A- A+
Eppur si muove
L’Italia (falsa) della Tv

Di esempi, in Tv, se ne potrebbero fare molti, ma ne bastano pochi. Anzi, uno solo. Contesto: Mattino 5, Canale 5 (Mediaset), programma condotto da Federica Panicucci e Francesco Vecchi. Lunedì 3 aprile. Titolo del servizio: «Il taglio dei vitalizi? Anche no!». Tra gli ospiti Danino Toninelli (M5s) e Simona Malpezzi (Pd). Che fanno a gara a chi, tra i due, assomigli di più a un cittadino normale – senza le corna del politico, senza le stimmate del parlamentare. E insomma, parte la requisitoria contro il Privilegio (con la P maiuscola). Quello che sul blog di Beppe Grillo (che non è di Beppe Grillo) è definito uno «scandalo mondiale». E Toninelli e Malpezzi, intervallati da Vecchi, incrociano le spade.

Lui, grillino dalla faccia pulita, se la prende col Pd che non vorrebbe abolire il Privilegio; lei, che non è da meno, ma fatica a controbattere, rimprovera al M5S di volere togliere di mezzo solo i Privilegi futuri (dopo il 15 settembre 2017) e non quelli precedenti – come proposto dal Pd. Solita storia. E Toninelli, appunto, ne esce meglio. Morale: quelli della XXVII legilsatura non meritano niente. Ad un tratto, mentre si rincorrono i servizi a giustificare l’indignazione collettiva, spunta un riquadrino. E Mattino 5 fa bingo: «Vitalizi ai parlamentari e pensionati alla fame»Capito, sì? «Vitalizi ai parlamentari e pensionati alla fame». Ma è tutto falso.

(A) Perché l’immagine stereotipica degli anziani prostrati dai 300 euro al mese, stremati dalla fame e in attesa di un ombrello dalle intemperie della crisi (ormai un luogo comune) è, appunto, solo un' immagine. Lo dice, tra gli altri, il Censis nel 50° Rapporto sulla situazione sociale del Paese/2016: «Il descritto quadro di buona disponibilità economica dei longevi, in generale ridimensiona le letture pauperistiche e che troppo spesso associano la vecchiaia alla povertà e alla marginalità». In numeri: la ricchezza netta delle famiglie anziane è cresciuta, tra 1991 e 2012, del 117,8%. Più del doppio, cioè, di quella del totale delle famiglie italiane (+56,8%). O ancora: nel 1991 gli anziani detenevano il 19,3% della nazionale totale, oggi il 34%.

(B) Perché i vitalizi non esistono più, dal 2012: e se l’attuale legislatura proseguisse oltre il 15 settembre 2017, deputati e senatori (quelli nuovi) maturerebbero una pensione, calcolata con metodo contributivo, che potranno riscuotere una volta compiuti 65 anni (60 in caso di rielezione). Pensione con un ammontare totale inferiore rispetto a prima del 2007, e a prima del 2012, e – senza dubbio, nel complesso – ai primi anni ’90. Anni in cui, a vario titolo e su vari aspetti, si è sforbiciato sulle rendite (e giustamente, e non di poco). Quanto prenderebbero col sistema in vigore? Tra i 900 e i 1500 euro al mese, a seconda dei mandati svolti. Scrive Lavoce.info: «Rivedere marginalmente le regole equiparandole del tutto a quelle vigenti per i lavoratori ordinari non comporterebbe risparmi significativi e sarebbe una conquista meramente simbolica» (per appronfodire: qui e qui).

Tutto questo non ha importanza, però. Il punto non è informare, ma cavalcare l’onda. Infatti, come insegna l’epopea letteraria de La Casta (il libro dei giornalisti Rizzo e Stella che a maggio compirà 10 anni), è sempre, e soprattutto, una questione di titolo. Perché vuoi mettere l’effetto ammazza-share di un servizio con su scritto «pensioni calcolate con metodo contributivo ai parlamentari, e pensionati, in qualche caso, alla fame. Anche se i numeri dicono che in generale sono più ricchi, nonostante la crisi, nonostante tutto»? Improponibile. Roba da far chiudere baracca e burattini. E allora meglio la Pensione d’oro, il Vitalizio mascherato, il Privilegio: tutti nomi che, negli ultimi due mesi, sono serviti a scansare i maestrini che ricordavano l’abolizione di fatto del vitalizio. Così passa il seguente messaggio: è cambiata la forma, non certo la sostanza.  

I vitalizi non muoiono mai. E la parola rimane lì: «Il taglio dei vitalizi? Anche no!». La televisione crea ed amplifica le condizioni perché il sospetto diventi certezza. E non servono numeri per sostenere quello che il Paese reale crede ed urla: il vitalizio c’è, e magari, addirittura, è più alto di prima. Di questa tendenza ha parlato di recente Angelo Panebianco sul Corriere della Sera, captando nell'aria una «resa culturale» ai 5StelleE chi se ne accorge, e lo sottolinea, naturalmente, fa parte della Casta. O no?

Commenti

    Tags:
    movimento 5 stellemattino cinquepdvitalizivitalizi m5s
    in vetrina
    Juventus, Cristiano Ronaldo clamoroso: fuori dal podio del Pallone d'Oro 2018

    Juventus, Cristiano Ronaldo clamoroso: fuori dal podio del Pallone d'Oro 2018

    i più visti
    in evidenza
    Pif, ecco il suo primo romanzo "...che Dio perdona a tutti"

    Novità editoriali

    Pif, ecco il suo primo romanzo
    "...che Dio perdona a tutti"

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen Berlingo vent'anni di successi

    Citroen Berlingo vent'anni di successi

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.