A- A+
Il futuro in pillole
Ragni, dalla fobia all'aracnodesign

Che piacciano o meno, i ragni sono tra gli esseri più interessanti del pianeta.

Per chi, come tanti negli anni 90, è stato traumatizzato dagli svariati film a tema aracno-horror (Arac Attac, Spiders, Aracnofobia, etc..) e, dopo averli spenti nel giro di 5 minuti, ha continuato i successivi anni di vita girandosi ed urlando alla vista di qualche zampetta di troppo, farò un recap.

Gli aracnidi non sono insetti.

Oltre ad avere differenti caratteristiche fisiche differenti dagli insetti (per esempio i ragni sono divisi in solo due parti: l’addome ed il cefalotorace), si contraddistinguono per il fatto di essere carnivori (sì, ogni singola specie), predatori (prevalentemente notturni), numerologi fissati con il numero 8 (eh sì, le otto zampe e gli  otto occhi sono un dato di fatto) ed in generale, organismi estremamente complessi.

Basti pensare che i ragni sono gli unici esserini sotto una certa dimensione in grado di avere dei tratti caratteriali che differiscano di molto da individuo a individuo.

Per esempio possono essere più o meno aggressivi nei confronti dell’uomo (anche in maniera immotivata), decidere se vivere da soli o in colonie e che behaviour adottare socialmente verso i figli ed i partner (per l’appunto,spero che l’animale guida della vostra compagna non sia una vedova nera).

I ragni sono estremamente complessi anche nelle proprie modalità di sopravvivenza.

Sono predatori astuti e silenziosi, ed a questo scopo hanno riadattato il proprio organismo.

La produzione delle ragnatele è un esempio calzante per la loro attitudine predatoria.

Tutti sanno che i ragni tessono le ragnatele per catturare le proprie prede, ma questo non è l’unico motivo.

Il motivo principale, oltre al catturare le prede, è un deficit anatomico.

Gli aracnidi infatti non hanno un vero e proprio apparato digerente, o, per meglio dire, non hanno la possibilità di ingerire cibi solidi, ma solo liquidi.

Dunque la digestione deve avvenire al di fuori del proprio corpo, e che cosa potrebbe esserci di meglio che avere il proprio microonde personale?

Il ragno usa la tela per avvolgere le prede, e come “bozzolo digestivo”, dunque è davvero come impostare i parametri di cottura: la quantità perfetta di veleno per stordire la preda, il giusto quantitativo di succhi gastrici, e via, dopo quindici minuti è pronto in tela!

Ciò che spesso si trascura , è che lo scopo della seta di ragno è anche quello di proteggersi (alcune specie di aracnidi si creano dei veri e propri “rifugi”), di muoversi (sì,sì, come spiderman) ed infine, di riprodursi.

Considerazioni anatomiche a parte, ciò di cui vorrei parlarvi oggi è piuttosto una curiosità sulle modalità di studio dei simpatici non-insetti.

estrazione ragno 3
 


Vi siete mai chiesti come vengono analizzate (ed “estratte”) le ragnatele dei ragni?

Beh,prima di oggi nemmeno io, ad ogni modo il vostro simpatico uomo-(non)-ragno di quartiere è qui per questo!

 

estrazione ragno 4
 


I ragni vengono prima sedati con dosi controllate di diossido di carbonio, poi sono mantenuti fermi sul posto con degli spilli (ecco, questo potrebbe già piacergli decisamente meno dell’essere drogati).

 

estrazione ragno 1
 

Infine si utilizza un apposito arnese non meglio identificabile (diciamo che in soldoni va bene qualsiasi cosa, non esiste un ragno-estrattore) per prendere il filo di seta prodotto dalla sfortunata cavia ed estrarlo dall’addome.

Il filo viene in conclusione teso ed arrotolato su un cilindro semovibile che sarà responsabile del suo avvolgimento.


Questi esperimenti vengono fatti principalmente per capire qual’è la tensione a cui può essere sottoposta una ragnatela ( o un singolo filo), quanto peso può sopportare e per che distanza si può estendere.

golden weaver
 

Se vi chiedete chi o cosa sia la bestia presente nelle foto soprastanti, beh, è un “Golden orb Weaver”, ovvero un “Ragno tessitore della tela dorata”, ed è rinomato per essere in grado di produrre ben sei tipologie di seta.

Ma se pensate che nessuno abbia pensato di usare il metodo descritto per i suoi comodi, vi sbagliate!
 

estrazione ragno 5
 

Pensate che la seta di questo ragno è così tanto famosa nel mondo degli aracnofili che il designer tessile Simon Peers ed il suo investitore di fiducia, Nicholas Godley, nel 2004, hanno pensato bene di usare la seta prodotta da 1.2 milioni di simpatici amichetti per produrre uno scialle.

L’esperimento ha avuto così tanto successo che nel 2012, i due, hanno esibito al Victoria and Albert Museum di Londra una mantellina creata nella stessa maniera.



Se il vostro sesto senso da animalisti già sta urlando vendetta, non preoccupatevi, nessun ragno è stato maltrattato; piuttosto hanno vissuto il tutto come un qualcosa di fastidioso quanto un prelievo del sangue di soli 30 minuti, prima di essere rilasciati nuovamente nel loro habitat.

Se non siete già abbastanza stupiti ecco l’ultima chicca della giornata: La tela dei golden web weavers è studiata anche dal Medizinische Hochschule Hannover, che indaga sulla sua biocompatibilità e sul suo possibile utilizzo come materiale per la ricrescita di nervi periferici.

Che dite, vedremo mai nell'arco della nostra vita chirurghi operare con fili di seta, vestiti di stilosissimi camici in seta di ragno?

Commenti

    Tags:
    estrazionesetaragniaracnidiaracnodesignmodadesignassurdoscienzaesperimentiblog

    in vetrina
    Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

    Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

    i più visti
    in evidenza
    Carlotta Maggiorana è Miss Italia Dal film con Brad Pitt alla corona

    Spettacoli

    Carlotta Maggiorana è Miss Italia
    Dal film con Brad Pitt alla corona

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

    Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.