal Pd e dagli spagnoli. I liberali non si sono ancora espressi, ma data l'impronta 'macroniana' del pacchetto nomine deciso dal summit dei capi di Stato e di governo, è scontato immaginare che daranno il loro via libera. 

I Conservatori e Riformisti pronti a votare sì. Fonti Affari: "FdI voterà comunque no"

Una sopresa potrebbe arrivare dai Conservatori e Riformatori dell'Ecr, il gruppo di destra che non fa parte della 'maggioranza europeista' su cui potenzialmente dovrebbe fondarsi la legislatura. Se la delegazione più grossa della famiglia conservatrice, i polacchi del PiS, sponsor in Consiglio della designazione della von der Leyen per la sua posizione molto critica sulla Russia, dovessero decidere per il ''sì', sarebbe certamente un fatto politicamente rilevante e potrebbe pesare sul prosieguo dell'intera legislatura. Dell'Ecr fa parte anche Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni che comunque, come assicurano fonti di primo livello ad Affaritaliani.it, voterà no in ogni caso.

M5s con le mani libere, il dilemma della Lega

Intanto, mentre a Bruxelles si negozia, anche la politica italiana ragiona sul da farsi. Sabato scorso Giuseppe Conte ha pubblicamente invitato gli eurodeputati di Lega e M5s ad esprimersi a favore della presidente designata: in ballo c'è il negoziato sul nome del commissario (e sul peso del portafoglio) che il governo punta a ottenere nella trattativa con Bruxelles. Un voto favorevole dei due azionisti di maggioranza del governo alla Von der Leyen, è il ragionamento del presidente del Consiglio, sarebbe certamente una carta importante da giocare al momento della scelta e rafforzerebbe di certo l'Italia. Ma mentre i 5 Stelle hanno le mani più libere e potrebbero far convergere i loro 14 voti su von der Leyen (i pentastellati hanno appoggiato fin da subito la linea Conte sulle nomine e non hanno un gruppo parlamentare cui rendere conto), la Lega è più in difficoltà. Il dilemma non è semplice: appoggiare von der Leyen smentendo di fatto la critica all'Europa franco-tedesca e sconfessando la posizione del gruppo sovranista? Oppure votare contro, indebolendo cosi' la posizione del governo italiano nella trattativa sul commissario, che la Lega stessa intende portare a casa? I parlamentari del Carroccio non hanno ancora deciso, il capogruppo di Identita' e Democrazia, Marco Zanni, dopo una prima presa di posizione ufficiale molto rigida ('voteremo no'", aveva detto a caldo), prende tempo. "Non voteremo a favore a scatola chiusa, vedremo da qui al 16 luglio valutando sia in termini di programma che di squadra". Insomma la porta della Lega resta socchiusa, ma rischia di aprire una crepa nel fronte sovranista. Tutte le altre forze del gruppo Identita' e Democrazia infatti, a cominciare dai francesi del Rassemblement National di Marine Le Pen, salvo colpi di scena clamorosi voteranno 'no'. 

Commenti
    Tags:
    von der leyennomine uelegasovranisti
    in evidenza
    Belen Rodriguez lecca il ghiacciolo Topless di lady Valentino Rossi e...

    GOSSIP E LE FOTO DELLE VIP

    Belen Rodriguez lecca il ghiacciolo
    Topless di lady Valentino Rossi e...

    i più visti
    in vetrina
    Juventus, con De Ligt arriva a Torino anche la fidanzata Annekee Molenaar

    Juventus, con De Ligt arriva a Torino anche la fidanzata Annekee Molenaar


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Insignia Country Tourer, anima off-road

    Opel Insignia Country Tourer, anima off-road


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.