A- A+
Cose Nostre
Giorgetti, se non ora quando?
Foto LaPresse

Quando leggo e vedo le dichiarazioni del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, il leghista Giancarlo Giorgetti, non posso trattenermi dal rammentare un aneddoto-barzelletta che racconto da sempre ai miei collaboratori per  spronarli ad assumersi le loro responsabilità e ad essere consapevoli, attivi e assertivi.

La barzelletta racconta di un giovanissimo medico, appena laureato, che si imbatte per strada in un brutto incidente stradale e, al cospetto di un ferito grave e sanguinante, dimentico delle sue competenze, si porta le mani nei capelli e terrorizzato urla dando l’allarme: oddio, presto, presto, ci vuole urgentemente un dottore,chiamate un dottore...

Allo stesso modo il dottor Giorgetti, il commercialista varesotto, leghista di lungo corso, dimentico del suo ruolo e delle sue competenze di uomo di sperimentata esperienza nel potere e nel Palazzo, messo a Palazzo Chigi dal leader Matteo Salvini come uomo di fiducia a coprirgli le spalle durante i suoi giri elettorali, regista e uomo-macchina, in quanto vice operativo del premier indicato dai grillini Giuseppe Conte, glissa. E, anziché intervenire da uomo di raccordo, punto di sintesi governativa e amalgama della cultura ruspante dei lumbard con quella disruptive dei grillini all’interno delle difficile alchimie del patto di governo, vede l’alleanza pentaleghista agonizzante sotto i colpi e gli irrigidimenti del suo stesso partito e, novello Alice, come fosse lì di passaggio, dichiara a Porta a Porta: "Se il livello di litigiosità resta questo dopo il 26 maggio è evidente che non si potrebbe andare avanti”.

E chi le provoca quelle liti, se non la stessa Lega? E Giorgetti, dall’alto del suo scranno, non potrebbe spendersi per spegnere il fuoco per sedare incanalando i dossier verso una sana e proficua collaborazione? 

Se non lui, che sta dietro le quinte, messo a presidiare il centrocampo e non deve raccattare voti come Salvini, che si sbatte da una parte all’altra della penisola a colpi di selfie, chi altri? 

Così con questa sorta di De profundis freudiano, forse un wishful thinking, Giorgetti aggiunge conflittualitaà e fa sprofondare ulteriormente un’alleanza già molto provata, fiaccando ulteriormente la fiducia che gli italiani dovrebbero riporre nello stesso Giorgetti e nella squadra di cui fa parte, ossia il team governativo di Giuseppe Conte.

Si capisce che Giorgetti, uomo di potere, non ama i furori iconoclasti dei Cinquestelle. Forse si trova più a suo agio nell’usato sicuro dell’antica casa del Centrodestra a trazione arcoriana, a lui più omogenea?

Oppure no, non è vero. E allora ci aspettiamo che si prodighi perché l’alleanza gialloblù riprenda il suo vigore. Ne ha il ruolo, ne ha facoltà. Se non ora quando.

Commenti
    Tags:
    giorgettilegagoverno
    in evidenza
    Elisa Isoardi scatenata. VIDEO Il suo charleston è un successo

    Ballando con le stelle

    Elisa Isoardi scatenata. VIDEO
    Il suo charleston è un successo

    i più visti
    in vetrina
    GRANDE FRATELLO 2019, PRIMO FINALISTA! E Francesca De André... Gf 2019 news

    GRANDE FRATELLO 2019, PRIMO FINALISTA! E Francesca De André... Gf 2019 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford: il robot Digit per le consegne a domicilio

    Ford: il robot Digit per le consegne a domicilio


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.