A- A+
Buonasanità
Ospedali al collasso...da riordino ospedaliero


Ed ecco verificarsi inevitabilmente quanto recentemente ipotizzato.... il Pronto Soccorso dell'Ospedale di Ostuni al collasso dopo la chiusura del vicino Ospedale di Fasano!
Perché il Governatore della Regione Puglia Michele Emiliano ha ribadito, come da recente Piano di riordino ospedaliero, che i piccoli ospedali sono assolutamente dannosi, in quanto non dotati di rianimazione....dimenticando però che i codici rossi che necessitano di sale rianimatore per fortuna rappresentano solo una parte delle varie patologie che accedono nei pronto soccorsi!
Chi deve allora smaltire l'enorme accesso di utenti che prima veniva distribuito tra le varie sedi ospedaliere?....ovviamente quei pochi centri per fortuna o sfortuna rimasti aperti, con i conseguenti disagi più volte ribaditi sia per i pazienti che per il personale sanitario che, pur sotto organico, deve sopperire alla gran mole di lavoro che precedentemente veniva più equamente distribuita, per non parlare della difficoltà a collocare i pazienti che necessitano di ricovero, essendo stati eliminati senza sostituzione centinaia di posti letto!
Dunque, nello specifico, ecco il proliferare delle proteste degli utenti che accedendo al nosocomio di Ostuni si trovano di fronte l'assurdo scenario di sale gremite da malati in attesa, senza conoscerne ordine di arrivo e triage e, quando finalmente arriva un infermiere, peraltro oberato di lavoro, senza un minimo di privacy essere costretti a dire davanti a tutti il motivo per cui ci si sente male!
Encomiabile quel personale che nonostante tutto egregiamente cerca di sopperire sulla propria pelle alle disastrose conseguenze dell'enorme "abbaglio" politico.
Come hanno solo lontanamente potuto pensare gli alti "dei dell'Olimpo" di poter chiudere con disinvoltura le tante sedi ospedaliere senza arrecare il danno quotidiano tristemente sotto gli occhi di tutti?
Questo il drammatico scenario in un contesto ancora invernale e dunque ridotto alla popolazione locale....ma non osiamo neppure immaginare cosa accadrà a breve nei mesi estivi quando l'Ospedale di Ostuni dovrà far fronte a un'utenza perlomeno qudruplicata se si pensa che si vedrà costretto ad accogliere, oltre ai propri, anche le migliaia di turisti che prima affollavano il Pronto Soccorso di Fasano.
Perché, caro Emiliano, la mia e la sua bellissima Puglia, oltre agli scenari incantevoli e all'eccelsa gastronomia, dovrebbe poter garantire al turista che la sceglie tra infinite mete anche un minimo di sanità funzionante... affinché la tanto desiderata vacanza non si trasformi in irreparabile tragedia!

Tags:
ospedali

in vetrina
Lavazza, Crozza canta e balla in Paradiso per Natale. FOTO e VIDEO

Lavazza, Crozza canta e balla in Paradiso per Natale. FOTO e VIDEO

i più visti
in evidenza
Oldani, lo chef sbarca su Rai 1 Ecco 'Alle Origini della Bontà'

Spettacoli

Oldani, lo chef sbarca su Rai 1
Ecco 'Alle Origini della Bontà'

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
La 124 Abarth protagonista nel nuovo video clip di Sting e Shaggy

La 124 Abarth protagonista nel nuovo video clip di Sting e Shaggy

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.