A- A+
Lo sguardo libero
Immigrazione, il confuso razzismo degli italiani risvegliato da Bruxelles

L’ultimo caso oggi a Moncalieri. L’atleta italiana Daisy Osakue, di origine nigeriana, è aggredita da un gruppo di giovani e colpita al volto. Il giorno prima, ad Aprilia, un uomo di nazionalità marocchina, sospettato di tentativo di furto, viene ucciso da due italiani. E sono almeno una decina i casi di gravi aggressioni verificatesi negli ultimi 50 giorni contro migranti o a rom ad opera di italiani. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini dice:  “L’allarme razzismo è una invenzione della sinistra, gli italiani sono persone per bene, ma la loro pazienza è quasi finita. Io lavoro per riportare sicurezza e serenità nelle nostre città”. Anche il capo dello Stato, Sergio Mattarella, nei giorni scorsi si era dichiarato preoccupato per uno scenario da “Far West”.

La razza, parola che sostanzialmente dovrebbe essere cancellata dal vocabolario, pure esiste: un pigmeo è diverso da uno svedese. Sembra però improprio parlare di razzismo nel caso degli italiani, se non altro perché non esiste una razza italiana (errore di Benito Mussolini) perché gli italiani, per parlare volgarmente in termini razziali, sono grosso modo per quasi 2/3 di origine indoeuropea e per più di 1/3 araba (in particolare al Sud).

I fenomeni di questi giorni sembra che vadano contestualizzati in una situazione di disagio e di stress che  gli italiani si sono trovati ad affrontare, dal momento che è inconcepibile che un Paese sia per così dire costretto – oltre , anzi in virtù, degli accordi firmati con l’Europa - ad accogliere centinaia di migliaia di persone che arrivano senza, soldi, casa e lavoro… situazione che ha portato a  mezzo milione di clandestini stimati. Ovvio le intelligenze e gli  intelletti dei singoli e della maggioranza degli italiani reagiscono per quello che sono e che possono. Si aggiunga poi l’effetto emulazione e il risultato è quello sotto gli occhi di tutti. Se si può parlare di un certo grado di razzismo degli italiani, questo sembra essere stato risvegliato dall’immigrazione incontrollata imposta dall’Unione europea. Certo, grazie anche agli infausti trattati firmati con l’Ue, a partire da quello di Dublino, ratificato dal Governo Berlusconi e col sì della Lega Nord… e comunque i successivi non sono riusciti a modificare il principio per cui il Paese dove sbarcano i migranti deve farsi carico di essi.

Commenti
    Tags:
    immigrazionerazzismosalvini

    in evidenza
    Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Toninelli visto dall'artista

    i più visti
    in vetrina
    Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

    Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.