A- A+
Imprese e Professioni
“Roberto Bolle and Friends”, la danza si accende davvero

di Chiara Pedretti.

 Nell’ambito della manifestazione On Dance – Accendiamo La Danza, fortemente voluta da Roberto Bolle, Milano vede protagonista l’étoile nostrana al Teatro degli Arcimboldi per un galà di altissimo livello con colleghi di fama internazionale.
 

MILANO PALCOSCENICO PERFETTO

L’aveva già detto durante la conferenza stampa di presentazione di On Dance – Accendiamo La Danza: “Ho sognato una grande festa di tutte le danze. Milano è il palcoscenico perfetto”. Così Roberto Bolle, étoile di fama mondiale, aveva sintetizzato il suo progetto per una settimana di eventi, spettacoli, lezioni dedicate alla sua arte. Nei teatri, fuori dai teatri, la danza cerca di diventare così più viva, più umana e soprattutto più vicina a tutti, non solo agli appassionati ed ai professionisti del settore; già con le sue trasmissioni televisive in RAI il Roberto nazionale aveva portato la danza accademica nelle case degli italiani, ora si impegna a portarla dal vivo nella sua città di adozione, Milano, che l’ha consacrato nell’Olimpo della danza internazionale.

IL TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI

Tra i molti appuntamenti, attesissimo il suo Galà, in scena per cinque repliche al Teatro degli Arcimboldi: Bolle, affiancato da altri nove danzatori arrivati da mezzo mondo, presenta un programma vario nello stile e di altissimo livello. Apre la serata Thais di Roland Petit, danzato da Bolle e da una delle sue partners abituali, Maria Eichwald, kazaka in forze allo Stuttgart Ballet: un passo a due neoclassico di straordinaria dolcezza, dove le doti di danzatrice romantica della Eichwald spiccano in modo incredibile. Segue un classico, il Pas de Trois da Le Corsaire di Marius Petipa che dal 1856 è un banco di prova per il virtuosismo di un danzatore: Misa Kuranaga, giapponesina dal Royal Ballet di Londra, Timofej Andrijashenko, lettone da Teatro alla Scala, e soprattutto Angelo Greco, italianissimo dal San Francisco Ballet, non deludono le attese: precisissima la Kuranaga, splendido Greco nella parte dello Schiavo che fu dei più grandi, da Nureyev a Baryshnikov: giovanissimo sardo, diplomato alla Scala nel 2014, ma la Scala l’ha lasciato andare via: peccato, un vero mostro di bravura, precisione ed elevazione.

Dal classico al contemporaneo: Prototype Reloaded di Massimilano Volpini: un assolo per Bolle che dice poco, troppa tecnologia tra proiezioni e luci ma ben poca coreografia. Due stelle dal Royal Ballet per il Pas de Deux del III Atto de Il Lago Dei Cigni di Lev Ivanov (1895), detto anche Del Cigno Nero: Marianela Nuñez, argentina, e Vadim Muntagirov, russo. Una prova di tecnica, con i famosi trentadue fouettés da eseguire da parte della danzatrice: splendida lei, già partner di Bolle in numerose occasioni, tecnico ma poco coinvolgente lui. Prima dell’intervallo, uno splendido passo a due di Mauro Bigonzetti, Caravaggio, con Bolle e Nicoletta Manni dal Teatro alla Scala: molto tecnico, belle linee entrambi, ovviamente la perfezione da parte del protagonista ma, come sempre, una certa freddezza emotiva. Apre il la seconda parte del Galà il passo a due da Proust di Roland Petit, un duetto tutto al maschile per Roberto Bolle e Timofej Andrijashenko: entrambi super tecnici, e la tecnica è l’unica cosa che si vede. Forte e dinamico il passo a due da Le Fiamme di Parigi di Vasilij Vainonen dove spicca ancora Angelo Greco in coppia con la cubana Adiarys Almeida, danzatrice nella media, assolutamente surclassata dal talento dell’italiano.

A seguire, a nostro giudizio, il pezzo migliore della serata: Mono Lisa di Itzik Galili, un passo a due interpretato da Bolle con Maria Eichwald. Tecnicamente difficilissimo, con moltissime prese, un ritmo veloce e dinamico: una vera perla coreografica come non se ne vedevano da tempo, affrontabile solo da danzatori di livello extraterrestre come loro due. Il programma prosegue con un altro classico, il Pas de Deux del III Atto di Don Chisciotte di Marius Petipa, dove anche qui una serie infinita di pirouettées, chainés e fouettés vedono Misa Kuranaga impressionante per velocità di esecuzione, accompagnata da Bakhtiyar Adamzhan, altro kazako, dall’Opera di Astana.

Chiude un assolo di Bolle, Two di Russell Maliphant, già interpretato dalla sua musa Sylvie Guillem: coreografo di grande talento qui però chiuso in un gioco molto statico di busto e braccia che non esalta certo le qualità dell’étoile italiana.

Nel complesso una parata di stelle attorno a Roberto Bolle, applaudito ed osannato come una star di Hollywood, che come sempre non commette nemmeno la più piccola imperfezione ma lascia poco di sé a livello emozionale. Pubblico in deliro, specialmente quello femminile: sicuramente per la sua bravura. Da non perdere.

Teatro Degli Arcimboldi
Viale dell’Innovazione 20, Milano
Dal 13 al 16 Giugno, ore 20.30;
17 Giugno ore 15.00

www.teatroarcimboldi.it

Chiara Pedretti

Commenti
    Tags:
    roberto bolle. roberto bolle and friendsdanzaarcimboldi

    in evidenza
    "Mio figlio si è tolto la vita Vorrei il GF Vip come terapia"

    LORY DEL SANTO CHOC

    "Mio figlio si è tolto la vita
    Vorrei il GF Vip come terapia"

    i più visti
    in vetrina
    Fabrizio Corona e Zoe Cristofoli addio: non fu colpa di Belen. Il gossip

    Fabrizio Corona e Zoe Cristofoli addio: non fu colpa di Belen. Il gossip

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

    Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.