A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
Anche i ricchi muoiono. Scompare Idina Ferruzzi, vedova di Raul Gardini

 

Con la morte di Idina Ferruzzi, moglie del Corsaro di Ravenna, Raul Gardini, si conclude un ciclo drammaturgico che nell'immaginario collettivo ha rappresentato l'icona più elevata del turbo-capitalismo spericolato degli anni '80. Muore un pezzo di quell'Italia dove tutto sembrava possibile, e dove i flussi di denaro reale diventavano per la prima volta virtuali e viceversa. Muore un mondo di barche, feste fantasmagoriche con ragazze dalla dubbia moralità e di finanzieri jurassici dalla reputazione ancora peggiore. Il caimano milanese, espressione perfetta dell'Era, aveva ancora i capelli, e faceva il costruttore, e gli altri si stringevano intorno al potere pentapartitico per mungere definitivamente la vacca pubblica,per farne bistecche private, niente rispetto al grigiore doppiopettista dei protagonisti della ricostruzione, Mattei compreso. La ricchezza, si sa, si deve far sapere a tutti, almeno questo era l'assioma dell'immagine dell'epoca, che la loro vita era racchiusa in un paradiso terrestre ideale, che nulla aveva a che fare col resto del paese,anche se tutti gli italiani giocavano a fare i mini-finanzieri,molto d'assalto. Poi l'incantesimo svanì tra tintinnar di manette,e brutte storie di suicidi, troppi, e inutili, dovuti ad un nuovo tipo di potere che aggrediva le fragilità che il Sistema manifestava ormai da tempo,irreversibilmente fino ad oggi, almeno. E fu la catastrofe del 1992, anno orribile foriero di spaventose sventure che ancora oggi non abbiamo metabolizzato. La povera Idina,non c'entrava nulla, lei figlia del grande Serafino, e innamorata del suo spregiudicato Capitano, madre devota e dopo la tragedia addirittura suora laica,una parabola totalmente estranea ai lustrini del denaro facile,della corsa all'oro, del "tutti che corrompono tutti". Quella stagione ci appare come una tempesta perfetta,inevitabile e letale, come qualsiasi forma di alterazione,come l'apparenza che sostituisce la sostanza, perché non è possibile che tutti diventino ricchi, senza falsificare i conti,meglio farlo credere, ma questo vale per Tanzi e i suoi Picasso nascosti in garage dietro le biciclette e per l'industrialino che "pago le tasse, ma fino a un certo punto". Quel ricco muore quando capisce che il mondo dello spettacolo agli albori non lo sostiene più, e che la spietatezza è meglio lasciarla a Douglas in Wall Street, muore d'invidia e di avidità, di fragilità psicologica e di inadeguatezza, ma questo riguarda quasi tutta la classe dirigente italiana, e dunque mal comune mezzo gaudio.

Lontano appare il gusto rapace di quei vecchi predatori, quasi romantici rispetto ai killer in gessato delle Cancellerie e dei palazzi post-moderni di Bruxelles, quelli almeno cercavano di essere cattivi senza riuscirci fino in fondo, oggi i nuovi ricchi ci hanno messo in catene senza neppure sfiorarci, col sorriso criminale sulla faccia.

Commenti
    Tags:
    idina ferruzzi

    in evidenza
    Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Toninelli visto dall'artista

    i più visti
    in vetrina
    Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

    Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.