A- A+
Cose Nostre
Siri-Raggi, Di Maio vince il piatto scoprendo così il bluff di Salvini

Il governo non cade sul caso Siri. È andato molto vicino all’infarto ieri, più vicino che mai, quando la Lega si è vista detronizzare e sospendere su due piedi dal governo il suo sottosegretario alle Infrastrutture, vicinissimo a Salvini e uomo di punta sulla flat tax, implicato in un brutto caso di sospetta corruzione con intrecci paramafiosi e ha cercato di rispondere, in verità goffamente, inventandosi una polemica contro la Raggi piuttosto farlocca ma incendiaria.

Ma oggi Cinquestelle e Lega fanno intendere, attraverso le indiscrezioni e le dichiarazioni raccolte da Affaritaliani.it, che nessuno di loro ha intenzione di rompere il patto di governo. Pace.

La colomba pasquale si leva tra i rumorosi contendenti portando resipiscenza e moderazione (anche perché, come ha appreso Affaritaliani.it, tra i vertici Cinquestelle circola un sondaggio secondo cui l’81 per cento dei parlamentari sia grillini che leghisti non vogliono affatto che cada il governo).

A testimoniare il levarsi in volo della colomba della pace gli spifferi e le indiscrezioni raccolte nell’entourage di Luigi Di Maio, in base alle quali la durezza del leader dei Cinquestelle, che ha personalmente fornito elementi di accusa contro Siri alla Procura, sono da interpretare esclusivamente come volontà di tirare le orecchie al partner ex lumbard e affermare con forza l’onestà e la questione morale in politica. “Ma la rottura mai”.

Analogamente, sull’altro versante un pezzo da novanta della Lega, il capogruppo alla Camera Riccardo Molinari, ha ricambiato elevando il suo ramoscello d’ulivo: ”Che il governo vada avanti, non ci sono dubbi su questo”, ammonisce secco. Aggiungendo solo un po' di broncio: ”Però i 5 Stelle la smettano di inventarsi un caso al giorno e tornino a lavorare per portare avanti le cose che gli italiani si aspettano. Ieri c'è stata la sfida su Siri, poi ci hanno attaccato dicendo che non volevamo il Decreto Crescita per la norma dei marchi quando invece l'abbiamo fatta noi e loro ce l'hanno copiata, oggi c'è la storia della telefonata a Berlusconi (smentita tra l'altro proprio ad Affaritaliani.ti dallo stesso Giorgetti). Ogni giorno se ne inventano una. E' vero che siamo in campagna elettorale per le Europee, ma la smettano e si torni a governare bene come abbiamo fatto in questi mesi".

Niente diktat dunque, né muri. Governare bene come abbiamo fatto in questi mesi... Caso chiuso dunque anche in via Bellerio, con buona pace di Armando Siri, di fatto abbandonato al suo destino.

Si torna dunque alla normalità di un governo che nonostante tutto governa.

Con una non lieve novità politica, Di Maio ha abilmente giocato all’attacco e ha portato a casa il piatto, scoprendo il bluff dell’avversario. In questo modo ha recuperato il primato dei Cinquestelle mettendo in fuga la Lega e Salvini con la coda tra le gambe. Mentre le opposizioni, Forza Italia e Pd, continuano a rifornirsi di pop corn.

Commenti
    Tags:
    governo m5s lega
    in evidenza
    Addio alla star di Easy Rider Ma il padre lo voleva farmacista

    E' morto Peter Fonda

    Addio alla star di Easy Rider
    Ma il padre lo voleva farmacista

    i più visti
    in vetrina
    Lady Gaga e Bradley Cooper insieme in Italia: vacanze d’amore? LADY GAGA NEWS

    Lady Gaga e Bradley Cooper insieme in Italia: vacanze d’amore? LADY GAGA NEWS


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Debutta XCeed il crossover firmato Kia

    Debutta XCeed il crossover firmato Kia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.