A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
Gramellini e il caffè amaro: indigestione di luoghi comuni

Vorrebbe essere molto più glamour e cerca sempre la battuta ad effetto, all’Eduardo, per far “cadere il teatro” ma non ci riesce quasi mai. Parla, tantissimo, parla a vanvera si parla addosso, è sempre pronto a servire la battuta facile agli “amici ospiti, e oscilla per mascherare la timidezza da neofita del piccolo schermo che si gode l’immeritato successo.

Gramellini è l’alfiere della nuova categoria dei Grilliparlanti italici che ce  la spiegano, e ce la raccontano, e vorrebbero un’Italia educata, seria, onesta, disponibile a cedere il posto in autobus, altruista, insomma una fiaba.

Già perché nelle fiabe è tutto facile, anche la cattiveria diventa argomento edulcorato, tenero, per lui compagno di scuola un po’ sfigato, ma secchione che le ragazze amano frequentare, ma fino al limite fisico del bacio, perché lui non ha tempo deve ripassare la scaletta. Figlio di un Fazio Minore, e di una seconda serata, è diventato il dispensatore di consigli non richiesti che neanche Donna Letizia, e ne ha per tutto e per tutti.

I bambini, le nonne, i geni incompresi, gli imprenditori vessati dalla mafia, da lui diventano personaggi felliniani, alla Ginger e Fred, in attesa della messa in onda che, sappiamo trasforma tutto, alleggerisce, stempera, anche la violenza tra le sue labbra diventa lieve, sopportabile, pronta ad essere perdonata.

E’ un personaggio che potrebbe essere nato dalla penna  di Fogazzaro, perché non ha nulla di sovraesposto, non provoca, non urla, piace alle suocere e ai potenti perché inoffensivo più di Severgnini, soporifero e prevedibile e dunque affidabile, un mondo antico piccolo piccolo.

Rispetto agli urlatori a gettone, lui preferisce quel gruppo di incensatori delle buone e vecchie maniere, i vecchi soloni spompati, parcheggiati da millenni, col plaid sulle gambe, su raitre, ma non riusciamo a provare comprensione perché la sua  paciosità accondiscendente contrasta con un mondo sfatto, strafatto, brutto e cattivo.

L’Italia dei Garrone (decidete se il regista o il protagonista di Cuore) e dei Franti non si specchia in nessuno di questi siparietti del sabato sera, uno Studio Uno contemporaneo ,dove al posto di Mina ci viene imposto lo sfigato che ce l’ha fatta e canta il rap, gadlerner, due comiche stressate, e la compagnia di giro che ha appena finito il passaggio prezzolato sulle altre reti.

Un vero strazio, sussurrato, con frasi ben articolate che alla fine non conducono da nessuna parte, una descrizione di un territorio mentale che esiste solo nella sua testa, ed è tutto uno scambio di salamelecchi e di sorrisi tirati, brutti da vedere, di autocompiacimenti all’infinito, tra famosi fumosi e sconosciuti sconvolgenti.

Tutto questo  per ore e ore di trasmissione senza tregua e senza la speranza di una pausa pubblicitaria, senza un balletto che ci venga a salvare dalla noia, Gramellini liberaci dal male, spegniti.

E così sia.

Commenti
    Tags:
    massimo gramellini

    in evidenza
    Oldani, lo chef sbarca su Rai 1 Ecco 'Alle Origini della Bontà'

    Spettacoli

    Oldani, lo chef sbarca su Rai 1
    Ecco 'Alle Origini della Bontà'

    i più visti
    in vetrina
    Lavazza, Crozza canta e balla in Paradiso per Natale. FOTO e VIDEO

    Lavazza, Crozza canta e balla in Paradiso per Natale. FOTO e VIDEO

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La 124 Abarth protagonista nel nuovo video clip di Sting e Shaggy

    La 124 Abarth protagonista nel nuovo video clip di Sting e Shaggy

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.