A- A+
Imprese e Professioni
Milano, Fabbrica del Vapore. Il Fuorisalone allo Spazio V&A Vento e Associati

THE STEAM ROOM 
Il Fuorisalone allo Spazio V&A della Fabbrica del Vapore (aprile 2019)

Mostra Antologica di Greg Rook

Honyocker

3 aprile ore 18.30/22 Vernissage con Musica di sottofondo Jazz/Blues Contemporanea

4 aprile – 5 maggio  Ore 09:30 – 19. La mostra è stata allestita con il sostegno di Fondazione Cariplo.

Innovation Design Implementation 2019 La Poesia del Design

9 aprile-14 aprile 09:30 – 22

Quale Europa? Quali Trattati? Verso le elezioni europee Conferenza organizzata da Milano Vapore, Vento&Associati e Comitato mi’impegno

11 aprile 2019 ore 20:30

Musica diffusa e piccola performance dei Trifase Band Gruppo Jazz/blues contemporaneo dello storico locale Le Scimmie

11 aprile ore 22

Fashion Art -“Models and Paintings show"- Unione tra nuove idee nel campo della moda, con opere dai colori vivi e freschi dei migliori artisti emergenti del panorama contemporaneo nazionale ed internazionale, legati dal progetto di una sfilata con quadri nuovi e diversi.

      12 aprile dalle 18 alle 20

Workshop "SlowDesign” verranno esplorate le filosofie della lavorazione del metallo fine e le tecniche coinvolte, questi mini workshop si terranno durante i periodi di esposizione.

     13 aprile dalle 18.0 alle 20

Leonardo da Vinci: arti, mestieri, mecenati, professioni e l’amore per Milano.

Conferenza organizzata dalle associazioni Milano Vapore Arena Media Star di Pavia. L’iniziativa ha avuto i Patrocini del Consiglio di Municipio 1 di Milano e dell’Università degli Studi di Milano-Dipartimento Studi Storici.

     15 aprile, Sala “CAM Garibaldi” in Corso Garibaldi 27, ore 20.

Spazio V&A – Fabbrica del Vapore - Via Procaccini, 4 Milano

–––––––––––––––––––––––––––––––––

Dal 4 aprile al 5 maggio 2019 presso lo spazio V&A (Lotto 11) di Fabbrica del Vapore, Vento&Associati e Milano Vapore presentano con il sostegno di Fondazione Cariplo, per la prima volta in Italia, la mostra Honyocker dedicata all’artista britannico Greg Rook, mettendo di nuovo l’Inghilterra sotto la lente d’ingrandimento, nella sua missione di ricerca e apertura rivolta alle arti visive dei cinque continenti. La Mostra segue una serie di esposizioni dedicate ad artisti internazionali quali Axis London–Milano (2017) di Alan Rankle, Emblemes du Pouvoir (2018) di Mourtala Diop, Alphatype (2019) di Lorenzo Marini, Amami (2019) di Bios Vincent.

Il corpus dei lavori che Rook presenta in Honyocker – la prima indagine completa dedicata al suo lavoro – diventa l'occasione per confrontarsi con le problematiche e le complessità che accompagnano il desiderio di un "ritorno alla terra". Il titolo della mostra si deve alla parola Honyocker che – come scrive Michele Robecchi nell'introduzione al catalogo della mostra coprodotto da V&A e Anomie – «È un termine gergale peggiorativo ed insultante comunemente usato in America nel diciannovesimo e all'inizio del ventesimo secolo per riferirsi a coloni e nuovi arrivati che lottavano e riuscivano a lavorare correttamente la terra». Nei suoi lavori sono sempre presenti le idee relative a temi dell'emigrazione, dell'esodo, a come le persone trasformano le proprie vite o ne creano di completamente nuove. E, in particolare, a come le persone attraverso il tempo, lo spazio, le culture, le ideologie hanno esplorato, e continuano ad esplorare, modi alternativi di vivere.

«La ragione che mi ha spinto a produrre la Mostra “Honyocker” […] non poteva essere nota nemmeno all’artista Greg Rook. Si tratta della passione alimentata negli anni ’70 ed ’80 per un corpo letterario e cinematografico statunitense […]: stiamo parlando della weird fiction americana, iniziata in particolare da H.P. Lovecraft negli anni ’20. Le lenti fornite da Lovecraft hanno permesso immediatamente di intravedere nei quadri di Rook, solo apparentemente benevoli e pacifici, un malessere ed un tormento assai intensi, che ricordavano facilmente proprio il cosmicismo del Solitario di Providence» dichiara Andrea Vento, Amministratore Unico V&A.

