A- A+
Cose Nostre
Def, la posta in gioco è il potere. Ossia chi comanderà in Italia e in Europa

“Atto di coraggio o andiamo a casa”... Per difendere il Def Luigi Di Maio usa le parole forti e mette con le spalle al muro  i molti avversari che  stanno segretamente brigando per far cadere il governo Conte.

Se si obbliga il governo a fare un passo indietro, dice in sostanza il vicepremier e leader del primo partito italiano,  se lo si costringe a colpi di spread a rimangiarsi la manovra finanziaria, il governo cadrà.

Fantapolitica? Tutt’altro. Il redde rationem arriverà molto presto, entro ottobre.

Entro la festa dei Santi e dei morti il combinato disposto della bocciatura di Bruxelles e del downgrade delle agenzie di rating provocherà l’esplosione dello spread e l’implosione del governo Conte, che verrà verosimilmente commissariato dall’Europa, sul modello Grecia.

A quel punto Cinquestelle e Lega chiederanno a gran voce elezioni anticipate, ma l’emergenza economica e lo sconquasso creato sui mercati e aggravato dalla destabilizzazione e dal vuoto di governo sconsiglierà di sciogliere le Camere a un verosimilmente riluttante presidente della Repubblica.

E allora? E allora, come in tutte le italiche emergenze passate, dal terrorismo al colpo di mano Napolitano-Monti col governo dei tecnici votato da Pd e Forza Italia, si ricorrerà al consolidato richiamo della foresta del governo d’emergenza liberandosi con un sospiro di sollievo di Conte, Di Maio, Salvini e company e affidando l’incarico a un nuovo Monti (il redivivo Cottarelli?), chiamato a raccogliere tutti quelli che stanno oggi all’opposizione, da Forza Italia al Pd. Per un governo di salvezza  pubblica che provi a far breccia anche in spezzoni della Lega e dei Cinquestelle.

Scenario complesso, certo. Manovra spericolata, certo. Ma, come si sa, il Potere è un ottimo collante. E, come diceva Andreotti, logora chi non c’è l’ha. E chi non si rassegna a perderlo.

Liberarsi dei temuti populisti pentaleghisti che minacciano gli equilibri consolidati dei poteri forti italiani ed europei sarebbe per gli incumbent un sollievo, a Roma come a Bruxelles, dove si vota a maggio e vi è una paura fottuta del successo dei sovranisti di Salvini, Orban e Lepen, (che metterebbero mano a una revisione di tutti i trattati europei) con relativo pensionamento dei Moscovici e dei Juncker.

E’ iniziata insomma una partita pesante e sanguinosa, che solo apparentemente si gioca sul Def italiano.

In realtà il vero tema è: chi comanda e comanderà in Italia e in Europa.

Una battaglia che si preannuncia senza esclusione di colpi che seguiremo con tanto di occhi. Per conto del popolo italiano, che ancora una volta rischia di essere gabbato.

Commenti
    Tags:
    defgovernospreadmatteo salviniluigi di maioue
    in evidenza
    Viaggi accessibili per il mondo In carrozzina da Torino a...

    L'idea dei giovani Danilo e Luca

    Viaggi accessibili per il mondo
    In carrozzina da Torino a...

    i più visti
    in vetrina
    Avvocatesse in toga posano per calendario benefico. Ma sui social è polemica

    Avvocatesse in toga posano per calendario benefico. Ma sui social è polemica

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Renault kadjar, il SUV dallo stile deciso

    Nuovo Renault kadjar, il SUV dallo stile deciso

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.