A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
L'Italia dichiara guerra al crimine, chi si difende resta un dilettante

di Maurizio De Caro

Non è mai stato accertato il rapporto tra capacità di difesa armata come deterrente alle intrusioni criminali nelle abitazioni o nelle aziende. Nei paesi più attrezzati, USA in testa l’armamentario delle famiglie purtroppo spesso diventa fonte di uso improprio, molto improprio anzi: stragista.Il diritto a difendersi è sancito da tutte le carte costituzionali e la Proprietà non è un furto ma sacra ovunque, ma nessuno conosce la formula magica per fiaccare la voglia operativa e fredda del Ladro di penetrare in ville, casali e castelli, per rubare o peggio, bisognerebbe realizzare la profezia di Minority Report.

Senza voler ricordare le nefandezze stile Arancia meccanica, il tema della difesa personale e delle conseguenze che questa azione,un tempo attribuita alle forze di polizia,possa determinare ha agitato fino a ieri maggioranza-opposizione e vice-opposizione di Forza Sinistra, ma ora la legge è legge. Non si tratta di trasformare le nostre villette in bunker antiatomici,con postazioni militari fisse ma di capire che la vendita,l’uso di un’arma,è argomento molto controverso, e già solo la presenza nel cassetto di una Smith & Wesson 45 come quella dell’Ispettore Callaghan può far diventare un litigio, una battuta infelice, un’incomprensione,argomento di cronaca nera.La legge è legge ma si interpreta, dunque il giusto staziona nella parte mediana del ragionamento, difendersi, certo è un diritto, difendere famiglia e cose anche,ma attenzione alla proliferazione incontrollata di vice-sceriffi, sparare non è mai argomento da trattare con leggerezza, anche per difendersi.

Ben vangano le restrizioni, se servono a rendere psicologicamente le famiglie,vessate o a rischio,maggiormente sicure, i commercianti o altre categorie prese di mira dalla delinquenza spicciola o organizzata,ma la ragione deve sempre governare ogni nostra azione anche nel momento più tragico.Ricordiamoci,e ricordiamo a nuovi pistoleri che festeggiano che non stiamo girando un film di James Bond,e che alla fine chi si difende è e resterà sempre, un dilettante rispetto a chi offende, il possesso e l’uso di un’arma non garantisce nessun tipo di successo, nella società civile avanzata, e i rischi rimangono, soprattutto per le persone per bene.

Commenti
    Tags:
    italialegittima difesaarmi
    in evidenza
    Italia Viva, l'ironia del web "Sembra la pubblicità del Vagisil"

    Politica

    Italia Viva, l'ironia del web
    "Sembra la pubblicità del Vagisil"

    i più visti
    in vetrina
    BELEN IN LINGERIE, CECILIA RODRIGUEZ 'FUORI DI SENO'. E POI... Foto delle Vip

    BELEN IN LINGERIE, CECILIA RODRIGUEZ 'FUORI DI SENO'. E POI... Foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Al Salone Auto e Moto d’epoca 2019, Peugeot festeggia i 50 anni della 304

    Al Salone Auto e Moto d’epoca 2019, Peugeot festeggia i 50 anni della 304


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.