A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
Fausto Brizzi rovinato dalle accuse. Quanta ipocrisia sulle molestie sessuali

Argomento alquanto scivoloso ma mai così presente sulle pagine asfittiche dei quotidianoni della Repubblichetta, la molestia a sfondo sessuale ha toccato picchi di diffusione e di ipocrisia come mai prima di oggi.

A rivedere film, telegiornali e giornali del passato, per non parlare delle pubblicità, sembrerebbe impossibile lo stato di maturità raggiunto nel nostro paese anche in questo campo, ma ci sono troppe contraddizioni in questa apparente evoluzione culturale.

Anche oggi la donna viene vista come preda, inseguita, vessata come destinataria della battuta grassa e a doppio senso, icona della nostra letteratura sociale, ma molto è stato fatto per sfatare il detto: "L'ho fatto perché ci stava, vi sembro un tipo che fa queste cose? Con quella minigonna si vedeva tutto, ma forse ho capito male". In principio era il Produttore Hollywoodiano, che costringeva star e starlette a pratiche non proprio consone alla recitazione, ma poi il fenomeno si è riprodotto, toccando una diffusione capillare senza distinzione di classi sociali, mestieri, professioni e condotta morale delle protagoniste.

Un regista italiano famoso, Fausto Brizzi, è stato assolto da un'accusa infamante: aver chiesto favori sessuali di vario genere a ragazze che anelavano una parte nei suoi film. Sai la grande notizia, ma quel che è drammatico per famiglie, figlie e parenti del "mostro" è ritrovarsi accanto qualcuno che viene descritto come il Marchese de Sade, assetato di sesso e insaziabile amatore.

Non è certo solo il cinema, la televisione o magari la carta stampata, ma purtroppo il ricatto più bieco si manifesta in tutti gli ambiti lavorativi, e rende l'ipotetica prestazione "a pagamento" la referenza più alta del proprio cv. Lo squallore è diffuso ma sotto i riflettori ci finisce solo la crema mediatica che occupa tutto lo spazio dell'immaginario collettivo.

Quanti datori di lavoro possono dire di non averci provato? Che "hai visto la nuova segretaria? Il problema è ancora più grave in epoche di crisi economica, non solo star ma operaie, signore bene che si riciclano in lavori improbabili costrette a degradanti performance in alberghetti equivoci di periferia, prima di firmare "il contratto", perché tutto ha un prezzo.

L'atmosfera è ammorbata dalle frustrazioni incrociate di vittime e carnefici, entrambi protagonisti dell'immane tragedia dell'assenza di valori, dove il bruto chiede in fondo solo un "piccolo favore" in cambio di una promozione, e il ricatto lo trasforma un latin lover.

Questo non può essere il quadro generale e troppi equivoci sono stati risolti dalla magistratura con "perché il fatto non sussiste", e soprattutto perché "mi volevo vendicare perché aveva preferito l'altra protagonista, oppure quel posto di direttore doveva essere mio".

In questo atteggiamento c'è una delle più elementari e antiche forme di razzismo: l'uomo si crede antropocentrico rispetto al mondo, e considera l'altro sesso, un corollario, un aggregato secondario pur sapendo che spesso la donna è in grado di usare il suo potere per rovinare, mettere in crisi, appannare l'immagine di un "potente" con una sola dichiarazione d'istinto, magari tardiva, frammentaria.

Naturalmente il gioco perverso attraversa generi e gusti sessuali variegati, ma oggi hanno assolto un regista, e questi mesi d'inferno nessuno glieli restituirà, mentre le starlette hanno trovato qualche momento di celebrità che finirà con le prime piogge autunnali.

Non è colpa di nessuno, neppure delle Mamme Italiche che hanno coltivato per decenni maschi infantili e predatori col mito della conquista e con la consapevolezza che "tutte ci stanno", e tutte le figlie a difendersi dalle mille mani sulle spiagge, e dagli attacchi nella prima cinquecento con i ribaltabili.

Questo non ha niente a che vedere con l'affetto, con l'amore e con la passione, uomini e donne hanno percezioni e consapevolezze diverse, magari tradiscono nel primo pomeriggio, ma non possono abbandonarsi alla violenza, sia essa fisica o verbale, negazione assoluta della sensualità e della sessualità consapevoli. Ogni stupro anche minacciato attenta allo sviluppo della civiltà, perché ci riporta indietro, in epoche animalesche o di sottosviluppo, dunque trasgredite pure e sempre se volete,ma si faccia in modo che almeno in questo ambito non esistano forzature, costrizioni, imposizioni fisiche.

Se il sesso continuerà ad essere una delle attività più piacevoli per l'umanità non lo si può ridurre a clausola di un contratto,ma per carità diamo ad ogni tipo di avance la giusta collocazione,un peso specifico,e prima di baciare qualcuno assicuriamoci di prevedere la reciprocità,senza denunce anonime o televisive,e senza paure. In fondo anche un regista può essere un uomo serio ,e dare la parte a una giovane attrice solo perché è brava.

Tags:
molestie sessualicinema molestie sessualiattrici molestie sessuali

in evidenza
Tre stelle a Mauro Uliassi E' il decimo chef in Italia

Siamo il secondo paese al mondo

Tre stelle a Mauro Uliassi
E' il decimo chef in Italia

i più visti
in vetrina
Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.