A- A+
Affari Europei
Von der Leyen eletta per 9 voti, 5s decisivi.Sovranisti isolati ma Ue spaccata

Ue: ok Parlamento, von der Leyen presidente Commissione con 383 sì

Ursula von der Leyen è stata eletta presidente della Commissione con soli nove voti di scarto: la soglia per la maggioranza assoluta infatti era fissata a 374 voti e la ministra tedesca tedesca ha incassato 383 voti a favore e 327 contro. In percentuale von der Leyen ha preso il 51,27% dei voti espressi dal Parlamento europeo. Jean Claude Juncker era stato eletto con 422 voti, pari al 56,19%, Jose' Manuel Barroso, al suo secondo mandato aveva ottenuto il 51,9%. I sovranisti sono di fatto isolati ma l'Ue è spaccata, con i voti del M5s che sarebbero risultati decisivi all'elezione della tedesca.

Ue: voti M5s determinanti per elezione von der Leyen 

Oltre all'Ue risulta spaccato anche il governo italiano. Mentre la Lega parla di un'Europa "schiava di Merkel e Macron" i 14 voti del Movimento Cinque Stelle sono stati decisivi per l'elezione di Ursula von der Leyen alla presidenza della Commissione. L'attesa, considerato buona parte dei Socialisti, tutti i liberali e tutto il PPe avevano dichiarato il loro appoggio alla candidata tedesca, era che von der Leyen arrivasse a sfiorare i 400 voti. Ma il voto segreto ha invece scombinato le previsioni, i franchi tiratori si sono fatti sentire e la ministra tedesca e' passata solo per nove voti di scarto. Senza l'apporto dei 14 esponenti del M5S von der Leyen sarebbe stata bocciata dal Parlamento europeo. 

Von der Leyen, ora un'Europa che lotti per il futuro

"Mi sento molto onorata sono sopraffatta, la fiducia che riponete in me la riponete nell'Europa, un'Europa forte e unita da est a ovest, da nord a sud, pronta a combattere per il futuro invece che contro se' stessa. Il compito che dovro' affrontare pesa su di me ed il mio lavoro comincia adesso". Cosi' Ursula von der Leyen eletta presidente della Commissione europea. "Ringrazio tutti i membri del parlamento europeo che hanno deciso di votare per me, ma il mio messaggio e' lavoriamo insieme in modo costruttivo", ha aggiunto. 

Ue, Lega vota contro von der Leyen, con tutto il gruppo Id

I 28 eurodeputati della Lega dovrebbero aver votato tutti contro la presidente designata della futura Commissione europea, in linea con tutto il gruppo sovranista Identità e Democrazia, al quale appartengono. Lo hanno annunciato prima del voto l'eurodeputata leghista Mara Bizzotto, e, separatamente, il neo ministro leghista degli Affari europei Lorenzo Fontana, in trasferta a Strasburgo, mentre dopo il voto lo ha confermato il capogruppo di Id, Marco Zanni, anche lui della Lega. E' stato il discorso di stamattina in plenaria della von der Leyen, giudicato molto "di sinistra", che ha convinto i leghisti a votarle contro. "Dopo il suo discorso in aula a Strasburgo, non c'è nessuna buona ragione per votare la von der Leyen. La nuova Europa inizia malissimo, e Ursula sarà la degna erede di Juncker e del grumo di interessi franco tedeschi capeggiati da Macron e dalla Merkel", ha osservato Bizzotto in una nota. "'Nihil sub sole novi', purtroppo: la Ue ha deciso di imboccare la strada del non ritorno, quella dei burocrati, dei poteri forti e delle nomenclature che vogliono soffocare i nostri popoli: la von der Leyen sarà schiava non soltanto di Macron e della Merkel, ma anche di quel vergognoso e antidemocratico cordone sanitario (su cui Ursula non ha speso una parola) che hanno costruito contro la Lega di Matteo Salvini per tenerci fuori dai vertici del Parlamento", ha concluso l'europarlamentare della Lega. 

