A- A+
Cose Nostre
No, presidente Mattarella, Scalfaro proprio no

Ma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella per bacchettare Matteo Salvini proprio nel suo orrendo predecessore Oscar Luigi  Scalfaro doveva cercare sponda e fare carambola?

Ossia sul peggior presidente della Repubblica della storia, quello che viene ricordato perché prese per anni nell’esercizio delle sue alte funzioni uno stipendio inquietante dai servizi segreti. E perché appoggiò e sostenne la cacciata per via giudiziaria del premier legittimamente in carica Silvio Berlusconi, raggiunto da un avviso di garanzia di Francesco Saverio Borrelli notificato attraverso il Corriere della Sera di Paolo Mieli, per un’accusa poi rivelatasi inconsistente.

Un monstrum cui seguì, auspice Scalfaro, il tradimento di Umberto Bossi e il ribaltone del governo Dini, che avviò l’orrenda prassi dei governi dei tecnici nominati dal Colle in dispregio dei verdetti  elettorali.

Nulla di tutto questo è stato ovviamente ricordato dal presidente Mattarella nella rievocazione pomposa e ispirata dell’ingombrante inquilino del Colle, un presidente che da giovane aveva schiaffeggiato una donna per il suo décolleté troppo osé, si dichiarava goffamente devoto della Madonna, era rimasto vedovo in circostanze misteriose e ristrutturò il Quirinale affidando i  lavori all’architetto dei servizi segreti Salabè, che aveva l’unico pregio di essere l’amico della figlia Marianna, la first lady che supplì a fianco del padre, alla sua vedovanza.

Un mix, Scalfaro, di macchiettismo e doppiezza pseudomoralista.

No, presidente Mattarella, non sempre il tempo cancella la memoria, né l’oblio sfuma  e copre il passato. E i bilanci devono essere completi e veraci, altrimenti meglio non farli per evitare imbarazzanti omissis.

Siamo certi che nell’esercizio del suo mandato Ella non vorrà rifarsi  in nulla al suo predecessore Scalfaro. E ci auguriamo e le auguriamo che il ricordo dei suoi anni al Colle non necessiti del lavacro dell’oblio e dell’obliquo per rifulgere tra i posteri.
Io non ci sto.

Commenti
    Tags:
    sergio mattarellaoscar luigi scalfaro

    in evidenza
    "Dogman" candidato dell'Italia Garrone in corsa per l'Oscar 2019

    Spettacoli

    "Dogman" candidato dell'Italia
    Garrone in corsa per l'Oscar 2019

    i più visti
    in vetrina
    The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

    The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

    Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.