A- A+
Affari...di intimità
Dolore e piacere, alla ricerca della felicità
Dalle fiamme i fiori

Eschilo nel Prometeo narra: Nei doni concessi non sei magari andato oltre? PROMETEO: Sì, ho impedito agli uomini di vedere la loro sorte mortale.
Che tipo di farmaco hai scovato per questa malattia? PROMETEO: Ho posto in loro cieche speranze
Un grande giovamento hai così donato ai mortali.

Per la cultura greca il dolore è insito nell’esistenza umana, di cui bisogna accogliere per intero la caducità, l’illusoria assenza di dolore è secondaria ad una rivendicazione di felicità. Dolore e piacere si trovano in un rapporto polare: la diminuzione di dolore viene sperimentata come piacere ed una perdita di piacere lascia la persona in uno stato di dolore. La memoria del piacere è strettamente legata a quella del dolore, come uno stato dinamico tra felicità ed infelicità.
 Che cosa è l’infelicità? E’uno stato di coscienza negativo, un senso disarmonia con se stessi; uno stato di infelicità corrisponde ad un blocco dell’azione o, peggio ancora, ad un continuo stato di iperattività.
Si crede che per essere felici sia necessario realizzare i propri desideri. Dopo averli elencati minuziosamente, magari nella notte di Capodanno?  Se bastasse realizzare i desideri per essere felici sarebbe tutto tangibile. Forse non si può mai essere appagati del tutto perché è necessario desiderare per sentirsi vivi.  
Spesso è più facile riconoscere l’infelicità e pensare che sia  causata del mondo esterno, nell’ignoranza delle regole del circolo della vita. Comprendere il valore delle tensioni che la vita offre per canalizzarle verso la realizzazione di azioni, sarebbe la strada più giusta per entrare nella spirale della felicità. Il mondo di procrastinazione rimanda spesso ad un credito di soddisfazione e soprattutto ad un’attitudine all’inattività dell’individuo nella sua creatività, nella soddisfazione della parte emotiva, che è inconscia.

Il dolore insegna a vivere alla ricerca della felicità perché è nascosta dalla sofferenza. Basta capirne il significato, e quindi guardare oltre un:” mi piace, non mi piace, quello che voglio, quello che non voglio” perchè il dolore spinge a cercare orizzonti nuovi. La felicità include azione e passione, nel senso di patimento della condizione stessa dell’essere umano. Quando si ha la sensazione di dolore, si riesce a “sentire”, così che si diventa simili ad altri.
Gli eventi della vita, nel bene e nel male, ricordano che tutto è temporaneo. Nell’espansione e nella contrazione delle situazioni, la vita ci dice che è piacere e dolore, allo stesso tempo. Sul pensiero della caducità Freud dice: “l’animo umano rifugge istintivamente da tutto ciò che è doloroso”.
 L’ignoranza, infine, è la vera fonte dell’infelicità, perché per essere felici occorre dare un senso al dolore.
 Cosa è la felicità?  Dobbiamo ricordare di nutrire quotidianamente la nostra giornata di felicità, di bellezza, con azioni di amore per noi e per chi ci è vicino, perché le cieche speranze si trasformino in sguardi di affetto intorno a noi, senza tensioni e al di là delle paure. La nostra vita deve essere priva di ostacoli di dolore nello spazio della condivisione e dell’intimità, prima di tutto con noi stessi perché siamo in grado di riconoscere la sofferenza e il piacere. Consapevoli di una oggettiva difficoltà nelle relazioni,  bisogna opporsi alle regole dell’infelicità, abituarsi a sentire l’altro per acquisire l’armonia con tutto quello che è intorno noi, per essere protagonisti della nostra esistenza.

 

Maria Paola Simeone
Maria Paola Simeone ginecologa, sessuologa, ha creato una proposta di modello sperimentale del Servizio di sessuologia per la prevenzione della violenza in Europa,per accompagnare le donne nei riti di passaggio della vita dall’adolescenza alla menopausa. Lavora nella Asl a Bari; si occupa di: adolescenza, menopausa, problemi di coppia, di identità di genere, di dolore pelvico.  Nelle scuole ha attivato corsi sull’affettività, sulla sessualità, per la consapevolezza nella comunicazione virtuale e per la diagnosi precoce dell'endometriosi. E’ membro della FISS (Federazione di sessuologia), dell'EFS (Società Europea di Sessuologia) e dell'ESSM (Società di Sexual Medicine). Partecipa ai convegni internazionali e alla ricerca in ginecologia e sessuologia. Autrice del libro ”l‘intimità perduta, oltre la sessualità alla ricerca dell'eros" Europa edizioni 2014
 

Scrivi a: mariapaolasimeone@virgilio.it

Commenti

    Tags:
    piacerefelicità

    in vetrina
    Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

    Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

    i più visti
    in evidenza
    Carlotta Maggiorana è Miss Italia Dal film con Brad Pitt alla corona

    Spettacoli

    Carlotta Maggiorana è Miss Italia
    Dal film con Brad Pitt alla corona

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

    Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.