A- A+
Lo sguardo libero
Migranti, al Consiglio europeo il premier Conte ottiene più parole che fatti

Dopo aver minacciato di porre il veto, che cosa ottiene il presidente del Consiglio Giuseppe Conte al Consiglio europeo di Bruxelles? Di concreto l’Italia consegue che siano destinati 500 milioni ai Paesi africani per arricchire le loro economie e quindi scoraggiare i migranti economici. Ciò sembra essere l’unico elemento tangibile. Sempre concretamente, ma senza che da ciò derivino fatti, quindi si potrebbe dire teoricamente, l’Italia ottiene che – parole del premier – “non è più sola ed è affermato il principio che chi arriva in Europa e le navi che giungono nel Mediterraneo devono rispettare le leggi, quindi anche quelle delle Ong, e che non dovranno interferire con la Guardia costiera libica”.  Inoltre il documento congiunto dei 28 sostiene che ci sarà un nuovo approccio sui salvataggi basati su azioni condivise dei partner Ue, ma non specifica di che cosa fattivamente si tratti.

Poi c’è il capitolo delle buone intenzioni, come il proposito di approfondire e studiare in futuro come organizzare piattaforme in Africa per accogliere e gestire i migranti e di rimettere mano al Trattato di Dublino. Tutto questo nel futuro.

A che cosa rinuncia l’Italia? E’ prevista la creazione volontaria di hotspot in altri Paesi Ue. L’aggettivo è chiaro: volontario. Un po’ come dire, con una metafora e mutatis mutandis, che le tasse si pagano volontariamente. Chissà quindi (lo si dice ironicamente) se Austria e Ungheria apriranno hotspot. In sostanza: tutti i migranti che sbarcheranno in Italia continueranno a essere gestiti dall’Italia e i porti degli altri Paesi europei a essere chiusi alle navi che trasportano migranti. In più l’Italia dovrà riprendersi i migranti scappati dal suo territorio e finiti in Germania, ha dato il via libera allo stanziamento di tre miliardi per la Turchia e al rinnovo delle sanzioni alla Russia.

Se è vero che la negoziazione è il rapporto tra ciò che si ottiene e ciò a cui si rinuncia, il saldo sembrerebbe negativo. Per parte sua il vice-premier e ministro dell’interno Matteo Salvini dichiara: “Non mi fido delle parole, aspetto i fatti”.

Commenti
    Tags:
    migranticonteconsiglio europeo

    in evidenza
    Da Picasso all'arte islamica in Iran Jaca Book, ecco i libri in uscita

    Novità editoriali

    Da Picasso all'arte islamica in Iran
    Jaca Book, ecco i libri in uscita

    i più visti
    in vetrina
    Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

    Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

    Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.