A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
Terrorismo all’italiana, la banalità dell’orrore nella quotidianità del Paese
Foto: LaPresse

C’è qualcosa di mostruoso e di implacabile nell’orribile fatto di cronaca avvenuto ieri alle porte di Milano, molto oltre  la sceneggiatura di un film troppe volte visto in lontane parti del mondo.

Un autobus, una scolaresca e un autista “che non aveva mai dato segni di squilibrio”, poi si innesca la miccia che riesce  a far esplodere il detonatore, e il film diventa “il nostro maledetto quotidiano”.

Sequestrare bambini, legarli con le fascette da elettricista, minacciarli con una pistola e parte la giostra mediatica, fatta di distinguo, attacchi, incomprensioni e soprattutto il coro del “come sia stato possibile”, nessuno ha avuto il coraggio di entrare nel merito di una tragedia mancata.

Le forze dell’ordine risolvono come spesso accade in questa dannata nazione, e gli elementi per lo spettacolo ci sono tutti compreso il piccolo eroe che nella sua spudorata normalità ha salvato la vita a cinquanta suoi compagni di scuola.

Eroe a sua insaputa e interprete di un ruolo che dovrebbe insegnarci di quale spessore, di quale coraggio sono fatti i nostri figli che ormai vivono nell’orrore quotidiano pensando di guardare una serie su Netflix.

Sentirlo raccontare con calma ”avevamo molta paura, paurissima, pensavo fosse il mio ultimo giorno” ci restituisce la dimensione problematica della incomprensibile quotidianità.

Il dirottatore senegalese o siciliano o bergamasco, voleva vendicarsi dell’Italia che uccide i profughi, annegandoli nel Mediterraneo, così come nello scontro politico ignobile si vuol far credere, e lui ha agito come un terrorista dilettante ma motivato come quelli veri, perché l’ha sentito in tv.

La banalità del male stava per compiersi e in parte ci avvertito che siamo andati oltre il lecito  nel negare che le “fake news” possono produrre stragi (mancate) come questa, non realizzata per una serie concomitante di fattori favorevoli, ma speriamo non ripetibile da emuli che, probabilmente passeggiano in tutte le periferie del mondo, e in molte nostre città.

Mentre abbracciamo i piccoli, e rivolgiamo la nostra gratitudine a quelli che li hanno portati fuori da un incubo troppo grande, crediamo che sia necessario fermare il lancio pericoloso di parole in libertà che possono far perdere o guadagnare voti, ma da ieri sono in grado di incendiare autobus, di formare combattenti “normali” di cui, francamente, non sentiamo il bisogno.

Commenti
    Tags:
    terrorismoscuolabussan donato
    in evidenza
    Heidi Klum, Taylor Mega e poi... Tutti i topless da urlo (e non solo)

    Belen, Diletta Leotta e... GALLERY

    Heidi Klum, Taylor Mega e poi...
    Tutti i topless da urlo (e non solo)

    i più visti
    in vetrina
    LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS

    LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Francoforte 2019: Volkswagen presenta la nuova immagine del brand

    Francoforte 2019: Volkswagen presenta la nuova immagine del brand


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.