A- A+
Coaching
Prescott Price, CEO of Lessons for Life: "Good teachers make a better world"

Interview with Prescott Price, CEO of ‘Lessons for Life’ a foundation focused on the education of African sub-saharian children.

 

Dear Prescott, thank you for the interview. Let's dive into the main points of your very important and very difficult job: how big is your budget for education? And how many children the 'Lessons for Life' foundation can educate with this budget?

In this year 2017 our budget for education is 1,9 million euros. It’s a small amount in the scale of the total investment for education, but it’s very important for children and community member we support.

We will reach about 25.000 children, many of whom wouldn’t have gone to school without our help. This is our fundamental aim: that a lot of children can go to school. At the same time we work with the community of their children, to help them to understand the benefits of their children going to school.

And what are the most important skills you want to teach them?

In those areas just getting children to school can make the difference and improve dramatically their further opportunities. Our children come from rural communities and when they go back the subsistence agriculture will be part of their life, but now they will be able to understand the science of agriculture, some of them will open their own business, they will be able to get a job or to open a bank account, to find customers, to sell and buy. We are talking about a transition that let them to become real economic agents, and this is the best way to develop the economy of a country.

Your Foundation operates in Africa that for sure is the last area in the world considering the amount of knowledge-per-person factor. Are there areas of this kind also in the Western World?

The report from Unesco in 2016 says that in the developed countries the percentage of children that does not go in secondary school is 6% while in sub-saharian Africa is 58%, so the dimension of the problem is very different.

You work in a foundation focused on education. Do you think is something that should be largely operated from private institutions like yours or it should remain public while private must educate where the public sector is not present?

If we talk about the ownership of education institutions I don’t mind. If we talk about the way that education is managed, I think that in the sub-saharian Africa governments should find all the resources needed to give all the children the chance to be educated  to secondary level. In the Western world we all expect to be educated and believe in education, but when I started to travel in the sub-saharian schools I could be surprised about the big number of children in a classroom or about the fact that there were no teachers or desks, and there are schools with the barbed wire around them. The only important thing there is to have a school, definitively.

'Lessons for Life' is focused on African children education, that is for sure the most important starting point. How can we educate these kids after primary school learning them more technical skills? Do you believe in digital coaching at distance?

A lot of research has  demonstrated that non-in-person education does not always work with children and we can easily understand this even if just think about the level of concentration that they can have with or without the teacher in the classroom. We can also use all the teaching tools, including books and digital, but, especially with the younger student, it’s often the teacher that make the difference. The life of everyone has always traced from paths created by some very good teacher.

Could you please indicate your personal next desired aim in your education activity?

About ‘Lessons for life’, even if it’s a small charity, I desire that it could be very effective in its action in the solution of this big problem. On the personal side, I’m learning to be a CEO, I have worked in finance in the past and now I’m working with a wider brief.

 


 

I buoni insegnanti creano un mondo migliore

 

Intervista con Prescott Price, CEO di 'Lesson for Life', una fondazione dedicata all'educazione dei bambini sub-sahariani.

 

Caro Prescott, grazie mille per l'intervista. Andiamo direttamente al punto centrale del tuo lavoro così importante e difficile: qual è il vostro budget per l'educazione? Quanti bambini riesce ad educare 'Lesson for Life' con essi?

In quest'anno, il 2017, il nostro budget per l'educazione è stato di 1,9 milioni di euro. Si tratta di un piccolo ammontare sulla scala degli investimenti totali dell'educazione, ma è molto importante per i bambini ei membri della comunità che aiutiamo.

Raggiungeremo circa 25000 bambini, molti dei quali non sarebbero andati a scuola senza il nostro aiuto. Questo è il nostro obiettivo fondamentale: che un sacco di bambini possono andare a scuola. Allo stesso tempo lavoriamo con le comunità di questi bambini, per aiutarli a capire e comprendere i benefici dovuti al fatto che loro bambini vadano a scuola.

