A- A+
#avvocatonline
Cosa è il mobbing sul lavoro?
Come sopravvivere a un capo (cattivo) in un ufficio milanese

Il mobbing nasce come una realtà sociale, ed è poi stato trasferito come fenomeno giuridico all’interno dell’ordinamento. Le prime definizioni di mobbing provengono difatti da psicanalisti e psicologi prima che da giudici e leggi. La psicanalisi definisce il mobbing come un “comportamento abusivo che minaccia, con la sua ripetizione o la sua sistematizzazione, la dignità o l’integrità psichica o fisica di una persona, mettendo in pericolo il suo posto di lavoro o degradando il clima di lavoro”. Ma anche che “il mobbing è una forma di terrore psicologico sul posto di lavoro, esercitata attraverso comportamenti aggressivi e vessatori ripetuti, da parte di colleghi o superiori”.  

Le forme in cui si manifesta il fenomeno variano dalla semplice esclusione ed emarginazione del soggetto al vero e proprio sabotaggio del suo lavoro attraverso azioni anche illegali, dalla diffusione continua di maldicenze all’attribuzione di mansioni e compiti dequalificanti. Numerose sono inoltre le tipologie di mobbing individuate in base alle caratteristiche del caso concreto: mobbing verticale (ascendente e discendente) od orizzontale, individuale o collettivo, emozionale, strategico, diretto o indiretto. 

Tutt’oggi non esiste una normativa specifica sul mobbing, di conseguenza si è dovuti ricorrere all’interpretazione e all’applicazione di norme già esistenti per poter tutelare i lavoratori vittime di tali condotte. Così, a fronte di comportamenti vessatori provenienti dal datore di lavoro, si potrà far riferimento alla disciplina inerente agli obblighi contrattuali di lavoro ex art. 2087 cc. e ex art. 2103 cc., mentre nel caso in cui gli stessi comportamenti provengano da colleghi o da altre figure diverse dal datore, ci si dovrà rifare principalmente all’articolo 2043 cc. e dunque alla responsabilità extracontrattuale.  

Il primo riconoscimento giurisprudenziale del termine mobbing si è avuto nel 1999 ad opera del Tribunale di Torino che ha riconosciuto il risarcimento del danno biologico sofferto dall’attrice (crisi depressiva) a seguito dei comportamenti di emarginazione subiti nell’ambiente di lavoro. Conseguenza immediata è stata la moltiplicazione esponenziale di cause per mobbing e la nascita delle prime definizioni del fenomeno ad opera delle corti e dei giudici che ne hanno evidenziato via via caratteristiche ed elementi essenziali.  

Ascrivibile alla categoria delle malattie professionali non tabellari a rischio generico (rispetto alle quali il lavoratore deve provare sia l’esistenza della malattia che il nesso eziologico tra questa e l’attività lavorativa per poter godere della tutela assicurativa dell’INAIL), il mobbing viene riconosciuto espressamente dall’INAIL con la circolare 71/2003 avente ad oggetto i disturbi psichici da costrittività organizzativa sul lavoro, il rischio tutelato e la diagnosi di malattia professionale. Tali disturbi psichici, a detta della circolare, “possono essere considerati di origine professionale solo se sono causati da specifiche e particolari condizioni […] situazioni definibili con l’espressione costrittività organizzativa”. Le situazioni più ricorrenti venivano dunque riportate ed elencate dalla circolare, comportando, di fatto, una trattazione rigida e puntigliosa propria delle malattie “tabellari” a cui si aggiungeva, peraltro, la previsione dell’obbligatorietà di indagini ispettive d’ufficio. Così il TAR Lazio, con la sentenza 5454/2005, annulla la circolare in quanto con essa l’INAIL “al di là del suo nomen juris, non farebbe che dettare prescrizioni sulla definizione e la diagnosi del mobbing, di fatto elevandolo a vera e propria malattia professionale tipizzata. Sicché essa esulerebbe dalla natura meramente ricognitiva ed esplicativa propria delle circolari, assumendo statuizioni conformative, ad effetto immediato, nei confronti dei poteri degli ispettori dell’ente medesimo e contro la sfera giuridica degli imprenditori, così da renderla immediatamente impugnabile”. 

 

Commenti
    Tags:
    mobbinggiuslavoristadiritto del lavoroavvocato
    in evidenza
    Bella Thorne, hacker ruba foto hot Lei lo beffa e le pubblica. Gallery

    La stella Disney va in contropiede

    Bella Thorne, hacker ruba foto hot
    Lei lo beffa e le pubblica. Gallery

    i più visti
    in vetrina
    Francesca De André e Gennaro Lillio: dal Grande Fratello 2019 a Temptation Island Vip?

    Francesca De André e Gennaro Lillio: dal Grande Fratello 2019 a Temptation Island Vip?


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen C5 Aircross guida il salone di Torino (19/23 giugno)

    Citroen C5 Aircross guida il salone di Torino (19/23 giugno)


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.