A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
Segre/ Coscienza, educazione, conoscenza: ecco come si protegge la senatrice

Ha lo sguardo sereno delle belle nonne di una volta, sicura di una bellezza austera, lucida e presente, potrebbe essere una delle tante belle signore che attraversano le nostre città eppure Lei nasconde dentro di se il più grande e inspiegabile macigno del Novecento.

Liliana Segre non è solo una testimone dell’Orrore Sommo, vissuto da bambina, perchè dovrebbe essere il monito fisico, un limite oltre il quale la conoscenza si ferma, perché l’Olocausto non è solo uno sterminio ma rappresenta un punto di non ritorno dell’Umanità, già molto abile nel distinguersi per stragi e massacri.

Eppure questa signora dolce e sensibile, amata e circondata dall’affetto di quasi tutti i suoi milioni di nipoti italiani che l’hanno ascoltata raccontare l’inesprimibile orrore, oggi nella palude italica sempre più tetra ha avuto bisogno di essere “protetta” dal branco degli odiatori che, veri o presunti tali, rappresentato l’ennesimo passo avanti verso il baratro dei sentimenti e dei valori.

In effetti più che una scorta sembra che i carabinieri l’accompagnino nei suoi tanti tragitti cittadini, le portino le borse della spesa o i pacchetti dei regali, ma l’immagine orrenda rimarrà indelebile nelle memorie e nelle coscienze di quanti hanno mantenuto il controllo della ragione.

Ma non è solo la facile tiritera contro il negro Balotelli, o il vietare la visita ad Auschwitz se non si visitano i gulag, sappiamo benissimo che la logica del tanto meglio, tanto peggio è foriera di grandi pericoli, ma una cosa è certa, l’ultima stagione politica ha sdoganato figure retoriche e individui che si sono sentiti gratificati dal poter esprimere il proprio vuoto culturale, senza vergogna.

Anche questo squallore antropologico passerà, perché la bellezza di questo Paese è nella sua capacità di digerire tutto, quindi nessuno si metta in testa di esiliarci ai margini dell’evoluzione storica. Indietro non si torna e non si tornerà mai, anche negando sui social le tragedie del secolo scorso.

Solo con l’educazione e la conoscenza si può uscire da questo ring infinito che è diventata la politica italiana, ma bisogna avere il coraggio di difendere in minimo denominatore comune che ci tiene uniti, che non è il campionato di calcio o il festival di Sanremo, ma quella coscienza che ci porta a rifiutare la deriva oscurantista e illiberale.

Per questo motivo Liliana Segre andrebbe protetta dal nostro affetto e dalla nostra solidarietà infinita, perché ci insegna ogni giorno la delicatezza e la tolleranza, la fermezza delle idee e la superiorità dell’intelligenza sulla barbarie, vi pare poco?

Un caldo abbraccio alla bella Senatrice.

Loading...
Commenti
    Tags:
    liliana segre
    Loading...
    in evidenza
    Victoria’s Secret, show annullato Niente sfilata di Angeli per Natale

    Costume

    Victoria’s Secret, show annullato
    Niente sfilata di Angeli per Natale

    i più visti
    in vetrina
    Taylor Mega gioca a calcio senza vestiti: lato B in primo piano. VIDEO

    Taylor Mega gioca a calcio senza vestiti: lato B in primo piano. VIDEO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Skoda. Ecco Kamiq, il City Suv camaleontico per giovani e famiglie

    Skoda. Ecco Kamiq, il City Suv camaleontico per giovani e famiglie


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.