Quali sono le abilità più importanti che volete insegnare loro?

In queste aree già mandare i bambini di andare a scuola può fare la differenza e aumentare drammaticamente le loro opportunità future. I nostri bambini vengono da comunità rurali, e quando torneranno indietro l'agricoltura di sussistenza sarà parte della loro vita, ma ora saranno in grado di comprendere la scienza agraria, qualcuno di loro aprirà un suo negozio, saranno in grado di avere un lavoro o di aprire un conto corrente, di trovare clienti, di vendere, di acquistare. Stiamo parlando di una transizione che li farà diventare veri e propri agenti economici; e questo è il modo migliore per sostenere lo sviluppo dell'economia di un Paese.

La tua Fondazione Opera in Africa, che di certo è l'ultima area del mondo se si considera l'istruzione scolastica. Ci sono aree di questo tipo anche nel mondo occidentale?

Il report per l'Unesco del 2016 dice che nei paesi sviluppati la percentuale di bambini che non va alle scuole secondarie del 6% mentre nell'Africa subsahariana è il 58%, così le dimensioni del problema sono chiaramente molto diverse.

Lavori in una fondazione concentrata sull'educazione. Credi che sia qualcosa che dovrebbe essere gestito da istituzioni private come la tua o che dovrebbe restare pubblico mentre i privati debbano educare dove settore pubblico non è presente?

Se parliamo del possesso delle istituzioni educative non ho alcun problema. Se parliamo invece del modo nel quale l'educazione è gestita, credo che nell'Africa subsahariana i governi dovrebbero trovare tutte le risorse necessarie per dare a tutti i bambini le possibilità di essere educati fino alla scuola secondaria.

Nel mondo occidentale tutti ci aspettiamo di essere educati e crediamo nell'educazione, ma quando ho cominciato a viaggiare nelle scuole subsahariane mi sono sorpreso rispetto al grande numero di bambini in ogni classe, o rispetto al fatto che non ci fossero insegnanti o scrivanie, e che ci fossero scuole circondate dal filo spinato. L'unica cosa importante qui, alla fine, è avere una scuola.

'Lessons for Life' è dedicata all'educazione dei bambini africani, che di certo è il più importante punto di partenza. Come possiamo educare questi bambini dopo la scuola primaria insegnando loro abilità più tecniche? Credi nel coaching digitale a distanza?

Molte ricerche hanno dimostrato che l'educazione non di persona non sempre funziona con i bambini, e possiamo facilmente capire il perché solo prendendo in considerazione il livello di concentrazione che possono avere con o senza l'insegnante all'interno dell'aula. Possiamo anche utilizzare tutti gli strumenti di insegnamento possibili, includendo i libri e il digitale, ma, specialmente con gli studenti più giovani, è spesso l'insegnante quello che fa la differenza. La vita di ognuno di noi è stata segnata dal percorso svolto con qualche buon insegnante.

Potresti indicarci il tuo prossimo obiettivo nella tua attività educativa?

Riguardo 'Lesson for Life', anche se si tratta di una piccola charity, desidero che sia molto efficace nella sua azione e nella soluzione di questo grande problema. Dal lato personale, sto imparando ad essere un CEO, ho lavorato nella finanza nel passato e ora sto lavorando su qualcosa di più grande.

 

Commenti

    Tags:
    teaching

    in vetrina
    Victoria's Secret, terremoto ai vertici. Lascia la ceo Jan Singer

    Victoria's Secret, terremoto ai vertici. Lascia la ceo Jan Singer

    i più visti
    in evidenza
    Ronaldo sposa Georgina Ecco l'anello di CR7 e poi...

    Juventus News

    Ronaldo sposa Georgina
    Ecco l'anello di CR7 e poi...

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes Classe E All-Terrain 4x4 al quadrato un esemplare unico

    Mercedes Classe E All-Terrain 4x4 al quadrato un esemplare unico

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.