A- A+
Dei delitti e delle pene
Intercettazioni telefoniche nei procedimenti penali. Privacy tutelata?

Nonostante il “dossier intercettazioni” sia fermo in Senato dall’autunno scorso, il Premier Renzi ha indicato l’attuale legislatura come termine per intervenire sull’argomento.
Il dibattito sulle intercettazioni è divenuto di attualità a seguito della pubblicazione delle conversazioni tra l’ex ministro Guidi ed il suo compagno, ritenute penalmente irrilevanti e, come tali, lesive della privacy, garantita dall’articolo 15 della nostra Costituzione.
Sembrerebbe, pertanto, che l’unico problema sia rappresentato dalla pubblicazione di conversazioni private. In realtà, altre problematiche sorgono sul tema.
Un contributo al dibattito arriva dalla rimessione alle Sezioni Unite della Cassazione di una questione relativa alle intercettazioni ambientali.
L’intercettazione è una captazione segreta, con strumenti tecnologici, delle comunicazioni tra due o più soggetti. Il codice di procedura penale prevede sia intercettazioni tra soggetti che comunicano a distanza (telefonica/telematica), sia intercettazioni di soggetti presenti in un dato luogo, in prossimità della  microspia installata (intercettazioni ambientali). Queste ultime sono consentite in luoghi di privata dimora solo se vi è fondato motivo di ritenere che in quel luogo si stia compiendo un’attività criminosa, attività che deve essere motivata dal Pubblico Ministero nella sua richiesta di autorizzazione al Giudice per le Indagini Preliminari.  
La fattispecie rimessa all’attenzione della Cassazione, verte su un caso di intercettazione ambientale mediante l’installazione, su un dispositivo elettronico (tablet o smartphone), di un software informatico cd. Trojan Horse che, introdotto subdolamente nel sistema, attiva in remoto i microfoni per captare le conversazioni.  Chiaro è il riferimento al cavallo di Troia della mitologia greca.
L’anomalia giuridica si è verificata nel momento in cui il Giudice che ha autorizzato l’intercettazione, ha omesso di indicare i motivi richiesti dall’ art. 266 , 2° co. c.p.p, ovvero che “in quel luogo si stesse svolgendo un’attività criminosa”, che avrebbero consentito la violazione del domicilio e delle comunicazioni. Proprio la “mobilità” dell’apparecchio captato avrebbe dovuto indurre il Giudice ad indicare se nei luoghi di captazione fossero o meno presenti attività criminose, cosa non avvenuta.
È di tutta evidenza come il sistema di captazione mediante “trojan horse” determini  la compressione di diritti costituzionalmente garantiti: la segretezza delle comunicazioni, l’inviolabilità del domicilio, della vita privata e familiare, previsti dagli articoli 15 e 42 della Costituzione e dall’articolo 8 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo.
In conclusione, non si vuol affatto sminuire l’importanza che le intercettazioni hanno come strumento di ricerca della prova nelle indagini penali e come le stesse rappresentino il vero cavallo di battaglia della Magistratura nella lotta alla criminalità. Ma al di là del buon senso nell’utilizzo di tale strumento, sarebbe opportuno che il Legislatore intervenisse normativamente sulla questione senza indugi, bilanciando l’esigenza di tutela della privacy con l’esigenza di tutela della collettività. Appare, infatti, alquanto singolare che il  Governo concentri il proprio intervento sulla secretazione delle comunicazioni penalmente irrilevanti e non presti la dovuta attenzione alla regolamentazione di metodiche captative avanzate, sacrificando così la tanto decantata privacy agli interessi del momento.


Avvocato Luigi Giuliano Martino, penalista del Foro di Milano
 

 

Commenti

    Tags:
    processiintercettazioni

    in vetrina
    Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

    Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

    i più visti
    in evidenza
    Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Tria e Di Maio visti dall'artista

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

    Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.