A- A+
Lo sguardo libero
Decreto Dignità, così il Governo manifesta la propria incoscienza illiberale
Foto LaPresse

 Il Decreto Legge emanato  dal Governo (“Disposizioni urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese”), presentato alla stampa dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dal ministro dello Sviluppo economico nonché vice-premier e leader del M5S Luigi Di Maio, quanto rappresenta l’aspetto liberale di questo Governo? Ossia… ciò se è vero che a determinare la dignità dei cittadini sia la loro libertà e che essa a sua volta è indotta dalla ricchezza dell’economia, resa possibile anche dalla libertà e dal rischio imprenditoriale.

Le norme più stringenti sul lavoro contenute nel cosiddetto Decreto Dignità sembrano illiberali. Per chi scrive, fatta salva l’ovvia onorabilità del lavoro e dei lavoratori,  dal cittadino qualunque al Presidente della Repubblica i contratti a tempo indeterminato andrebbero quasi (per assurdo) aboliti: limitano l’ iniziativa e il merito sia del singolo che dell’impresa e alla fine – oggi - riducono di fatto le assunzioni da parte delle aziende (tutte le principali organizzazioni del mondo economico-imprenditoriale, a partire da Confindustria, parlano sostanzialmente di un passo indietro). Illiberale pare anche il divieto della pubblicità del gioco d’azzardo per contrastare la ludopatia: gli individui sono responsabili delle proprie azioni. Più liberali le norme sulla semplificazione fiscale (sempre che si tratterà di vera semplificazione nei fatti) e per così dire liberal-trumpiane quelle che prevedono sanzioni per le aziende che prima prendono soldi dallo Stato e poi delocalizzano. Il giro di vite sull’immigrazione illegale dai Paesi africani (che è altro da questo decreto), portato avanti dall’altro vice-premier, il ministro dell’Interno Matteo Salvini, rientra anch’esso in questa ultima categoria. “Prima – dice Salvini - gli italiani”; “Make America great again”, sostiene il presidente Donald Trump, ossia… anche tenere il lavoro in Usa e fare lavorare gli americani.

Tutto sommato, essendo non tutti liberali i punti del Decreto Dignità, e non essendo esplicitati come tali quelli che lo sono, alla fine tale provvedimento, insieme a quanto dichiarato e promesso finora in particolare da Di Maio e Salvini, sembra fare intravedere un Governo pragmatico-nazionalista-populista (col solo ultimo dei tre termini negativo a parere di chi scrive).

Commenti
    Tags:
    decreto dignitàcontedi maio

    in evidenza
    Gf Vip 3 cast, colpo di scena Annunciati 2 nuovi concorrenti

    Spettacoli

    Gf Vip 3 cast, colpo di scena
    Annunciati 2 nuovi concorrenti

    i più visti
    in vetrina
    Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

    Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ferrari Monza SP1 e SP2, il nuovo concetto di serie speciale

    Ferrari Monza SP1 e SP2, il nuovo concetto di serie speciale

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.