A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
La paranza dei designer.Salone del mobile, metafora autoreferenziale di Milano
Arredo creato con cartone riciclato, opera di Giorgio Caporaso (Foto: LaPresse)

«Anche le città credono d'essere opera della mente o del caso, ma né l'una né l'altro bastano a tener su le loro mura. D'una città non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda.» Italo Calvino

Le orde fameliche erano già in postazione ore prima dell’apertura dei cancelli, stagisti, ultra-designer, blogger in progress e altre figure retoriche della commedia all’italiana (ma anche globale) pronte a dare l’assalto a luoghi anomali, a spazi improbabili solo per qualche selfie o per qualche drink gratuito. Milan l’è un grand design.

Il salone del mobile da qualche anno si è trasformato da vetrina della creatività di questo importante comparto dell’industria italiana, a gigantesca “fiera degli oh bej,oh bej”!, dove la kermesse si è spostata dal mostrare “mobili”al fare cose incomprensibili ai più, ma necessarie per marcare il territorio dell’inutilità comunicativa contemporanea.

Girano molti daneé, gli albergatori e i ristoratori gongolano, gli affitti temporanei decollano, e il popolo dei creativi a tempo indeterminato è felice di esserci,anche se non ha capito bene perché e quale possa essere l’obiettivo di tanta raffazzonata esibizione del vuoto estetico,vero protagonista del Salone.

E’ l’avvicendarsi delle tante Paris Hilton,famose perché famose,e di tante star e starlette del magico mondo del lustrino milanese, tutto superficie e pochissimo profondità, ma anche quest’anno, basterà per nutrire le bocche buone, adoranti di tutti, bambini, famiglie, industria lotti, giornalisti free lance e influencer periferici e trendy.

Non ho bisogno di raccontare nulla, ci ha già pensato Crozza-Fuffass, cosa aggiungere, se tutto rientra nel caveau della fatturazione brianzola, siamo tutti contenti, anzi ogni critica potrebbe sembrare disfattismo,di questi tempi super-gloriosi

Per fortuna domenica il baraccone si smonterà e siamo in attesa della trionfale elencazione di numeri,di statistiche di successi, già operativi per il prossimo anno, perché come in quelle invisibili di Calvino, smontata la città-stand, tutto è già pronto per la prossima edizione e per il prossimo applauso,in fondo gli uomini credono solo in quello che desiderano. Buon divertimento a tutti.

Commenti
    Tags:
    milanofuorisalonedesignerdesigner milanosalone del mobilemdwfuorisalone 2019fuorisalone milanofuorisalone milano 2019fuorisalone porta garibaldifuorisalone milano eventifuorisalone milano oggifuorisalone eventi gratuitifuorisalone eventi non perderemdw 2019mdw 19fuorisalone cosa vedere
    in evidenza
    David e Cristina, la svolta al falò Una coppia si è detta addio...

    TEMPTATION ISLAND, I COLPI DI SCENA DELLA 4° PUNTATA

    David e Cristina, la svolta al falò
    Una coppia si è detta addio...

    i più visti
    in vetrina
    Wanda Nara, Tiki Taka e Amici Vip! I rumors su lady Icardi

    Wanda Nara, Tiki Taka e Amici Vip! I rumors su lady Icardi


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mahindra strizza l’occhio all’Europa

    Mahindra strizza l’occhio all’Europa


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.