Dall’9 al 14 aprile 2019 Innovation Design Implementation 2019 presso lo Spazio V&A (Lotto 11) di Fabbrica del Vapore, Vento&Associati e Milano Vapore presentano le installazioni curate da Alberto Fraser, designer britannico membro di A.D.I e dello IED, nonché dell’Industrial Design Society degli Stati Uniti e responsabile di numerosi workshop presso il Politecnico Design legati alla sulla progettazione e la lavorazione dei metalli. L'arte della lavorazione di metalli non ferrosi e le drammatiche finiture superficiali sono il concetto centrale di questa esibizione di designer e artisti.

"L'arte del design lento nella creazione della lavorazione del metallo fine". Tecniche e materiali: Bronzo, argento, rame e titanio in entrambi i materiali in fogli e getti. Le offerte presentate spaziano da grandi pezzi di arredamento interno, a piccoli oggetti come cucchiai e set da tavola, sculture luminose, gioielli finemente lavorati e progettati.

Luisa Fontalba, designer spagnola di gioielli e scultrice che lavora a Milano e Malaga, la sua opera in metallo si esprime sia nei getti in bronzo che in argento e nel design di gioielli. La sua arte è sempre piena di luci e colori e viene esposta in vari importanti musei.

La Bottega Artigiana Walter Pontiggia La Bottega Artigiana Pontiggia viene fondata nel 1964 da Armindo e rinnovata nel 1989 con l'inizio della gestione di Walter. L'attività cresce specializzandosi nella lavorazione dei metalli, continuando una tradizione locale di tecniche come il ferro battuto e la chiodatura a mano, e seguendo un percorso di innovazione continua: durante i suoi più di 50 anni di storia il laboratorio della Bottega progetta e realizza oggetti unici e personalizzati per soddisfare qualsiasi richiesta. Grazie all'esperienza e alla continua ricerca, Walter offre in ogni opera esclusività, inventiva e qualità.

QUALE EUROPA?

vapore

Durate l’esposizione verrà organizzata l’11 aprile alle ore 20.30 la Conferenza Quale Europa? Quali Trattati? Verso le elezioni Europee prevede numerosi interventi. Introdurrà Giampaolo Giorgio Berni Ferretti, Presidente dell’Associazione culturale Milano Vapore.

I relatori saranno Antonio Padoa Schioppa (Professore emerito di Storia del diritto italiano), Bruno Nascimbene (Professore ordinario di diritto dell‘Unione Europea), Achille Colombo Clerici (Presidente Assoedilizia). Modererà Carmelo Ferraro, Portavoce del Comitato MI’MPEGNO e Presidente del Comitato scientifico di MILANO VAPORE (www.milanovapore.org).

“A più di 27 anni dal 7 febbraio 1992, data della firma del Trattato di Maastricht (Trattato sull'Unione europea), tra i 12 paesi della CEE, ci interrogheremo se vadano rivisti i Trattati costitutivi o le regole politiche e i parametri economici e sociali necessari per l'ingresso dei vari Stati aderenti, oppure se vadano bene così” continua Berni Ferretti “Un’importante occasione poco prima delle elezioni del Parlamento Europeo, per riflettere, capire e forse anche per tornare a volere un’Europa Diversa”.

“L’Europa di oggi ha poco più di 60 anni: può la sua architettura attuale superare le crisi degli ultimi anni e le prossime? L’Unione Europea è cresciuta in estensione e intensità e con l’allargamento dei suoi confini e l’accrescimento dei suoi poteri sono cambiati i meccanismi europei di governo, quelli di regolazione del mercato e dei movimenti delle persone. L’evento di oggi - continua Carmelo Ferraro - ci permetterà di ripercorrere la storia dell’Europa e ritrovare le sue radici per cercare di capire quali saranno i passi futuri da compiere per rafforzare le regole esistenti, trovare risposte innovative e fronteggiare le crisi”.

Fashion Art -“Models and Paintings show

Durate l’esposizione verrà organizzato il 12 aprile alle ore 18 verrà organizzato il Fashion Art -“Models and Paintings show"- con l'obiettivo di unire musica, arte e fashion in un solo format. La finalità è quella di promuovere l'arte e gli artisti emergenti che partecipano a quest'iniziativa, ma anche lanciare e sostenere nuovi brand del settore moda e giovani stilisti. Ecco quindi il legame tra nuove idee nel campo della moda, con opere dai colori vivi e freschi dei migliori artisti emergenti del panorama contemporaneo nazionale ed internazionale, legati dal progetto di una sfilata con quadri nuovi e diversi.