Ue: Lega, nuova Europa inizia malissimo. No a schiava Merkel-Macron

"Dopo il suo discorso in aula a Strasburgo, non c'è nessuna buona ragione per votare la Von der Leyen presidente della commissione Ue. La nuova Europa inizia malissimo, e Ursula sarà la degna erede di Juncker e del grumo di interessi franco tedeschi capeggiati da Macron e dalla Merkel. Nihil sub sole novi, purtroppo: la Ue ha deciso di imboccare la strada del non ritorno, quella dei burocrati, dei poteri forti e delle nomenclature che vogliono soffocare i nostri popoli". Lo dichiara l'europarlamentare della Lega Mara Bizzotto. "Von der Leyen sarà schiava non soltanto di Macron e della Merkel, ma anche di quel vergognoso e antidemocratico cordone sanitario (su cui Ursula non ha speso una parola) che hanno costruito contro la Lega di Matteo Salvini per tenerci fuori dai vertici del Parlamento – continua l'eurodeputata Mara Bizzotto - Continuino pure a farsi beffe della volontà popolare: molto presto saranno travolti dalla riscossa democratica dei nostri popoli, stanchi di essere calpestati dai comitati d’affari di Bruxelles". 

Ue: Fontana, discorso von der Leyen ha irrigidito deputati Lega

Gli europarlamentari della Lega si sono "irrigiditi" davanti a un discorso della presidente designata alla Commissione europea, Ursula von der Leyen, troppo "spostato a sinistra" e per questa ragione hanno deciso di allinearsi con il resto del gruppo Identita' e democrazia che con i suoi 73 deputati ha indicato di votare contro l'ex ministra della Difesa tedesca. Lo ha detto al termine della riunione del gruppo il ministro per gli Affari europei, Lorenzo Fontana, che in questi giorni e' al parlamento europeo a Strasburgo. "Vi arrivera' il comunicato del capogruppo, ma tendenzialmente e' no. Il discorso era troppo spostato a sinistra e, non solo nel nostro gruppo, non ha avuto un riflesso positivo: molti parlamentari si sono irrigiditi". Quanto al commissario italiano che il governo proporra', Fontana ha detto di aspettarsi "un lavoro che era gia' difficile in partenza", tanto da prevedere che gli occupera' il mese di agosto. Ma, ha aggiunto, l'apertura che la Lega, per bocca del capogruppo Marco Zanni, aveva fatto a von der Leyen nelle scorse ore, "non era tanto sul tema del commissario, quanto sul programma". 

Ue: Bay, discorso von der Leyen per voti socialisti e liberali

Con il suo discorso programmatico, la designata presidente Ue Ursula von der Leyen ha voluto "offrire garanzie ai socialisti e ai liberali" su alcuni punti che vedono il gruppo sovranista di Identita' e democrazia, quello di cui fa parte la Lega, "completamente contrario". Lo ha detto, al termine della riunione dei 73 eurodeputati del gruppo, il francese Nicolas Bay del Ressemblemant national di Marine Le Pen. "Il nostro gruppo ha diverse ragioni per votare contro von der Leyen, soprattutto le posizioni che ha preso stamattina in aula, chiaramente garanzie per socialisti e liberali con tre aspetti particolarmente importanti. Ha annunciato di voler aumentare il federalismo mettendo in discussione l'unanimita' del Consiglio in decisioni importanti come quelle in materia fiscale, e poi ha difeso il modello di libero scambio che tanti danni ha fatto alla nostra economia e la politica che amplifica i flussi migratori". 

Commenti
    Tags:
    von der leyencommissione uevoto
    in evidenza
    Silvia Toffanin, addominali e lato b da urlo in vacanza in Francia. FOTO

    Costume

    Silvia Toffanin, addominali e lato b da urlo in vacanza in Francia. FOTO

    i più visti
    in vetrina
    Francesca Cipriani, esplosiva in piscina. Guendalina nuda, Belen e…FOTO VIP

    Francesca Cipriani, esplosiva in piscina. Guendalina nuda, Belen e…FOTO VIP


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan LEAF:Un viaggio 100% elettrico da nord a sud Italia

    Nissan LEAF:Un viaggio 100% elettrico da nord a sud Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.