A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
La paranza dei designer.Salone del mobile, metafora autoreferenziale di Milano
Arredo creato con cartone riciclato, opera di Giorgio Caporaso (Foto: LaPresse)

«Anche le città credono d'essere opera della mente o del caso, ma né l'una né l'altro bastano a tener su le loro mura. D'una città non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda.» Italo Calvino

Le orde fameliche erano già in postazione ore prima dell’apertura dei cancelli, stagisti, ultra-designer, blogger in progress e altre figure retoriche della commedia all’italiana (ma anche globale) pronte a dare l’assalto a luoghi anomali, a spazi improbabili solo per qualche selfie o per qualche drink gratuito. Milan l’è un grand design.

Il salone del mobile da qualche anno si è trasformato da vetrina della creatività di questo importante comparto dell’industria italiana, a gigantesca “fiera degli oh bej,oh bej”!, dove la kermesse si è spostata dal mostrare “mobili”al fare cose incomprensibili ai più, ma necessarie per marcare il territorio dell’inutilità comunicativa contemporanea.

Girano molti daneé, gli albergatori e i ristoratori gongolano, gli affitti temporanei decollano, e il popolo dei creativi a tempo indeterminato è felice di esserci,anche se non ha capito bene perché e quale possa essere l’obiettivo di tanta raffazzonata esibizione del vuoto estetico,vero protagonista del Salone.

E’ l’avvicendarsi delle tante Paris Hilton,famose perché famose,e di tante star e starlette del magico mondo del lustrino milanese, tutto superficie e pochissimo profondità, ma anche quest’anno, basterà per nutrire le bocche buone, adoranti di tutti, bambini, famiglie, industria lotti, giornalisti free lance e influencer periferici e trendy.

Non ho bisogno di raccontare nulla, ci ha già pensato Crozza-Fuffass, cosa aggiungere, se tutto rientra nel caveau della fatturazione brianzola, siamo tutti contenti, anzi ogni critica potrebbe sembrare disfattismo,di questi tempi super-gloriosi

Per fortuna domenica il baraccone si smonterà e siamo in attesa della trionfale elencazione di numeri,di statistiche di successi, già operativi per il prossimo anno, perché come in quelle invisibili di Calvino, smontata la città-stand, tutto è già pronto per la prossima edizione e per il prossimo applauso,in fondo gli uomini credono solo in quello che desiderano. Buon divertimento a tutti.

Commenti
    Tags:
    milanofuorisalonedesignerdesigner milanosalone del mobilemdwfuorisalone 2019fuorisalone milanofuorisalone milano 2019fuorisalone porta garibaldifuorisalone milano eventifuorisalone milano oggifuorisalone eventi gratuitifuorisalone eventi non perderemdw 2019mdw 19fuorisalone cosa vedere
    in evidenza
    Fabio Fognini trionfa a Montecarlo "Dedico la vittoria a mia mamma"

    Tennis

    Fabio Fognini trionfa a Montecarlo
    "Dedico la vittoria a mia mamma"

    i più visti
    in vetrina
    Georgina: "Io e Cristiano Ronaldo? Basta uno sguardo e ci capiamo"

    Georgina: "Io e Cristiano Ronaldo? Basta uno sguardo e ci capiamo"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Camp Jeep 2019: debutto europeo per la Gladiator

    Camp Jeep 2019: debutto europeo per la Gladiator


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.