Il tutto potrebbe anche essere visto come un Talent in stile programma tv in cui, alla fine degli eventi potrebbe essere premiato il lavoro di uno stilista in combinazione con le opere artistiche di un pittore. Per quanto poi riguarda il laboratorio artistico realizzato da artisti emergenti, sempre nell'ottica di divulgare l'arte e promuovere i giovani artisti, si potrebbe pensare di realizzare shooting fotografici con le opere man mano realizzate in loco vicino a delle modelle.

Durate l’esposizione verrà organizzato, il 13 aprile alle ore 18:00, il workshop "SlowDesign" curato da Alberto Fraiser, durante il quale verranno esplorate le filosofie della lavorazione del metallo fine e le tecniche coinvolte, questi mini workshop si terranno durante i periodi di esposizione.

Infine per terminare questa 11 giorni sull’Europa, l’ incontro tra esperienze diverse ed i modi diversi di vivere, in occasione del 500° Anniversario della morte diLeonardo da Vinci, l’associazione culturale Arena Media Star di Pavia organizza, in collaborazione con associazione Milano Vapore di Milano, una  tavola rotonda dedicata al Genio fiorentino, intitolata “Leonardo da Vinci: arti, mestieri, mecenati, professioni e l’amore per Milano” con la presenza di personalità della cultura, dell’accademia e delle professioni. Si terrà lunedì 15 aprile 2019 dalle ore 20.00 nella Sala “CAM Garibaldi” in Corso Garibaldi 27, concessa per l’evento dal Comune di Milano Municipio 1 con i Patrocini del Consiglio di Municipio 1 di Milano e dell’Università degli Studi di Milano-Dipartimento Studi Storici. Modererà l’incontro Giampaolo Giorgio Berni Ferretti Presidente dell’associazione Milano Vapore e saranno presenti come relatori Katia Melzi D’Eril, docente di Comunicazione d’impresa all’Università di Pavia, il Presidente del Municipio 1, Fabio Arrigoni, il Consigliere del-Municipio 1 Antonio Testori, la professoressa Beatrice del Bo, docente di Studi Storici dell’Università Statale di Milano, medioevalista internazionale, il Edoardo Rossetti, ricercatore all’ Università Cattolica di Milano, la Rosanna Chifari Negri, specialista in neurologia.

Gli attori provengono da diverse discipline professionali, alcuni non sono legati o provengono delle discipline di belle arti e dei mestieri, Industrial Design o architettura o dalle professioni. In termini di audience development e audience engagement, la legacy di The Steam Room è quella di raccontare i continenti e le aree di attività  con il fine di fidelizzare il pubblico di un luogo a forte imprinting culturale, quale Fabbrica del Vapore, diversificandone e ibridandone i target di riferimento.

Per unificare il divario culturale, il programma Steam Room del Fuorisalone allo Spazio V&A, grazie alla produzione di Vento & Associati e Milano Vapore propone un mix di attività ed arti (pittura, Design, Scultura, maestria artigianale e professionale) che rappresenti uno o due tra i più importanti ed innovativi esponenti del settore, mentre l’internazionalità del progetto sarà resa tangibile grazie all’interventi di artisti provenienti da vari continenti ed identità; questa opzione renderà possibile un momento di scambio culturale tra artisti, un’ampia visibilità a un pubblico internazionale, e possibilità di tenere workshop, anche virtuali che coinvolgano il pubblico milanese.

La multidisciplinarità e la modalità di fruizione interattiva sono due delle caratteristiche fondamentali di Steam Room. “La poesia nel design”. Dal questo punto di vista Il design dovrebbe essere: Essenziale, pulito, originale, utile e parsimonioso nell'uso di materiali, processi e l'energia per produrre il prodotto. I progettisti Designer dovrebbero essere appassionati nel loro impegno per la costante ricerca della eccellenza in tutte le tecniche legati alla realizzazione di un progetto, i processi e il pensiero concettuale e l'uso delle nuove tecnologie. Insomma l’artigiano della Steam Room è un pò mago ed un po’ inventore. Uno che si sporca le mani.

Commenti
    Tags:
    fabbrica del vaporefuorisalone 2019spazio v&avento e associatimilano vaporeberni ferrettiandrea vento
    Loading...
    in evidenza
    Marcuzzi, un mare di 'nostalgia' Senza reggiseno. E lato B..

    TAYLOR MEGA, SHARM BOLLENTE

    Marcuzzi, un mare di 'nostalgia'
    Senza reggiseno. E lato B..

    i più visti
    in vetrina
    Milan, Piatek e... l'obiettivo 70 milioni di euro

    Milan, Piatek e... l'obiettivo 70 milioni di euro


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford svela la nuova Mustang Mach-E da 465 CV

    Ford svela la nuova Mustang Mach-E da 465 CV


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.